Cerca nel blog

martedì 7 marzo 2017

La sostenibilità si fa largo nelle strategie aziendali pure in Italia. Quasi un'azienda su due investe in iniziative per l'integrazione della sostenibilità nel core business, ottenendo vantaggi economici e commerciali significativi

Nel mondo, la sostenibilità è entrata a far parte 

L'Italia non fa eccezione, seppur con cifre ancora inferiori alla media. 

È quanto emerge dallo studio "Seize the change" condotto dall'ente di certificazione DNV GL e da EY, con il supporto di GFK Eurisko.

L'analisi è stata presentata stamane a Milano in una tavola rotonda che ha visto la partecipazione di Fondazione Sodalitas e i rappresentanti di importanti aziende - tra cui Bolton Alimentari, Enel, Gruppo Hera, Intesa Sanpaolo e Pedon - che hanno discusso dell'importanza di approcciare la sostenibilità come premessa strategica ineludibile per garantire un successo imprenditoriale duraturo.


ITALIA: LA SOSTENIBILITÀ NON È UN OPTIONAL
Il 40% delle imprese del Bel Paese dichiara di integrare la sostenibilità nel proprio core business.  

"Un valore di circa dieci punti percentuali inferiore rispetto alla media globale, ma che segna il passaggio a una visione della sostenibilità non più come di un'aggiunta alle attività ordinarie, ma come elemento da integrare nelle strategie aziendali, con risvolti nelle prassi quotidiane" commenta Nicola Privato, Regional Manager Southern Europe & Africa, DNV GL - Business Assurance.


Circa 1 azienda italiana su 2 si è dotata di una policy ad hoc e altrettante hanno investito in iniziative specifiche nell'ultimo triennio. 


In vetta alla classifica delle azioni intraprese figurano le politiche di mitigazione degli impatti (35%), le attività per la diffusione della cultura della sostenibilità (29%) e lo stakeholder engagement (19%).

BENEFICI DI MERCATO
Parlare di sostenibilità non significa mettere in discussione che la priorità di un'azienda sia garantire la redditività.

La maggior parte delle aziende che ha intrapreso iniziative dedicate ne ha, infatti, tratto beneficio: in termini di compliance normativa (30%), ma anche di valorizzazione della reputazione di marca e di miglioramento delle relazioni con i clienti (entrambi veri per 1 impresa su 5).

Ciò che è certo è che i benefici superano di gran lunga i costi per il 40%. 
Cosa frena dunque le aziende italiane?
1 su 2 deve, purtroppo, fare i conti con altre priorità di breve termine.

INVESTIMENTI A MEDIO TERMINE
Interrogate sul futuro, le imprese dichiarano di voler mantenere alta l'attenzione sul tema.

"Oggi è consolidata la capacità delle aziende di cogliere e mitigare i rischi della sostenibilità per il business. Dall'indagine condotta da EY insieme a DNV GL è emerso che il 45% delle aziende italiane e globali ha in programma di investire di più nell'integrazione della sostenibilità nei prossimi tre anni. 
Il futuro dovrà estendere tale sensibilità alle diverse aree di opportunità. 
A tal fine è indispensabile mostrare alle aziende quale sarà la futura evoluzione dell'agenda globale e locale sui temi legati alla sostenibilità, evidenziando le potenziali connessioni con l'attività core dell'azienda" dice Riccardo Giovannini, Partner, Team Sustainability di EY.

Gli strumenti a disposizione sono molti, ma per la maggior parte delle aziende il maggior potenziale nei prossimi tre anni verrà soprattutto dall'adozione di sistemi di gestione (58%).



FOCUS SUGLI STRUMENTI
Gli esperti di DNV GL e EY hanno realizzato anche lo studio con un'analisi dei principali strumenti esistenti che consentono alle aziende di lavorare per l'integrazione della sostenibilità nel proprio core business; sia in una logica di supporto alla gestione delle attività ordinarie, sia come guida nella ridefinizione della strategia.

La valutazione ha evidenziato come vincente l'approccio dello "Shared Value", che vede nella creazione di valore condiviso per la comunità e per l'azienda la strategia maggiormente premiante, nella piena convinzione che la competitività del contesto di riferimento e delle imprese siano interdipendenti.

Non esistono strumenti in grado di supportare a 360° le aziende nel processo di integrazione della sostenibilità nel modello operativo; tuttavia il ricorso ai sistemi di gestione (indicato anche dalle aziende stesse), al reporting secondo le linee guida GRI e alla norma ISO 26000 possono fornire un valido aiuto.

Purtroppo al momento non esistono, invece, tool adeguati per la misurazione del grado di integrazione della sostenibilità o del livello di cultura della sostenibilità, interno ed esterno alle organizzazioni.
 

METODOLOGIA E CAMPIONE SEIZE THE CHANGE
L'analisi delle definizioni di integrazione di sostenibilità in apertura al rapporto sono state condotte attraverso lo studio di più di 100 fonti tratte dalla letteratura accademica e da articoli di addetti ai lavori.

Il sondaggio sul grado di integrazione della sostenibilità nel core business condotto da DNV GL - Business Assurance e EY, con il supporto di GFK Eurisko, fa parte della serie di analisi dell'osservatorio Viewpoint di DNV GL

L'indagine è stata realizzata nel giugno 2016 su un campione di 1.524 professionisti di aziende di diversi comparti dei settori primario, secondario e terziario in Europa, Nord America, Centro e Sud America e Asia. Le aziende italiane facenti parte del campione sono 193.

Il campione è costituito da clienti di DNV GL - Business Assurance e non è statisticamente rappresentativo delle aziende del mondo:
il 23% delle aziende coinvolte conta meno di 50 addetti, il 45% fra 50 e 1000 e il 24% 1000 o più il 5% appartiene al settore primario, il 51% al secondario e il 35% al terziario.

Il questionario è stato somministrato con metodologia CAWI (Computer Assisted Web Interviewing)

Nell'individuazione degli strumenti per l'integrazione della sostenibilità, l'esperienza degli esperti di DNV GL e EY è stata avvalorata dall'analisi bibliografica. La verifica della validità è stata condotta attraverso la valutazione della capacità degli stessi di determinare un impatto sulla mission aziendale, sul business model, sui processi aziendali primari e di supporto, secondo una scala da 0 a 3.


Ulteriori informazioni sullo studio e sull'analisi degli strumenti sono disponibili nel rapporto disponibile sul sito di DNV GL:
www.dnvgl.it/assurance/general/Integrare_la_sostenibilita.html




DNV GL è uno dei principali enti di certificazione a livello mondiale. Aiuta le aziende a garantire l'efficienza delle proprie organizzazioni, nonché di prodotti, personale, strutture e catene di fornitura attraverso servizi di certificazione, verifica, valutazione e formazione, affiancandole per consolidare performance aziendali sostenibili e alimentare la fiducia da parte degli stakeholder.

DNV GL opera in oltre 100 paesi attraverso professionisti impegnati ad assistere con dedizione i nostri clienti per rendere il mondo più sicuro, smart e verde.

EY è leader mondiale nei servizi professionali di revisione e organizzazione contabile, assistenza fiscale e legale, transaction e consulenza. La nostra conoscenza e la qualità dei nostri servizi contribuiscono a costruire la fiducia nei mercati finanziari e nelle economie di tutto il mondo. 

I nostri professionisti si distinguono per la loro capacità di lavorare insieme per assistere i nostri stakeholder al raggiungimento dei loro obiettivi. Così facendo, svolgiamo un ruolo fondamentale nel costruire un mondo professionale migliore per le nostre persone, i nostri clienti e la comunità in cui operiamo.

Il team Sustainability di EY propone idee e soluzioni volte a sostenere la competitività e la reputazione dei nostri clienti, integrando i principi della sostenibilità nelle strategie di business. 

Al centro del nostro approccio c'è il cliente, che supportiamo in modo completo nelle aree assurance, compliance, processi, strategia, misurazione e reporting, aiutandolo a cogliere le opportunità nell'ambito della sostenibilità economica, sociale e ambientale.

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI