CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news sull'Eco-Sostenibilità

Le ultime notizie di AlternativaSostenibile.iy

Cerca nel blog

giovedì 9 maggio 2019

CONSEGNATE A SERGIO COSTA OLTRE 200.000 FIRME PER SOSTENERE LA LEGGE SALVAMARE

CONSEGNATE A SERGIO COSTA OLTRE 200.000 FIRME

PER SOSTENERE LA LEGGE SALVAMARE


Marevivo e Fondazione Cetacea chiedono di approvare sin da subito la legge che permette ai pescatori di raccogliere rifiuti in mare e poterli portare a terra per smaltirli correttamente

 

09/05/2019 - Consegnate oggi al Ministero dell'Ambiente le oltre 200.000 firme raccolte con la petizione "Si approvi subito la legge affinché i pescatori diventino sentinelle del mare", per sostenere la legge Salvamare, lanciata su Change.org da Fondazione Cetacea Onlus e Marevivo Onlus. Ad incontrare il Ministro Sergio Costa: Rosalba Giugni, Presidente di Marevivo, Sauro Pari, Presidente di Fondazione Cetacea, Stephanie Brancaforte, Executive Director di Change.org, Tomas Parenti, comandante del peschereccio Levriero II di Rimini, con la partecipazione di Licia Colò, madrina di eccezione di questa iniziativa.

«Ringrazio le oltre 200 mila persone che hanno firmato la petizione per sostenere la legge Salvamare. Sono il segnale di una condivisione che sento nel Paese davvero ampia. Non passa giorno senza che arrivi al ministero un'adesione alla campagna per eliminare la plastica monouso, soprattutto ora alla vigilia della stagione balneare. I pescatori aspettano questa legge, i cittadini pure. Sono fiducioso che l'iter della legge proceda spedito» ha dichiarato Sergio Costa, ministro dell'Ambiente.

«Nonostante il DDL SalvaMare, che consente ai pescatori di riportare a terra i rifiuti solidi marini, che raccolgono accidentalmente durante l'attività di pesca, sia passato al Consiglio dei Ministri – dichiara Rosalba Giugni- è necessario che la legge sia approvata al più presto, come richiesto dalla associazioni e dagli stessi cittadini italiani. Si tratta di un primo traguardo per combattere la marine litter, ma occorre che non ci siano ritardi normativi per liberare al più presto il mare dai rifiuti. È importante ridurre il problema alla radice e che la Legge Salva Mare sia completata recependo al più presto la direttiva europea sulla plastica monouso tra l'altro lacunosa perché, come già sottolineato da Marevivo, non include i bicchieri di plastica».

«Da anni collaboriamo coi pescatori dell'Adriatico per la salvaguardia delle tartarughe marine e dei delfini e due anni fa, nell'ambito del progetto Europeo Clean Sea Life, abbiamo cominciato ad organizzare azioni di Fishing for Litter - dice Sauro Pari- . In questa occasione abbiamo raccolto lo scoramento dei pescatori, costretti ogni giorno a ributtare in mare l'immondizia presa dalle loro reti. Di qui l'appello al Ministro che rinnoviamo affinchè la legge Salvamare abbia un iter veloce ed affronti anche il nodo del reperimento fondi per lo smaltimento dei rifiuti marini. Occorre evitare quanto accaduto con la 472 del 2013».

«Come Change.org siamo felici di aver supportato questa campagna che ha saputo portare all'attenzione delle istituzioni la voce di oltre 200.000 cittadini. In questi mesi - afferma Stephanie Brancaforte - abbiamo portato all'attenzione della politica diverse campagne lanciate da cittadini e associazioni che chiedono azioni concrete alle istituzioni per mettere una parola fine all'utilizzo della plastica e all'inquinamento che questa produce sui nostri territori. Siamo felici che il Ministro dell'Ambiente sia in ascolto delle richieste che vengono dai cittadini e dalla società civile e ci auguriamo di poter continuare a interrogare proficuamente la politica su quelle che sono le priorità dei cittadini italiani in merito ad ambiente e sostenibilità».

Per Licia Colò: «I cittadini sanno molto poco di quanto sia difficile far nascere concretamente una legge. Nei mesi scorsi abbiamo letto su tutti i giornali del Decreto Salvamare all'interno del quale finalmente i pescatori venivano autorizzati a portare in porto l'enorme quantità di spazzatura che ogni giorno raccolgono nel corso del loro lavoro. Io, come un qualsiasi cittadino, ho gioito leggendo quanto è uscito sui giornali, e soltanto dopo un attento approfondimento mi sono resa conto che affinché questa legge diventi realtà c'è ancora strada da percorrere. Credo che con la consegna di 200.000 firme al ministro dell'ambiente Costa si dimostri come un gran numero di cittadini abbia fretta di vedere azioni concrete e per questo tutti noi auspichiamo che il decreto Salvamare diventi velocemente una legge ed "entri in porto" il più velocemente possibile».

La testimonianza dei pescatori

Per Tomas Parenti, 22 anni, più giovane comandante di peschereccio della marineria di Rimini e "spazzino del mare": «Noi da ormai quattro mesi tutte le settimane riportiamo in porto i rifiuti, in media un grosso sacco da 30-40 chilogrammi ad ogni uscita. Ultimamente stavamo pescando più plastica che pesce, arrivando anche a rompere un numero elevato di reti. Era necessario fare qualcosa, soprattutto sensibilizzare chi di dovere a far trovare al porto dei cassonetti appositi per noi pescatori altrimenti paradossalmente rischiamo invece una multa. Per questo motivo, molti preferiscono ributtare in mare i rifiuti che tirano su dalle reti, anche se stiamo cercando di convincere tutti a fare come noi».

 

 

Strategia Marina: la plastica è il nemico numero uno dei nostri mari

Image
La manifestazione di Slow Food e Regione Liguria
al Porto Antico di Genova dal 9 al 12 maggio 
 

Strategia Marina: la plastica è il nemico numero 1 dei nostri mari con 179.023 particelle plastiche per km quadrato e l'80% dei rifiuti spiaggiati 

Una straordinaria ricerca - presentata a Slow Fish - che per la prima volta monitora secondo le direttive dell'Ue i mari italiani:

un punto di partenza per delineare le future politiche 

Oggi, durante la prima giornata di Slow Fish (l'evento biennale di Slow Food dedicato ai mari e alla pesca a Genova fino a domenica 12), sono stati presentati i primi dati raccolti dal Ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare, in collaborazione con ISPRA e le 15 ARPA costiere sullo stato complessivo dei mari italiani. L'analisi rientra nelle misure da mettere in atto dopo il recepimento della Direttiva quadro 2008/56/CE sulla strategia per l'ambiente marino, che si basa su un approccio integrato e intende diventare il pilastro ambientale della futura politica marittima dell'Unione europea. «Si tratta di un vero e proprio punto zero» commenta Irene Di Girolamo, referente ambiente marino dell'ufficio del sottosegretario di Stato all'Ambiente on. Salvatore Micillo. «I dati sono il risultato dell'analisi condotta dal 2015 al 2017 e costituiscono la fotografia dello stato attuale del nostro mare. Al termine del secondo ciclo di analisi, nel 2021, potremo fare un confronto preciso e capire se le prime misure messe in atto hanno dato i loro frutti e se la strada intrapresa è quella giusta». Come previsto dalla direttiva, infatti, ogni Paese deve ora stabilire un programma di azioni concrete per raggiungere gli obiettivi europei, e l'Italia ha iniziato proprio dalle azioni volte a sensibilizzare il pubblico sul tema dei rifiuti.

 

I principali risultati della ricerca: le specie aliene e i rifiuti

Specie aliene

Al 2018 sono state calcolate 263 specie non indigene nelle acque italiane, di cui il 68% ha stabilito popolazioni stabili lungo le nostre coste. «Questo dato ci dice che la bioinvasione nel Mediterraneo è in costante aumento e, per quanto riguarda le specie provenienti dal Mar Rosso, il cambiamento climatico ha avuto un effetto determinante, sia attraverso la modifica delle correnti, che hanno consentito l'arrivo di queste specie dai mari orientali, sia rendendo l'ambiente più favorevole a specie tropicali» aggiunge Franco Andaloro, esponente del Comitato scientifico di Slow Fish.«Quindi se da un lato si riducono le specie introdotte volontariamente dall'uomo con l'acquacoltura, dall'altro aumenta la migrazione di quelle che arrivano attraverso il canale di Suez. La conservazione dell'ambiente è essenziale in quanto si è evidenziato che le specie aliene sono meno presenti in ambienti sani e protetti». Un tema, questo, analizzato anche all'interno del programma di Slow Fish, dove cuochi e pescatori si confrontano e raccontano come stanno cercando di trasformare un problema in una risorsa. «È infatti importante un loro utilizzo alimentare per limitarne la diffusione», conclude Andaloro.

 

Rifiuti

Grazie al monitoraggio effettuato e presentato oggi a Genova, è possibile avere una prima base di riferimento sulla quantità dei rifiuti marini. Tra le aree, monitorate due volte l'anno, troviamo le spiagge, le stazioni di profondità, la superficie marina e gli esemplari di tartarughe spiaggiate e successivamente analizzate. «Ne emerge un quadro significativo» commenta Silvio Greco, presidente del Comitato scientifico di Slow Fish. «Con una media di 777 rifiuti spiaggiati ogni 100 metri lineari. La plastica - incluse bottiglie, sacchetti, cassette in polistirolo, lenze da pesca in nylon - emerge come il materiale più abbondante con una percentuale dell'80%». Tra i 10 e gli 800 metri di profondità la media degli oggetti per km quadrato passa da 66 e 99: anche qui la plastica è il materiale predominante con il 77%, rappresentata da buste, involucri per alimenti e attrezzi da pesca.

«Significativa soprattutto la densità dei microrifiuti plastici inferiori ai 5 mm ritrovati sulla superficie marina, che è di 179.023 particelle per km quadrato» continua Greco. «Questo ci fa riflettere soprattutto sull'incuria che abbiamo avuto nei confronti del mare in passato, perché queste particelle sono il risultato della frammentazione di tutto ciò che abbiamo gettato indiscriminatamente pensando che il mare fosse la nostra discarica naturale». Basti pensare infatti che i tempi di degradazione in mare per le bottiglie di plastica sono stimati in 500-1000 anni, mentre passiamo a 20-30 per i bastoncini cotonati e a 10-20 anni per le buste di plastica.

 

Rifiuti, lo sappiamo, che hanno conseguenze sullo stato della biodiversità marina, pesci e tartarughe in primis. Dall'analisi di 150 esemplari di tartarughe Caretta caretta spiaggiate è emerso che il 68% presentava plastica ingerita.

 

«Diversamente da quanto atteso, l'80% dei rifiuti plastici spiaggiati censiti nelle spiagge risulta derivare dai fiumi, mentre il 20% è scaricato direttamente in mare. Dato, questo, che dovrebbe farci riflettere in merito al fatto che la cura dei mari comincia dai nostri comportamenti a terra» continua Greco. «Insomma, da questi dati emerge un quadro sicuramente da tenere sotto controllo: alcune aree risultano più contaminate di altre, ma si tratta di un punto di partenza fondamentale per muovere i prossimi passi» conclude Irene Di Girolamo.

 

La Strategia Marina

Il 17 giugno 2008 il Parlamento Europeo e il Consiglio dell'Unione Europea hanno emanato la Direttiva quadro 2008/56/CE sulla strategia per l'ambiente marino, successivamente recepita in Italia con il d.lgs. n. 190 del 13 ottobre 2010. La Direttiva pone come obiettivo agli Stati membri di raggiungere entro il 2020 il buono stato ambientale (GES, "Good Environmental Status") per le proprie acque marine. Ogni Stato deve quindi mettere in atto, per ogni regione o sottoregione marina, una strategia che consta di una "fase di preparazione" e di un "programma di misure". La Direttiva quadro stabilisce che gli Stati membri elaborino una strategia marina che si basi su una valutazione iniziale, sulla definizione del buono stato ambientale, sull'individuazione dei traguardi ambientali e sull'istituzione di programmi di monitoraggio. Gli Stati devono redigere un programma di misure concrete diretto al raggiungimento dei suddetti obiettivi. Tali misure devono essere elaborate tenendo conto delle conseguenze che avranno sul piano economico e sociale.

 Slow Fish è possibile grazie al supporto di una grande rete formata dalle numerose realtà che credono nel progetto. Tra queste citiamo gli Official partner: Agugiaro&Figna Molini, BBBell, Iren, Pastificio di Martino, Quality Beer Academy, Unicredit.

 

Slow Fish è un evento a ingresso libero, buon divertimento!


venerdì 26 aprile 2019

Innovazione e sostenibilità: ne parlano MISE e aziende

Villaggio per la Terra: giornata dedicata all'innovazione e alla sostenibilità


 

Roma 26 aprile – Innovazione e sostenibilità grandi protagoniste della seconda giornata del Villaggio per la Terra, in programma fino al 29 aprile al Galoppatoio di Villa Borghese nell'ambito del 49° anniversario dell'Earth Day Italia.  Ricerca ed attenzione per l'ambiente, nuovi modelli economici, inclusione e visione: di questo si è parlato nel corso del Talk "R-Innovare lo sviluppo, l'innovazione per lo sviluppo sostenibile", che ha visto confrontarsi  imprenditori e decision makers. «Da un anno abbiamo puntato all'innovazione inclusiva - sottolinea Laura Aria, Direttore generale per gli Incentivi alle Imprese del Ministero dello Sviluppo Economico - con incentivi che dovrebbero aumentare la competitività del Paese. Dal 2021 al 2026 saranno tutti orientati in questa direzione».

«In Italia migliorano significativamente gli indicatori della banda larga per le famiglie - dice Giulio Lo Iacono, membro del Segretariato ASviS - ma ancora troppo poco rispetto alla media europea ed in più c'è una maggiore intensità di emissioni di CO2 dell'industria manifatturiera. Questo ci suggerisce che dobbiamo accelerare il tasso di innovazione del sistema economico e ricordarci che la vera innovazione è quella che consente di progredire simultaneamente sul piano economico, ambientale e sociale». Le aziende però devono fare la loro parte. «Si può fare. Basta volerlo - spiega Luca Morari, Amministratore Delegato di Ricola Italia - il nostro settore Ricerca e Sviluppo, in Svizzera, non è un freddo laboratorio ma un grande giardino, dove i tecnici studiano nuovi incroci di erbe».

«Il ruolo delle grandi aziende di telecomunicazioni - afferma Massimo Angelini, Direttore Public Affairs, Internal & External Communication di Wind Tre - non è più soltanto quello di essere 'costruttori di reti' o fornitori di connettività.  Nel nuovo scenario aperto dalla Digital transformation, oggi è fondamentale che le Telco anticipino gli sviluppi della tecnologia e contribuiscano a raggiungere gli obiettivi di sostenibilità attraverso il digitale. Wind Tre, da tempo impegnata in questa direzione ha pubblicato il rapporto 'L'innovazione digitale per gli SDG's, di cui è prevista a breve una seconda edizione: si tratta di uno studio partecipato sullo scenario attuale e futuro per il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, grazie alle nuove tecnologie. Le città intelligenti saranno il focus delle nuove applicazioni e dei nuovi servizi, disponibili grazie al 5G e alle infrastrutture digitali».  Tema condiviso anche da Gabriele Ferrieri, Presidente dell'Associazione Nazionale Giovani Innovatori: «Lavoriamo per costruire le Smart Cities del futuro e questo passa necessariamente per il rispetto dell'ambiente».

«Innovare vuol dire attivare nuovi processi: grandi corporate, giovani, startup possono generare un nuovo modo di fare», è l'opinione di Luciano De Propris, Program Manager di Open Italy, Consorzio Elis.  

Nel pomeriggio è stata inoltre presentata la ricerca "Economia Circolare, la rivoluzione per produrre e consumare in maniera sostenibile", realizzata da Markonet per ConsumerLab, secondo cui il 51% degli intervistati crede che l'Economia Circolare sia utile, il 37% conosce bene la materia, il 33% poco mentre il 44% ritiene che l'Italia sia all'avanguardia. «La maggior parte dei consumatori – spiega Francesco Tamburella, Coordinatore di ConsumerLab – considera ancora la sostenibilità come fatto ambientale e riduce l'EC alla raccolta differenziata. Più che disinformazione su questo tema c'è carenza di informazione».



--
www.CorrieredelWeb.it

sabato 20 aprile 2019

FERROVIE: CON LA MOBILITÀ AD IDROGENO, L’ITALIA SCEGLIE LA SOSTENIBILITÀ NEI TRASPORTI


FERROVIE: CON LA MOBILITÀ AD IDROGENO, L'ITALIA SCEGLIE LA SOSTENIBILITÀ NEI TRASPORTI

 

Il Governo Conte annuncia un programma interministeriale sulla mobilità ad idrogeno. La soddisfazione del deputato pugliese Emanuele Scagliusi (M5S): "Alternativa a basso impatto ambientale utilizzabile anche sulle nostre ferrovie pugliesi"

 

In visita all'Alstom di Savigliano, il Sottosegretario allo Sviluppo economico Davide Crippa (M5S) ha anticipato la partenza prossima di un programma interministeriale sulla mobilità a idrogeno. Una nuova tecnologia che può dare ulteriore slancio ad un settore, quello ferroviario, già in continua crescita e che offre nuove opportunità per il futuro.

 

"Accolgo con grande soddisfazione questo tavolo tecnico tra il Ministero dello Sviluppo Economico e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. L'idrogeno – commenta il deputato pugliese Emanuele Scagliusi, capogruppo M5S della Commissione Trasporti alla Camera – potrà essere, in un futuro non tanto distante, un potenziale e importante vettore utile al miglioramento dello sfruttamento delle energie rinnovabili, soprattutto laddove l'infrastruttura elettrica di potenziamento della rete di trasporto ferroviario risultasse troppo onerosa, rendendo quindi, di fatto, pienamente sostenibili le linee ferroviarie al momento percorse da vetture diesel".

 

Durante il suo intervento il Sottosegretario ha evidenziato, inoltre, l'impegno del nostro Paese nella realizzazione di misure di efficienza energetica in tutti i settori e nel promuovere misure di risparmio energetico, anche nel settore residenziale e dei trasporti, ricordando che nel Piano Nazionale Integrato Energia e Clima l'Italia si è posta l'obiettivo di ridurre entro il 2030 i consumi dell'energia primaria del 43%.

 

"Come ha fatto sapere il Sottosegretario Crippa – continua Scagliusi (M5S) – purtroppo a livello europeo non c'è ancora una visione comune sul processo di decarbonizzazione. Invece di velocizzare il percorso di abbattimento dei gas climalteranti, impegnandoci su temi come power to hydrogen o power to gas, discutiamo ancora di progetti antistorici come la cattura della CO2 oppure il blue hydrogen, ovvero l'impiego del metano per fare idrogeno. Ma, con il Governo Conte, il nostro Paese sta dimostrando un grande impegno nella realizzazione di misure di efficienza energetica in tutti i settori e nel promuovere misure di risparmio energetico, anche nel settore dei trasporti. Soprattutto per quanto riguarda il trasporto su ferro – prosegue il parlamentare pugliese 5 Stelle – l'idrogeno potrà essere un'alternativa all'infrastruttura elettrica del trasporto ferroviario. Il nostro obiettivo, attraverso dettagliate e specifiche analisi costi-benefici, è quello di spingere il nostro Paese verso una mobilità più sostenibile per l'ambiente e per l'economia. Una rivoluzione che potrebbe essere utile soprattutto sulle tratte dove non conviene elettrificare. Penso ai lavori di elettrificazione come quelli attualmente in corso in Puglia sulle Ferrovie Sud-Est, giusto per citare un esempio, che in un futuro non molto prossimo potrebbero rappresentare un lontano ricordo. Mi auguro, infatti, - conclude Emanuele Scagliusi (M5S)  che a breve si possa pensare all'alternativa idrogeno che certamente sarebbe meno impattante dal punto di vista ambientale".



--
www.CorrieredelWeb.it

martedì 9 aprile 2019

Al via la nuova struttura del GSE. Sarà operativa dal 1' maggio

AL VIA LA NUOVA STRUTTURA DEL GSE. SARÀ OPERATIVA DAL PRIMO MAGGIO

 

PRESENTATA AL CDA LA CONFIGURAZIONE CON TRE DIPARTIMENTI E UNA DIREZIONE DEDICATA AGLI OPERATORI. IL 38% DEI RESPONSABILI È DONNA

 

Roma, 8 aprile 2019. Con la definizione del Piano Energia e Clima al 2030, l'Italia si appresta ad affrontare importanti sfide in ambito di sostenibilità, ambiente ed energia. In questo nuovo quadro, il GSE dovrà essere in grado di cogliere la sfida e l'opportunità di supportare al meglio il Paese nell'ambizioso percorso che si appresta a intraprendere.

In quest'ottica, nasce la nuova struttura presentata oggi al Consiglio di Amministrazione del Gestore dei Servizi Energetici – operativa dal primo maggio – che si pone all'insegna dell'apertura agli operatori e alla valorizzazione delle risorse interne.

Le principali modifiche della società guidata dall'Amministratore delegato Roberto Moneta e dal Presidente Francesco Vetrò, prevedono la costituzione di tre Dipartimenti: Promozione e Supporto dello Sviluppo sostenibile, che va ad ampliare le competenze dell'attuale Divisione Incentivi, affiancando all'attività di gestione degli incentivi un'attività di supporto e promozione di servizi e misure e che saranno necessarie per il raggiungimento degli obiettivi al 2030. Per lo stesso motivo è stato potenziato il settore legale e regolatorio, ottimizzandolo con il Dipartimento Affari Legali, Regolatori e Istituzionali, per garantire maggiori servizi e attenzione all'impianto normativo del settore. Infine, il Dipartimento Governance amministrativa e Servizi aziendali in cui, oltre alla Direzione amministrazione finanza e controllo, confluiscono i Sistemi informativi e i Servizi generali.

L'approvazione della nuova struttura non ha visto la nomina di nuovi dirigenti, ma solo di sei nuovi responsabili, di cui 4 donne. Il 38% del totale dei responsabili è infatti donna, così come il 46% di tutto il personale del GSE.

Tra le novità, la Direzione Promozione dello Sviluppo sostenibile, che sarà dedicata ai rapporti con gli operatori, oltre a recepire le istanze degli stakeholder e del territorio nel quale operano. La nuova struttura, infine, si metterà subito al lavoro per attivare i presidi territoriali che serviranno a ridurre la distanza tra il GSE e operatori, cittadini e Pubblica amministrazione. Per dare maggiore copertura a tutto il territorio nazionale, sarà valutata anche l'ipotesi di lavorare in sinergia con altri Enti già attivi sul territorio.



--
www.CorrieredelWeb.it

lunedì 8 aprile 2019

Fuori Salone, Icon Talks. Per costruire insieme un futuro sostenibile


Icon Talks - Per costruire insieme un futuro sostenibile

Edison torna alla Design Week di Milano per sperimentare la costruzione di una città accogliente ed evoluta, dove l'energia è lo strumento abilitante delle nuove modalità del vivere contemporaneo. Per l'occasione, Edison si confronterà in dibattiti ed eventi aperti al pubblico con architetti, urbanisti, progettisti e designer, per lavorare insieme all'individuazione delle migliori pratiche in ambito di smart living, smart city, mobilità elettrica ed evoluzione degli spazi pubblici e privati.

Edison sarà presente all'interno di due luoghi iconici del Fuorisalone milanese: l'Innovation Design District, il nuovo quartiere simbolo di smart city compreso tra Porta Volta e Porta Nuova, e Brera Design District, luogo storico del migliore design italiano e internazionale. Dall'8 al 14 aprile, presso la Fondazione Riccardo Catella, all'interno del Parco Biblioteca degli Alberi, Edison prende parte agli IconTalks per affrontare i temi legati alle città globali, energy community, rigenerazione urbana e open innovation, in compagnia di architetti, designer ed esperti di settore. Inoltre, nello spazio CasaFacile Design Lab in piazza Gae Aulenti 12, gli esperti della società sono a disposizione del pubblico per consulenze personalizzate in tema smart home e smart energy.




--
www.CorrieredelWeb.it

sabato 6 aprile 2019

Mobilità elettrica: DHL Express è partner di BluE

09 APRILE 2019 – ORE 12.30 

Panel discussion

BREATH CLEAN: LA LOGISTICA DELLA QUALITÀ DELL'ARIA 

 

Intervengono:

Marco Granelli: assessore alla Mobilità e Ambiente del Comune di Milano

Nazzarena Franco: CEO di DHL Express Italy

 

 

DHL Express Italyleader globale del trasporto espresso internazionaleè partner di BluEevento che celebra la rivoluzione urbana della mobilità elettrica, a Milano dal 9 al 14 aprile. Per questo è lieta di invitarla al panel discussion Breath Clean: la logistica della qualità dell'aria che si svolgenell'area talk del mezzanino della stazione M1 di Porta Venezia in cui verrà presentata un'innovativa Green Solutionper la rilevazione della qualità dell'aria.

 

Questo nuovo sistema di monitoraggio prevede che speciali sensori e veicoli siano ingegnerizzati e integrati tra loro, per divenire una vera e propria stazione in movimento per la rilevazione della qualità dell'aria.

Il progetto Breath Clean che Nazzarena Franco, CEO di DHL Express Italy presenterà insieme all'Assessore per la Mobilità e l'Ambiente Marco Granelli, nasce in collaborazione con una start up italiana per supportare le amministrazioni comunali e ha scelto Milano per lanciarla in esclusiva, con l'obiettivo di restituire alla comunità quel valore aggiunto che, come operatore logistico, DHL è impegnata da tempo a costruire coerentemente con la propria vision "CONNECTING PEOPLE,  IMPROVING THEIR LIVES". 



--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *