Cerca nel blog

giovedì 9 marzo 2017

Energia: un protocollo green per l’efficienza e la sostenibilità ambientale nel cinema (Comunicato stampa ENEA)

I risultati dello studio ENEA-Green Cross Italia sulla filiera dell'industria cinematografica


Roma, 9 marzo 2017 – L'intera industria cinematografica mondiale è responsabile del 2 per cento delle emissioni globali di CO2. È quanto emerge dal convegno #CinemaInClasseA, organizzato a Roma da ENEA e Green Cross Italia, che ha analizzato i consumi e le possibilità di risparmio del settore in Italia. "Abbiamo calcolato che i consumi di energia e le relative emissioni si potrebbero ridurre di circa il 20 per cento, se tutte le produzioni cinematografiche adottassero protocolli di sostenibilità per la realizzazione dei propri film", ha sottolineato Antonio Disi dell'ENEA, coordinatore della Campagna nazionale per l'efficienza energetica Italia in classe A, promossa dal Ministero dello Sviluppo Economico e realizzata dall'ENEA.
"Attualmente nel settore delle produzioni cinematografiche sono in uso almeno tre diversi disciplinari[1]. Per accrescere l'efficienza energetica e ridurre le emissioni di CO2 in tutta la filiera dell'industria cinematografica sarebbe auspicabile un unico protocollo di sostenibilità riconosciuto a livello nazionale da parte del MiBACT e delle Film Commission regionali, che consentisse di misurare i consumi e valutarne gli impatti, per poi programmare interventi di qualificazione ambientale del processo di lavorazione dei film. Auspichiamo, inoltre, che l'adozione di tale protocollo possa prevedere anche premialità per le case di produzione in fase di assegnazioni dei finanziamenti pubblici", ha spiegato Marco Gisotti, direttore del premio Green Drop Award, assegnato da Green Cross Italia nell'ambito del Mostra del Cinema di Venezia al film in concorso che meglio interpreta i temi della sostenibilità.
"Il potenziale di efficienza energetica - ha aggiunto Disi - sarebbe ancora più ampio coinvolgendo anche tutto l'universo delle sale cinematografiche, con interventi sui sistemi di illuminazione, dai quali sarebbe possibile ottenere risparmi fino al 60 per cento, e su quelli di climatizzazione, che rappresentano la spesa maggiore e da cui si otterrebbe un abbattimento dei consumi fino al 15 per cento". Un cinema multisala può arrivare a consumare fino a 2 milioni di kWh l'anno, pari ai consumi elettrici di 750 famiglie italiane, e nel nostro Paese sono oggi in esercizio 516 multisala, 650 cinema teatro e 2.396 sale cinematografiche.
"Per raggiungere tali risultati - ha concluso Disi - c'è bisogno di un'azione comune che coinvolga le istituzioni e le principali associazioni di categoria, quali ANICA, ANEC e ANEM[2], le rappresentanze degli artisti e dei tecnici del cinema, nonché le Film Commission. Noi di ENEA, insieme a Green Cross Italia, siamo disponibili ad accompagnare tale processo che può contribuire sicuramente al raggiungimento dell'obiettivo globale".



[1] Ecomuvi, realizzato da Tempesta insieme ad Icei; Edison Green Movie, sviluppato da Edison; Green Ciak, messo a punto da Cremonesi Consulenze.
[2] ANICA - Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive Multimediali; ANEC - Associazione Nazionale Esercenti Cinema; ANEM - Associazione Nazionale Esercenti Multiplex.



--

www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI