Cerca nel blog

domenica 4 giugno 2017

Progetto Prepair, il bacino padano fa squadra contro l'inquinamento: 18 partner, 17 milioni di euro e 7 anni per combattere lo smog. L'8 e il 9 giugno a Bologna l'evento iniziale

Progetto Prepair, il bacino padano fa squadra contro 
l'inquinamento: 18 partner, 17 milioni di euro e 7 anni per combattere lo smog. L'8 e il 9 giugno a Bologna l'evento inizialeAl via il progetto europeo Prepair (Po Regions Engaged to Policies of Air) che coinvolge 18 partner nazionali e internazionali tra cui tutte le Regioni del bacino padano. Obiettivo: promuovere stili di vita, di produzione e di consumo più sostenibili in quest'area. Il progetto può contare su 17 milioni di euro, 10 dei quali messi a disposizione dall'Europa. Trasporti, efficienza energetica, combustione di biomasse e agricoltura i settori di intervento. L'8 e 9 giugno a Bologna l'evento iniziale del progetto, con la conferenza "Government policies on air quality and climate change"
Il 40% della popolazione italiana – oltre 23 milioni di persone - risiede nelle regioni che compongono la Pianura Padana e in quest'area viene prodotto oltre il 50% del PIL nazionale. Da ciò deriva un elevato impatto emissivo del bacino padano che produce il 50% delle emissioni nazionali di tutti gli inquinanti e, nel caso dell'ammoniaca, la percentuale sale addirittura al 70%.

A causa della conformazione orografica del bacino padano, le misure applicate in una sola regione sono poco efficaci: dopo un altro inverno “rosso” per gli incessanti allarmi smog, e l'ennesimo richiamo da parte di Bruxelles per l'Italia sui valori dei contaminanti atmosferici, ora 18 realtà istituzionali e non, di quest'area si sono unite per mettere in campo una strategia che affronti dal basso e in maniera coordinata il problema dell'inquinamento atmosferico, educando, informando e formando. E' questa la finalità del progetto europeo PREPAIR: promuovere stili di vita, di produzione e di consumo più sostenibili, cioè capaci di incidere sulla riduzione delle emissioni. Per farlo, saranno realizzate specifiche azioni di sensibilizzazione e divulgazione rivolte ad operatori pubblici, privati e alle comunità locali.

La conferenza “Government policies on air quality and climate change” che si terrà a Bologna l'8 e il 9 giugno presso la sede della Regione Emilia-Romagna (Viale della Fiera, 8, Sala “20 Maggio”), ha come oggetto le politiche sulla qualità dell'aria e sul cambiamento climatico attuate a livello europeo, nazionale e nei territori del bacino padano (Vai al programma e al modulo di iscrizione: www.ervet.it/?page_id=10814).
Nell'elaborare il progetto i partner sono partiti da una chiara consapevolezza: l'aria non ha confini. L'esperienza degli ultimi quindici anni dimostra infatti che solo misure integrate e di area vasta permettono di raggiungere risultati più efficaci. Prepair trova le sue origini proprio in questo percorso: si tratta di un progetto strategico e di ampio respiro da più punti di vista: non solo per la dimensione territoriale estesa a tutta l'area del bacino del Po e al territorio sloveno, ma anche per la dimensione economica e per quella temporale, dal momento che si svilupperà fino al gennaio 2024.

A disposizione ci sono 17 milioni di euro da investire nell'arco di 7 anni: ben 10 quelli in arrivo dall'Europa grazie ai fondi del Programma Life, a dimostrazione di quanto sia fondamentale il supporto delle istituzioni comunitarie nel dar vita a politiche innovative e di largo respiro, sempre più orientate alla sostenibilità, alla tutela dell'ambiente e della salute.

Le Regioni Emilia-Romagna, capofila del progetto, Lombardia, Piemonte, Veneto, Friuli Venezia Giulia e la Provincia di Trento, insieme ai tre principali Comuni di quest'area - Milano, Torino e Bologna – e alle agenzie ambientali, ora lavorano insieme per sostenere il percorso che dovrà portare al pieno rispetto degli standard comunitari. L'iniziativa - che coinvolge anche l'Agenzia per l'ambiente della Slovenia - avrà durata settennale e si concluderà quindi nel 2024. Il progetto Prepair è un progetto “integrato”, in quanto in grado di mobilitare oltre 850 mln di euro provenienti dai fondi strutturali dei diversi partner e che hanno direttamente o indirettamente ricadute sulla qualità dell'aria.

Dai trasporti all'agricoltura, i campi di intervento di Prepair
L'elevata densità della popolazione e l'intensità del tessuto produttivo del bacino padano comportano un'alta concentrazione di fonti di emissioni di inquinanti. L'urbanizzazione diffusa e il particolare modello di sviluppo economico basato su piccole e medie imprese determinano una grande necessità di mobilità, che si riflette nelle emissioni inquinanti dovute al traffico veicolare - responsabile del 50% delle emissioni di ossidi di azoto -  e agli impianti di riscaldamento: circa un terzo  delle emissioni di PM10 è prodotto dalla combustione di biomassa per uso civile. I processi industriali, pur essendo sottoposti a rigide normative ambientali, comportano l'emissione in atmosfera di una grande varietà di composti chimici. Anche agricoltura e allevamento contribuiscono all'inquinamento atmosferico attraverso l'emissione di rilevanti quantità di ammoniaca e metano, che sono rispettivamente un precursore degli inquinanti secondari e un potente gas serra.

Trasporti, gestione razionale dell'energia, riscaldamento domestico e agricoltura: sono proprio questi i campi di intervento individuati per sperimentare azioni di miglioramento della qualità dell'aria a partire dal bacino padano. Tra gli interventi concreti che saranno portati avanti dal progetto Prepair, c'è la realizzazione di una piattaforma permanente per la condivisione dei dati, il monitoraggio e la valutazione della qualità dell'aria nel bacino padano, comprensiva anche degli effetti dell'inquinamento transfrontaliero Italia-Slovenia. Nel settore agricoltura, il programma individua lo sviluppo di uno strumento comune di valutazione delle misure per ridurre le emissioni degli allevamenti; è prevista, inoltre, la diffusione delle buone pratiche per l'utilizzo dei fertilizzanti, anche attraverso l'elaborazione di un sistema di assistenza agli agricoltori per limitare lo spandimento nei periodi a maggior rischio di accumulo di inquinanti in atmosfera. Ancora, specifiche azioni di formazione sono indirizzate ai professionisti del settore per la progettazione, la manutenzione e il controllo degli impianti di produzione di energia a biomassa; altre riguardano il risparmio energetico e sono destinate a enti locali, operatori economici e cittadini. Nel campo dei trasporti, si mira ad elaborare strumenti comuni per supportare la mobilità pubblica, elettrica e ciclabile, oltre alla gestione razionale delle merci, anche attraverso l'adozione di azioni pilota e dimostrative.

I 18 partner del progetto

Sono 18 i partner che partecipano al progetto Life Prepair: oltre alla Regione Emilia-Romagna, che svolge il ruolo di capofila, ci sono Lombardia, Piemonte, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Provincia di Trento, Agenzie ambientali di Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte, Veneto, Valle d'Aosta, Friuli Venezia Giulia e Agenzia per l'ambiente della Slovenia; i Comuni di Bologna, Torino e Milano; Ervet e Fondazione Lombardia per l'Ambiente.

L'8 e 9 giugno a Bologna l'evento iniziale del progetto e la firma dell'accordo antismog col Ministro Galletti
Il primo evento pubblico collegato al progetto Prepair rientra tra i side-event del G7 Ambiente e si terrà a Bologna il prossimo 8 e 9 giugno: si tratta della conferenza “Government policies on air quality and climate change”. La giornata iniziale dell'8 giugno illustra i contenuti e gli obiettivi di PREPAIR e coinvolge i portatori di interesse sulle varie tematiche del progetto; una sessione specifica è dedicata al networking con progetti correlati che agiscano sui medesimi settori oggetto di PREPAIR.
La conferenza del 9 giugno è un evento istituzionale che coinvolge rappresentanti nazionali ed europei sulla qualità dell'aria e il cambiamento climatico, e le Regioni Emilia – Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto, attualmente interessate dalla procedura di infrazione sul PM10. È nel quadro della conferenza internazionale di lancio di PREPAIR che viene firmato un nuovo accordo di programma per l'adozione coordinata e congiunta di misure per il miglioramento della qualità dell'aria nel bacino padano fra il Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare e le Regioni Emilia – Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto. L'accordo individua azioni specifiche nei settori maggiormente impattanti sulla qualità dell'aria nel bacino padano quali trasporti, combustione di biomasse per uso domestico, agricoltura e zootecnia, con un approccio integrato e coordinato fra le politiche settoriali dei diversi livelli istituzionali e coniugando le esigenze di risanamento della qualità dell'aria con gli obiettivi di più ampia scala legati al cambiamento climatico.


•    Vai al programma e al modulo di iscrizione: 
www.ervet.it/?page_id=10814

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI