Cerca nel blog

giovedì 26 gennaio 2017

Rifiuti: Perchè concorrenza non fa sempre rima con tutela dell'ambiente. Lo dimostra una ricerca LUISS

PERCHÉ CONCORRENZA NON FA SEMPRE RIMA CON TUTELA DELL'AMBIENTE: LA VIA ITALIANA ALLA GESTIONE DEI RIFIUTI DI IMBALLAGGIO MODELLO IN EUROPA

Roma, 26 gennaio 2017 –  Nella gestione dei rifiuti di imballaggio, tutela dell'ambiente e della concorrenza sono obiettivi che si intersecano, ma che non convergono necessariamente

È questo il risultato principale emerso da una ricerca, promossa da CONAI (Consorzio Nazionale Imballaggi) e realizzata dall'Università LUISS-Guido Carli, intitolata "La gestione dei rifiuti di imballaggio in Italia: profili e criticità concorrenziali", e presentata questa mattina alla presenza di Giovanni Pitruzzella, Presidente AGCM (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato), Raffaele Bifulco, Vice Capo Gabinetto Ministero dell'Ambiente e Claudio Andrea Gemme, Presidente Gruppo Tecnico Industria e Ambiente di Confindustria.

La ricerca si è soffermata ad analizzare i principali profili e criticità concorrenziali dell'attuale organizzazione della gestione dei rifiuti di imballaggio. 

La ricerca evidenzia che vi sono casi "in cui i meccanismi concorrenziali non riescono a garantire un adeguato livello di tutela ambientale, giustificando l'adozione di misure limitative della concorrenza".

Il modello italiano, "basato sulla centralità del sistema consortile in funzione sussidiaria rispetto agli altri operatori" appare "giustificabile al fine di garantire la prestazione universale del servizio, che assicura la gestione dei rifiuti di imballaggio su tutto il territorio nazionale e per tutti i tipi di rifiuti di imballaggio".

I requisiti di legge per la nascita dei sistemi autonomi e il raccordo tra Conai e la Pubblica Amministrazione, fanno sì che "non si creino problemi di cherry picking", lasciando scoperte le aree geografiche o le frazioni merceologiche che non generano ritorni economici.

La ricerca evidenzia che al fine di poter utilizzare al meglio la "leva concorrenziale" per soddisfare gli obiettivi ambientali "possa essere attuato un miglior collegamento tra il livello contributivo ambientale e i costi dell'impatto ambientale delle fasi di fine vita e nuova vita degli imballaggi".

"Abbiamo commissionato all'ateneo LUISS una ricerca sui profili e criticità concorrenziali nella gestione dei rifiuti di imballaggio per aggiungere un contributo di valore al dibattito su questo tema" ha dichiarato Roberto De Santis, Presidente di CONAI. 

"Noi riteniamo che, qualora si intenda procedere ad interventi di evoluzione della normativa, ciò debba avvenire in maniera organica, evitando interventi legislativi parziali che potrebbero mettere a repentaglio gli importanti risultati di riciclo conseguiti. Occorre che tutti i soggetti coinvolti si facciano carico degli oneri ambientali connessi alla loro attività e siano chiamati ad obblighi di compliance e di trasparenza".

"L'introduzione di ulteriori misure di concorrenza all'interno di un mercato come quello della gestione dei rifiuti di imballaggio deve necessariamente tenere conto di alcune peculiarità tipiche del contesto, come l'interesse pubblico delle Amministrazioni a non lasciare frazioni di rifiuti non raccolte per strada" ha commentato Michele Grillo, Professore Ordinario di Economia Politica presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e già componente del Collegio dell'Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato. 

"Per questo, una eventuale riforma del mercato dovrà assicurare il fine ultimo ambientale e il raggiungimento degli obiettivi di legge, garantendo allo stesso tempo la trasparenza dei flussi gestiti e adeguati meccanismi di controllo".



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI