CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news sull'Eco-Sostenibilità

Le ultime notizie di AlternativaSostenibile.iy

Cerca nel blog

giovedì 19 novembre 2020

LE ECOLAVANDERIE AUTOMATICHE, ITALIANE, POSHWASH PROGRAMMANO APERTURA 20 NUOVI NEGOZI.

IL FORMAT ITALIANO DI LAVANDERIE AUTOMATICHE ED ECOLOGICHE POSHWASH
PREMIATO DAGLI INVESTITORI CON 430K DI RACCOLTA IN UNA SETTIMANA, SU CROWDFUNDME.

A BREVE NUOVE APERTURE IN ITALIA E ALL'ESTERO

 

Milano, 19 novembre 2020 – Ha raccolto circa 430mila euro nella sua prima settimana di campagna di crowdfunding su CrowdFundMe – unica piattaforma di Crowdinvesting (Equity Crowdfunding, Real Estate Crowdfunding e Corporate Debt) quotata a Piazza Affari – PoshWash, il format italiano di lavanderie automatiche ed ecologiche. 

PoshWash è una startup innovativa che ha sviluppato un concept di lavanderie automatiche caratterizzato da strumenti hi-tech e dal basso impatto ambientale (quest'ultimi prodotti da Mentasti, un'azienda di Milano considerata dal 1911 all'avanguardia delle tecnologie del lavaggio e dello stiro industriale) che consumano 7,2Kw contro la media di 14Kw della concorrenza e consentono di recuperare tra i 70 e100 litri di acqua (a seconda del modello utilizzato) a ogni lavaggio. Inoltre, le lavanderie della società a breve avranno a disposizione un macchinario – M19 – per la sanificazione (con brevetto internazionale in licenza d'uso esclusivo), attualmente in test presso il comando Vigili del Fuoco di Milano e, nei mesi scorsi, studiato e sperimentato con successo da un prestigioso ateneo e un rinomato ospedale per analizzarne l'efficacia nella rigenerazione delle mascherine e nel contrasto al Covid-19. 

Forte dei fondi raccolti e della scalabilità del suo business che prevede bassi costi, a fronte di stime di guadagno elevato, PoshWash sta programmando la sua espansione, in Italia e all'estero, attraverso il franchising e punti vendita diretti, che si andranno ad aggiungere ai quattro già operativi in Nord Italia e al flagship store di Milano, inaugurato con successo qualche mese fa e già considerato un "luogo di tendenza", scelto da noti artisti e band musicali per girare dei video. 

Il format di lavanderie ha incassato il plauso di alcuni dei più importanti attori del mondo delle utility: due gruppi hanno già manifestato interesse a cooperare con la catena quando raggiungerà una determinata massa critica di punti vendita. La forte fiducia degli investitori in questo progetto - manifestata da una raccolta fondi record di circa 430mila euro nella prima settimana di equity crowdfunding, con il superamento del primo obiettivo economico di 400mila euro -  è dovuta al fatto che si tratta di una ottima scelta di diversificazione, in un settore dell'"economia reale" promettente, dai rischi limitati e in grado di generare un ritorno concreto e importante, che potrà sostanziarsi in utili distribuiti ai soci. Del resto, il business presenta una marginalità elevata, dal momento che non richiede l'impiego di personale, che i consumi sono tra i più bassi sul mercato e che gli unici costi sono gli affitti, le utilities (luce-acqua-gas) e i saponi. Di conseguenza, con un canone di affitto non esoso e con un buon ricavo la somma dei costi può raggiungere il 60-65% dei ricavi, con un margine (EBITDA) intorno al 35-40% per ogni negozio.         

La campagna di equity crowdfunding su CrowdFundMe, che terminerà a gennaio, servirà per finanziare tra le 10 e le 20 nuove aperture in Italia e all'estero e a sostenere spese di ricerca e sviluppo, operatività e gestione e marketing.

Per saperne di più sulla campagna di equity


--
www.CorrieredelWeb.it

giovedì 8 ottobre 2020

Mobilità elettrica: Energica, IL CDA APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2020. CONFERMATO TREND POSITIVO DELLE VENDITE E DEL MERCATO EV


ENERGICA: IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2020.

CONFERMATO TREND POSITIVO DELLE VENDITE E DEL MERCATO EV

 

  • Fatturato consolidato pari a Euro 2,2 milioni (+23% vs 30 giugno 2019);

  • EBITDA consolidato pari ad Euro –2,7 milioni, rispetto a Euro -3,2 milioni al 30 giugno 2019

  • Posizione finanziaria netta pari a Euro -0,6 milioni (passiva e pari a Euro -0,3 milioni al 31 dicembre 2019)

  • In costante crescita la rete di dealer in tutto il mondo (n.69 ad oggi vs n.49 al 31 Dicembre 2019)

  • Significativa crescita degli ordinativi che alla data attuale superano il fatturato dell'intero anno 2019, nonostante le difficoltà legate al Covid-19

 

Modena, 29 Settembre 2020

Il Consiglio di Amministrazione di Energica Motor Company, riunitosi in data odierna sotto la presidenza di Franco Cevolini, ha approvato la relazione finanziaria semestrale del Gruppo al 30 giugno 2020.

 

Livia Cevolini, CEO di Energica Motor Company, ha così commentato:

"Nonostante il periodo complesso che stiamo vivendo e lo slittamento del calendario MotoE, siamo estremamente soddisfatti dei risultati ottenuti nel primo semestre 2020, che confermano la nostra leadership nel settore. Il lockdown dovuto al Covid-19 che ci ha costretti ad arrestare la produzione per circa un mese, non ha fermato la crescita del mercato dei veicoli elettrici. La nuova gamma MY2020 ha continuato a ricevere un riscontro fortemente positivo sul panorama internazionale e nei soli primi 8 mesi del 2020 abbiamo ricevuto un portafoglio ordini il cui controvalore è più che raddoppiato rispetto all'intero venduto 2019.

La produzione Energica continua ad accelerare per allinearsi alla straordinaria crescita, abbiamo aumentato l'operatività consegnando oltre il 78% dell'ordinato alla rete vendita che conta oggi più di 70 dealers in tutto il mondo.

Questo risultato è stato ottenuto grazie all'intenso lavoro svolto dal nostro team e ai significativi investimenti per il nostro sviluppo; in tal senso è stato di grande rilevanza il supporto di Simest destinato a rafforzare la nostra presenza estera.

Il mercato elettrico, al contrario di quello tradizionale, si conferma tra i principali macro trend in crescita nell'economia globale e la nostra devozione all'innovazione ci permetterà mantenere la nostra leadership e di porre nuove milestone nel settore, grazie anche all'esperienza racing come Costruttore Unico FIM Enel MotoE World Cup."

 

Principali risultati consolidati al 30 giugno 2020

 

Il fatturato, pari a Euro 2,2 milioni, ha registrato una crescita pari al 23% rispetto al 30 giugno 2019. Il controvalore del portafoglio ordini ha raggiunto quota 3,7 milioni di euro dalla vendita delle sole moto alla data del 30 giugno 2020. Una consistente quota di ricavi è stata ottenuta nei mesi estivi a causa dello slittamento della produzione dovuta alla problematica Covid-19. Il trend positivo degli ordinativi è stato ottenuto grazie alla crescente visibilità ottenuta attraverso alla partecipazione al MotoE come costruttore unico, sia al lancio dei nuovi modelli della gamma MY2020, allestiti con una capacità della batteria che permette un raddoppio dell'autonomia. Durante il primo semestre 2020 sono stati siglati numerosi nuovi accordi commerciali in tutto il mondo: l'ampliamento della rete ha riguardato importanti aree commerciali come Giappone, Italia, Francia, UAE, Indonesia, Belgio e California. Ad oggi il numero dei dealer è pari a nr.69 (vs N.49 al 31 Dicembre 2019) + 2 Service Center, di cui 49 in EU, 12 in USA e 8 nel resto del mondo.

 

L'EBITDA, negativo per Euro 2,7 milioni, registra un miglioramento rispetto al 30 giugno 2019 (negativo per Euro 3,2 milioni al 30 giugno 2019).

 

L'EBIT è negativo per Euro 4,0 milioni (negativo per Euro 4,4 milioni al 30 giugno 2019).

 

Il Risultato Netto è negativo per Euro 4,0 milioni (negativo per Euro 4,5 milioni al 30 giugno 2019).

 

La Posizione Finanziaria Netta è passiva pari a Euro -0,6 milioni (passiva per Euro -0,3 milioni al 31 dicembre 2019).

Nel mese di gennaio 2020 la Società ha pubblicato il suo primo Report di Sostenibilità, facendo riferimento alle metodologie e ai principi previsti dai GRI Sustainability Reporting Standards.

 

Investimenti

 

Nel corso del periodo la Società ha sostenuto investimenti volti alle seguenti attività:

  1. Miglioramento tecnologico dei prototipi Ego Corsa volti allo sviluppo delle moto da corsa coinvolte nella FIM Enel MotoE World Cup;

  2. Nuova forza lavoro per le aree produttive;

  3. Comunicazioni on line ed off line centrate sulla brand awareness mondiale;

  4. Piano marketing volto alla promozione del prodotto e della rete vendita;

  5. Produzione e diffusione di Demo Bike per lo sviluppo della rete commerciale e per aumentare la

  6. visibilità locale ed internazionale.

 

Principali fatti di rilievo successi dopo la chiusura del I semestre 2020

 

  • La VCU (Vehicle Control Unit) Energica supera l'esame tecnico per l'ottenimento del brevetto in Cina

  • Conferma la crescita del portafoglio ordini che al 31 agosto si attesta a circa Euro 4,3 milioni, pari al al 190% del fatturato derivante dalle vendite di moto dell'intero 2019 (Euro 2,3 mln)

  • Sottoscritto un accordo di factoring con General Finance S.p.A. per il finanziamento della rete di concessionari

  • Ottenuto finanziamento Simest per potenziare l'internazionalizzazione del Gruppo

  • Firmato un nuovo accordo commerciale con Cooltra Motos Italia, società specializzata nella fornitura di servizi di mobilità attraverso lo sharing e il noleggio a breve, medio e lungo termine.

  • Il 19 Luglio sul circuito di Jerez de la Frontera è iniziata la seconda stagione del campionato FIM Enel MotoE, che quest'anno avrà una gara in più rispetto alla stagione inaugurale.

 

Evoluzione prevedibile della gestione

Il management della Società ritiene che il positivo trend di crescita di fatturato avviato nei primi mesi del 2020 e in costante incremento possa continuare nel corso dell'intero anno grazie alla crescente brand awareness del gruppo, allo sviluppo della rete infrastrutturale a favore della mobilità elettrica nonché alla realizzazione di nuovi accordi e partnership per la vendita nel mondo delle moto a marchio Energica.

 




--
www.CorrieredelWeb.it

algoWatt avvia attività di General Contractor per riqualificazioni energetiche degli edifici con Superbonus del 110%


algoWatt avvia attività di General Contractor per riqualificazioni energetiche degli edifici con Superbonus del 110%

  • Saranno realizzati interventi "chiavi in mano" ed a "costo zero" per il cliente

  • Priorità alla costituzione di comunità energetiche rinnovabili e a progetti di autoconsumo collettivo

 

algoWatt, greentech solutions company quotata sul mercato telematico azionario (MTA) di Borsa Italiana, annuncia l'avvio dell'attività di General Contractor per le ristrutturazioni e le riqualificazioni energetiche con la formula del Superbonus e del Sismabonus del 110%, come previsto dal Decreto Rilancio.

In particolare, algoWatt opererà come promotore dell'operazione di riqualificazione, avendo strutturato – con appositi accordi quadro e impegni contrattuali - una rete operativa di professionisti, imprese, installatori e partner finanziari e assicurativi e coordinerà i fattori necessari per la realizzazione dell'intervento, garantendo un servizio "chiavi in mano".

In qualità di General Contractor e con un team interno dedicato, la società rappresenterà l'unico referente per il committente e seguirà direttamente l'intero ciclo degli interventi: dal servizio di consulenza iniziale, legato alla fattibilità degli interventi di riqualificazione energetica e alla scelta di prodotti e servizi, al cronoprogramma dei lavori, dalla gestione del budget alla conduzione del cantiere, fino al rapporto con i fornitori e al disbrigo di tutti gli adempimenti burocratici, senza gravare sui clienti.

algoWatt si rivolgerà direttamente agli amministratori di condominio e agli altri soggetti interessati dal Decreto, operando prevalentemente con la formula del "costo zero per il cliente", acquisendone il vantaggio fiscale grazie allo strumento di cessione del credito, ma in caso di particolari esigenze realizzerà riqualificazioni anche con la formula del coinvestimento del committente, laddove il progetto preveda interventi co-finanziati con Ecobonus (50%, 65%, ecc.) o altre formule agevolative. algoWatt, in qualità di General Contractor, acquisite le detrazioni fiscali del committente e trasformate in credito d'imposta per un importo corrispondente, accederà alla facoltà di successiva cessione ad istituzioni finanziarie, di credito o assicurative, certificando il possesso di tutti i requisiti di legge (miglioramento di due classi energetiche, o miglioramento sismico, congruità dei costi e rispetto dei requisiti minimi, asseverazione dell'intervento e visto di conformità).

L'esperienza della società nel settore energetico sarà, inoltre, determinante per promuovere progetti di autoconsumo, anche collettivo, dell'energia prodotta di costituzione delle cosiddette "comunità di energia rinnovabile", con la finalità di migliorare l'efficienza energetica e salvaguardare l'ambiente, diminuendo l'impiego di combustibili fossili. Il Superbonus viene, infatti, riconosciuto anche per la realizzazione di comunità energetiche fino a 200 kW. Ai benefici estesi dal decreto Rilancio possono accedere anche i condomìni che costituiranno una comunità energetica, ottenendo i benefici del ritiro dedicato dell'energia immessa in rete oltre a ricevere sconti applicabili sulle componenti della bolletta.

Stefano Neri, Presidente e Amministratore delegato di algoWatt, ha così dichiarato:

"Entriamo nel segmento della riqualificazione energetica e sismica del patrimonio immobiliare con la convinzione che gli interventi previsti dal Superbonus possano rappresentare un volano in termini di fatturato e quindi di margini per il Gruppo. Portiamo in questo nuovo business un notevole track record proveniente dalle due società che fondendosi hanno originato algoWatt. TerniEnergia ha alle spalle oltre 400 MW di impianti fotovoltaici installati, la realizzazione della prima isola energetica italiana dotata di sistemi di accumulo, un'attività consolidata di ESCO e una notevole esperienza di cantiere, Softeco Sismat porta in dote competenze tecnologiche e prodotti digitali per il building management, i telecontrolli e le nascenti Comunità energetiche. Abbiamo strutturato una proposta operativa completa, esaltando la capacità di fare rete con partner e aziende complementari, visto che interventi energetici come l'installazione di impianti solari o l'implementazione di soluzioni digitali per l'efficienza energetica, vanno associati ad altri di tipo edilizio, come la realizzazione del cappotto termico o i lavori previsti dal Sismabonus. Infine, algoWatt – con la sua identità di greentech solutions company per l'economia sostenibile – intende cogliere la sfida del new Green Deal e partecipare attivamente alla fase di stimolo della ripresa della nostra economia. Assumendo il ruolo di General Contractor in un'industria emergente, grazie a benefici fiscali che auspichiamo diventino strutturali come annunciato dal Governo, la nostra Società potrà valorizzare appieno quelle competenze volte a perseguire gli obiettivi di miglioramento dell'efficienza, riduzione dei consumi e diminuzione dell'impatto ambientale, divenendo uno dei protagonisti industriali della fase attuativa di incentivi e misure fiscali come Eco, Sisma e Superbonus".

 

algoWatt (ALW), greentech solutions company, progetta, sviluppa e integra soluzioni per la gestione dell'energia e delle risorse naturali, in modo sostenibile e socialmente responsabile. La Società fornisce sistemi di gestione e controllo che integrano dispositivi, reti, software e servizi con una chiara focalizzazione settoriale: digital energy e utilities, smart cities & enterprises e green mobility. algoWatt è nata dalla fusione di TerniEnergia, azienda leader nel settore delle energie rinnovabili e dell'industria ambientale, e di Softeco, un provider di soluzioni ICT con oltre 40 anni di esperienza per i clienti che operano nei settori dell'energia, dell'industria e dei trasporti. La società, con oltre 200 dipendenti dislocati in 7 sedi in Italia e investimenti in ricerca e innovazione per oltre il 12% del fatturato, opera con un'efficiente organizzazione aziendale, focalizzata sui mercati di riferimento: Green Energy Utility: energie rinnovabili, energia digitale, reti intelligenti; Green Enterprise&City: IoT, analisi dei dati, efficienza energetica, automazione degli edifici e dei processi; Green Mobility: elettrica, in sharing e on demand. Mercati diversi, un unico focus: la sostenibilità. algoWatt è quotata sul Mercato Telematico Azionario (MTA) di Borsa Italiana S.p.A..



--
www.CorrieredelWeb.it

domenica 27 settembre 2020

Informazione e cambiamenti climatici: il giornalista scientifico Sergio Ferraris sul palco di TEDx

Informazione e cambiamenti climatici: il giornalista scientifico Sergio Ferraris sul palco di TEDxCoriano


Il mondo dell'informazione e i cambiamenti climatici. Saranno questi i due temi che verranno tratti sul palco dell'edizione 2020 di TEDxCoriano, il format dedicato alla promozione di idee di valore attraverso eventi ispirazionali di interesse internazionale (con oltre un miliardo di visualizzazioni worldwide), in programma il 10 ottobre prossimo a partire dalle 14 in provincia di Rimini. L'iniziativa è patrocinata da Asvis, Legambiente, Regala un albero, Scuola di dottorato internazionale, Acqua Foundation, Stile Naturale.

Ad affrontare la questione sarà il giornalista romano Sergio Ferraris, contributore di 15 testate, fondatore della FIMA (Federazione italiana media ambientali). Ferraris scrive di scienza e tecnologia, mettendole caparbiamente in relazione i problemi ecologici e con quelli sociali. Si occupa di questioni energetiche, con particolare attenzione alle rinnovabili, al clima, alla ricerca nel settore delle energie verdi e alle problematiche legate a nucleare e alle fonti fossili. E s'interessa anche d'economia, circolare, e dei problemi sociali e del lavoro, nella convinzione che non siano possibili soluzioni ai problemi ambientali senza l'economia sociale. È direttore della rivista QualEnergia di Legambiente, del portale QualEnergia.it e collaboratore, per le questioni energetiche, del mensile di Legambiente La Nuova Ecologia.


Dopo l'esperienza del 2019 nella cornice di San Patrignano, TEDxCoriano torna per sensibilizzare le coscienze e lanciare un forte messaggio sul territorio: il cambiamento climatico è già in atto e urgono azioni concrete. Cosa può fare ciascuno di noi, nel proprio piccolo e attraverso gesti quotidiani, per invertire la tendenza e salvaguardare il nostro mondo? Sul palco 9 speaker di fama nazionale che hanno trasformato l'impegno ecologista in una mission di vita e che con il loro esempio e la loro testimonianza potranno ispirare il pubblico su temi quali l'energia pulita, le abitudini alimentari, il consumo critico e il rispetto dell'ambiente. L'evento di Coriano si riallaccia a Countdown, un'iniziativa lanciata a livello mondiale da TEDGlobal e finalizzata a sostenere ed accelerare la realizzazione delle soluzioni alla crisi climatica (400 gli eventi che verranno organizzati in una settimana). L'obiettivo di Countdown è costruire un futuro migliore per tutti. Come? Riducendo della metà le emissioni di gas serra entro il 2030, per un mondo più sicuro, più pulito e più giusto, consci che le crisi economiche e sanitarie in corso ci stiano ricordando un fatto importante: facciamo tutti parte dello stesso fragile sistema, dipendenti dalla natura e gli uni dagli altri.


Per questo TEDxCoriano sarà un evento interamente ecosostenibile ed ecocompatibile. Una scelta precisa che coinvolgerà in maniera diretta partner, sponsor, fornitori e la grande rete di volontari che renderanno possibile l'appuntamento. Una scelta che ricade in primis sulla location: l'Ecoarea di via Rigardara, a Cerasolo. Una realtà all'avanguardia, costruita in bio-edilizia, capace di integrare soluzioni di efficienza energetica, arredi green-oriented e una tecnologia domotica avanzata. Alla guida di Ecoarea c'è Romano Ugolini, vice presidente dell'associazione Resilienza Territoriale, che ha portato il format TEDx per la prima volta nella provincia di Rimini nel 2018.


Gli speaker dell'edizione 2020:

Andrea Morello, presidente di Sea Shepherd Italia

Fabrizio Zanetti, fondatore e titolare di Verdevero

Giovanni Girolomoni, figlio del fondatore di Alce Nero Agricoltura Biologica, oggi Cooperativa Girolomoni

Giulia Comba, consulente e formatrice di comunicazione e pensiero creativo

Jacopo Fo, fondatore Festival Eco-future e People For the Planet

Laura Serpilli, direttrice dell'Osservatorio VeganOK

Lorenzo Olivieri, fondatore di Viaggi Mistici Chakruna

Sergio Ferraris, giornalista, editore di 15 testate, fondatore della FIMA (Federazione Italiana Media Ambientali), moderatore del mondo Legambiente

Thomas Torelli, regista e produttore, proprietario di UAM TV.


Gli 'speech' di TEDxCoriano si svolgeranno dal vivo sul palco di Ecoarea. Il pubblico potrà seguire in streaming gli interventi in programma.

Per farlo è sufficiente registrarsi cliccando su: https://www.tedxcoriano.it/

Già sold out i biglietti per partecipare all'evento dal vivo. 



--
www.CorrieredelWeb.it

Chicco Testa confermato Presidente di FISE Assoambiente

Chicco Testa confermato Presidente di FISE Assoambiente

 

 

 

Milanosettembre 2020 – Chicco Testa è stato confermatoalla Presidenza di FISE Assoambiente, l'Associazione che rappresenta le imprese di igiene urbana, riciclo, recupero e smaltimento di rifiuti urbani e speciali ed attività di bonifica.

Lo ha stabilito all'unamità l'Assemblea dell'Associazione tenutasi oggi presso la sede milanese di Maire Tecnimont.

 

Testa resterà alla guida dell'Associazione per i prossimi 2 anni.

 

"Ringrazio gli associati per la fiducia accordatami", ha dichiarato il Presidente Testa, "Sono convinto del ruolo strategico oggi giocato dalle imprese private in tutte le attività di gestione rifiuti. La pandemia COVID-19 impone oggi più che mai l'obbligo ad agire e adottare politiche che rendano sostenibili nel lungo termine i sistemi socioeconomici, garantendo un adeguato equilibrio tra le necessità economiche e sociali e la tutela dell'ambiente e degli ecosistemi".

 

"Sarà necessario continuare a promuovere interventi finalizzati al raggiungimento di un quadro normativo stabile, chiaro e semplificato in campo ambientale come anche garantire un contesto operativo per le nostre imprese in linea con quello europeo."ha concluso Testa"Senza dimenticare il tema del ritardo dei pagamenti da parte della P.A. che in alcune aree del nostro Paese pone a serio rischio di sopravvivenza aziende che operano soprattutto con servizi labour intensive e non interrompibili"

 

 

 

Il Presidente FISE Assoambiente – Chicco Testa

Nato a Bergamo, laureato in Filosofia, Chicco Testa è attualmente A.D.  di Telit Spa, Presidente di Sorgenia Spa, Presidente di E.VA. Energie Valsabbia Spa, Presidente di Proger Spa. E' Presidente FISE Assoambiente dal luglio del 2018.

Ha, tra l'altro, ricoperto ruoli di vertice in aziende come Enel, ACEA, Wind ed è stato Presidente di CISPEL. Dal 1987 al 1994 è stato eletto parlamentare alla Camera dei Deputati, dopo essere stato per 7 anni Segretario Nazionale e poi Presidente di Legambiente.

Testa è stato Presidente di Assoelettrica, nonché membro dell'Expert Advisory Committee all'interno dello European Carbon Fund. È giornalista e pubblica su diversi quotidiani e riviste. È stato Professore universitario incaricato presso le Università di Roma (Luiss), Macerata e Napoli.



--
www.CorrieredelWeb.it

Salvaguardiamo il suolo per difendere la nostra salute

Salvaguardiamo il suolo per difendere la nostra salute


Roma, 25 Settembre 2020- "Lo stato di salute del mondo dipende dalla salvaguardia e dalla tutela del suolo, Ii futuro dell'uomo poggia lì", così ha dichiarato Vincenzo Michele Sellitto, esperto internazionale in Suolo e Tecnologie per lo sviluppo e l'innovazione sostenibile in agricoltura, durante la tavola rotonda "Biodiversità del suolo e nuove tecnologie per lo studio del microbiota""da lui coordinata, nel corso di Welfair 2020, l'evento digitale organizzato da Fiera Roma dedicato alla salute a 360 gradi.

 

Il suolo è una risorsa preziosa da tutelare, produce cibo per alimentarci, si occupa dei processi per la regolazione di emissioni di gas serra e immagazzinamento di acqua piovana, ma non riceve il giusto interesse che merita. "Il suolo deve avere un ruolo centrale, esattamente come l'intestino nell'uomo. La FAO ci dice che nel 2050 saremo 10 miliardi di persone e dunque dovremmo produrre 2-3 volte più di quanto non si faccia oggi, capiamo facilmente che le tecniche tradizionali non basteranno più: se si sfrutta troppo il suolo, si rischia di ammazzarlo, il che vorrebbe dire non avere più sostegno per la popolazione stessa. L'homo sapiens, sicuramente, per i suoi spostamenti dall'Africa verso le altre parti del mondo non ha solo seguito il clima, ma anche il suolo. E questo dice tanto sul suo essere fondamentale." - ha affermato Vincenzo Michele Sellitto,

 

Tra suolo e salute umana c'è una stretta connessione. "Ïl suolo per l'uomo è la risorsa superficiale terrestre più importante, sul suolo come supporto fisico ci siamo sviluppati, il suolo è la base sulla quale facciamo l'agricoltura, dal suolo dipende lo stato di salute del mondo perché da lì proviene ciò che mangiamo. Il suolo è vita ed è vivo", ha spiegato Sellitto.
Questa risorsa superficiale così importante non è fatta solo di argilla, sabbia e limo "rappresenta quasi un organismo vivo, nasce, si sviluppa e può morire. Per generare un solo centimetro di suolo ci vogliono migliaia di anni e per distruggerlo basta un secondo, dopo di che non si può più ricreare i microrganismi che vivono nel suolo sono tanto importanti quanto i microrganismi che vivono nel corpo umano".

 

"Il microbiota – ha illustrato ancora - è una comunità di microrganismi che caratterizza ciascun suolo e cambia da territorio a territorio. Forse proprio per il fatto che lo calpestiamo, non gli diamo il giusto valore, dando per scontati aspetti che non lo sono affatto, come, per l'appunto, le peculiarità che danno a ciascun suolo i suoi microbioti".

 

Questo strato di superficie limitata che si deteriora facilmente è dunque fondamentale da proteggere, individuando appropriati usi e gestioni con l'ausilio di tecnologie e innovazioni sostenibili "Oggi la nuova scienza agraria, l'agricoltura 4.0, va verso questa direzione grazie alle biotecnologie e alle ultime, incredibili scoperte, che ci offrono molte più informazioni e uno spaccato della realtà del suolo che non immaginavamo. Le piante parlano, ma anche il suolo comunica con le piante tramite i microrganismi, il concetto di suolo vivo si sta sviluppando sempre di più da un punto di vista scientifico, nulla di esoterico. E, mi raccomando, si parla di suolo, non di terra" – ha precisato Sellitto.



--
www.CorrieredelWeb.it

Il settore moda contiene le perdite e guarda avanti: "Digitale ed ecosostenibilità le strade per ripartire"

Il settore moda contiene le perdite e guarda avanti: «Digitale ed ecosostenibilità, le strade per ripartire»

«Il previsto calo del settore del 50% si è ridotto al 20%. La prospettiva è phygital». Giorgio Magello Mantovani, presidente dell'associazione Niam - Nazionale Italiana Agenti Moda -, con il White Milano lancia un nuovo modo di fare network basato sul fisico e sul digitale

 

«Le attese parlavano di un calo del 50%. La realtà si è fortunatamente fermata ad un meno 20%. A livello globale il settore moda ha subito un pesante colpo dal lockdown e da tutta l'emergenza Covid; anche se il cammino è tutto in salita, le prospettive sono buone: c'è fiducia, ottimismo. E, soprattutto, una strada da seguire». Alla vigilia dell'apertura di White Milano, il salone più importante dedicato al fashion in programma dal 24 al 27 settembre nella capitale della moda, Giorgio Magello Mantovani presidente di Niam – Nazionale Italiana Agenti Moda, l'associazione che raccoglie oltre 800 agenti – apre al rilancio di uno dei settori più importanti per l'economia nazionale. «La filiera moda vale in Italia 80 miliardi di euro. Di questi, 40 sono rivolti al mercato estero, l'altra metà è invece una "questione" tutta interna. Alla riapertura dopo il lockdown, ci siamo ritrovati con 15 miliardi di merce ferma: l'azione degli agenti ha permesso di riallocarla, rimettendo in moto un sistema vitale per l'intera economia. Anche perché un fermo avrebbe compromesso non solamente l'anno in corso, ma avrebbe avuto ripercussioni anche per gli anni successivi».
Davanti alla necessità di ripartire, di rimettersi in moto, si pone però un dilemma. «La domanda principale è: in quale direzione andare?», prosegue Magello. E la strada da seguire ha i termini della digitalizzazione, il fronte dell'ecosostenibilità e l'impellenza di fare rete. Spiega il presidente di Niam: «La rete è quella creata dagli agenti moda: il filo di unione tra aziende e negozi. È lo scopo di Niam: porre l'attenzione su tutta la filiera moda perché produzione e vendita possano camminare insieme».
L'ecosostenibilità è la nuova frontiera. «All'indomani del lockdown in Italia si è ampliata la forbice tra i prodotti di bassa fascia e quelli di lusso. Questi ultimi hanno subito un pesante stop; non così gli altri che, visti anche i problemi economici, hanno registrato una pronta ripresa. La sfida è però sul prodotto premium: siamo davanti a uno stacco generazionale. Le nuove fasce di clienti pongono attenzione alla sostenibilità e, in un rapporto corretto di qualità-prezzo, privilegiano i temi ecologici».
Non certo ultima, la digitalizzazione. «Il Covid ha accelerato il cambiamento: quanto probabilmente sarebbe avvenuto in due anni è stato realizzato in due mesi. Abbiamo a disposizione una tecnologia molto avanzata che ci permette di fare cose impensabili. E, quando parliamo di moda, occorre uscire dalla contrapposizione tra fisico e digitale ed entrare in una logica di complementarietà. Banalmente, le nuove generazioni cercano nel negozio la modernità, il digitale. Il contatto fisico continuerà a mantenere la sua importanza, ma non può essere scevro dall'essere anche digitale. Avremo una comunicazione più mirata, più specifica che produrrà un numero maggiore di dati da analizzare con il vantaggio che, se le relazioni sono soggettive, i dati sono invece oggettivi». Ed è proprio l'apporto digitale, dato da Niam in collaborazione con l'agenzia di marketing digitale Velvet Media, che caratterizza il White Milano 2020. «Il White è la prima fiera phygital; la prima capace di coniugare l'elemento fisico a quello digitale – sottolinea il presidente di Niam -. È un punto di svolta per il futuro». E precisa Alessio Badia, tra i maggiori esperti di moda in Italia che ha seguito il progetto phygital di White MIlano: «Occorreva superare le distanze imposte dal Covid. Arrivare a coinvolgere i buyer di Londra, Parigi, Singapore, New York e portarli tutti a Milano. Nell'impossibilità di farlo fisicamente, il digitale è la strada da percorrere, con set virtuali e digital room per raccontare le collezioni e una piattaforma web che permette non solo le attività di networking, ma anche la gestione di ordini B2B in tempo reale. In questo modo White ha la grande occasione di non nascere e finire in soli quattro giorni, ma di essere viva almeno per l'intera stagione».

 




--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *