Cerca nel blog

martedì 13 dicembre 2016

WWF DENUNCIA: "DELTA DEL PO, BRACCONIERI ALL'OPERA IN UN PATRIMONIO UNESCO"

Bracconieri all'opera in un'area Patrimonio della Biosfera" dall'UNESCO". I volontari e soci del WWF nei giorni scorsi hanno riscontrato la presenza di richiami acustici e sparatorie in pieno Parco del Delta del Po durante la consueta ricognizione antibracconaggio.

"Passano i mesi e gli anni e la situazione rimane tragicamente uguale a sé stessa - denunciano gli attivisti - Verso le 8 in laguna Vallona, nel territorio di Porto Viro in area veneta, risuonavano, come da prassi, i famigerati richiami acustici vietati dalla legge e si udivano sparatorie di 7-8 e più colpi. Come d'ordinanza numerose vedette sorvegliavano alcuni punti strategici pronte ad avvisare i bracconieri dell'arrivo della vigilanza o di altri sgraditi ospiti. Quando siamo stati avvistati infatti è piombato un innaturale silenzio in tutta la laguna. Naturalmente abbiamo registrato quanto abbiamo visto. Siamo pronti a scommettere che situazioni analoghe fossero in atto in tutte le lagune deltizie".

I volontari hanno quindi contattato il numero verde provinciale per segnalare la situazione palesemente fuori controllo ma è stato risposto che era disponibile una sola pattuglia in servizio in tutto il Delta e nessun natante a supporto. Secondo il WWF, infatti, le barche sono in secca da tempo e su questo l'associazione ha chiesto chiarimenti agli organi competenti poiché senza un mezzo natante è impossibile raggiungere gli appostamenti di eventuali bracconieri allestiti in mezzo alle lagune.

I crimini di natura sono una delle piaghe che colpiscono la fauna protetta italiana e purtroppo l'area del Delta del Po, in particolare nell'area veneta, è una delle 'aree calde' per il bracconaggio in Italia. Per questo il WWF ha chiesto da tempo che l'intera area del Delta del Po sia tutelata unitariamente come parco nazionale e che ci sia, dopo la recente riforma del Codice Penale che ha introdotto il Delitto contro l'ambiente, l'inasprimento delle sanzioni penali a tutela della fauna selvatica, ispirando i contenuti di un disegno di legge presentato al Senato (primo firmatario il Senatore Sollo). Il WWF Italia ha anche elaborato una proposta di legge proponendo il "Delitto di uccisione di specie protetta", con pene sia detentive che pecuniarie più severe e adeguate alla gravità.

L'azione antibracconaggio del WWF è attiva su tutto il territorio, grazie alle oltre 300 Guardie volontarie venatorie attive su tutto il territorio italiano e il sostegno concreto di centinaia di attivisti.

Il WWF ricorda che tutte le lagune del Delta del Po rientrano anche nel sistema di aree per la protezione delle specie animali e vegetali intitolata "Rete Natura 2000" che comprende le Zone di Protezione Speciale (ZPS) e i Siti di Interesse Comunitario (SIC). Tale sistema di aree protette è conseguenza di una convenzione internazionale, la Convenzione sulla Biodiversità, varata nel 1992 a Rio de Janeiro e sottoscritta anche dall'Italia. Il delta del Po è inoltre stato di recente dichiarato Area MAB dall'UNESCO Patrimonio dell'Umanità.
Il VIDEO girato nel Delta del Po durante i controlli antibracconaggio:
http://www.rovigooggi.it/articolo/2016-12-10/i-bracconieri-ci-sono-sono-e-la-fanno-franca/


Il Report WWF FURTO DI NATURA con la Mappa delle aree calde del bracconaggio in Italia e le case history italiane:
http://awsassets.wwfit.panda.org/downloads/furtodinatura_2016_28_09_def.pdf
TW: @WWFitalia


Roma, 13 dicembre 2016

--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI