CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news sull'Eco-Sostenibilità

Le ultime notizie di AlternativaSostenibile.iy

Cerca nel blog

sabato 15 febbraio 2020

ECOHOUSE 2020: FREE È PRESENTE CON TRE APPUNTAMENTI: INNOVAZIONE NEL RISCALDAMENTO, NEL CONDIZIONAMENTO E GESTIONE/CONTROLLO PER L'EFFICIENZA ENERGETICA



Coordinamento FREE

 

ECOHOUSE 2020: FREE È PRESENTE CON TRE APPUNTAMENTI:
INNOVAZIONE NEL RISCALDAMENTO, NEL CONDIZIONAMENTO E GESTIONE/CONTROLLO PER L'EFFICIENZA ENERGETICA I FOCUS DEI CONVEGNI

Roma 15 febbraio 2020: Efficienza energetica. Ossia uno dei pilastri della lotta ai cambiamenti climatici assieme alle rinnovabili è un concetto semplice dalla declinazione complessa. Per comunicare al meglio l'efficienza energetica il Coordinamento FREE ha organizzato il 29 e il 20 febbraio 2020 tre convegni a EcoHouse a Verona. «L'obiettivo, enunciato dalla Commissione europea, di passare nel 2030 dal 40% al 50-55% di riduzione delle emissioni di CO2 imporrà di aumentare i già sfidanti contributi in termini di efficientamento energetico e di riscaldamento/raffrescamento con rinnovabili, previsti dal Piano Nazionale Integrato Energia e Clima. - afferma G.B. Zorzoli, presidente del Coordinamento FREE - Questo ulteriore impegno sarà difficilmente realizzabile senza l'impiego diffuso delle "best practice", che saranno tali quanto maggiore sarà l'apporto delle innovazioni di prodotto e di processo».

I tre convegni organizzati dal Coordinamento FREE il 19-20 febbraio alla Fiera di Verona nel quadro di «EcoHouse», cui parteciperanno qualificati rappresentanti del mondo scientifico e imprenditoriale, faranno il punto sulle nuove offerte di innovazione nell'efficienza energetica e nel riscaldamento/raffrescamento. Francesco Ferrante, Vicepresidente Coordinamento Free, parteciperà anche al convegno del 21 febbraio "I nuovi orizzonti del green building applicati alla progettazione dell'edilizia turistica: le sfide per la competitività di imprese e territori".


PROGRAMMA CONVEGNI


  INNOVAZIONE NEL RISCALDAMENTO

19 febbraio ore 15.00 -17.00

Organizzato da Coordinamento FREE e ATI

Saluti

GB Zorzoli, Presidente FREE e Alberto Mirandola, Presidente ATI sezione Veneto

Innovazione ed efficienza nei sistemi di condizionamento

Gabriele Antonioli, Area Sales Manager, Yanmar Energy System Europe

ISO 50001:2018, Novità e aspetti operativi

Leonardo Froio, Product Manager di Certiquality

La Geotermia a servizio del Teleriscaldamento domestico

Fabio Roggiolani, Presidente GIGA

Conclusioni

Livio De Santoli, Vicepresidente Coordinamento FREE


INNOVAZIONE NEL CONDIZIONAMENTO

20 febbraio ore 11.30 -13.30 

Organizzato da Coordinamento FREE

Saluti

Francesco Ferrante, Vicepresidente Coordinamento FREE

Sistemi ibridi per la climatizzazione: innovazione del settore pompe di calore

Angelo Zarrella (Professore al Dip.to di Ingegneria Industriale dell'Università di Padova)

Innovazione ed efficienza nei sistemi di produzione del calore

Francesco Fontana, Business development manager Maya Spa

Conclusioni

GB Zorzoli, Presidente Coordinamento FREE e Vincenzo Naso Presidente ATI


SISTEMI DI GESTIONE E CONTROLLO PER L'EFFICIENZA ENERGETICA

20 febbraio h 15 -17

Organizzato da Coordinamento FREE

Presiede: Francesco Ferrante (vicepresidente Coordinamento Free)

Introduce: Gianni Silvestrini (Direttore scientifico Kyoto Club)

Intervengono:

Enel X *

Laura Bruni Direttore Relazioni Istituzionali di Schneider Electric

Riccardo Bani Founder & CEO di Veos

Mauro Roglieri Segretario Chapter Veneto-Friuli Venezia Giulia

Katiuscia Eroe Responsabile Energia di Legambiente

Marco Pezzaglia Founder & Principal Gruppo Professione Energia

Monica Frassoni Presidente EUASE*

Conclude: GB Zorzoli Presidente Coordinamento Free


I NUOVI ORIZZONTI DEL GREEN BUILDING APPLICATI ALLA PROGETTAZIONE DELL'EDILIZIA TURISTICA: LE SFIDE PER LA COMPETITIVITÀ DI IMPRESE E TERRITORI

21 febbraio h 11:30 -13:30 

Saluti Istituzionali

Mauro Roglieri – Segretario Chapter Veneto-Friuli Venezia Giulia

Francesco Ferrante - Vicepresidente Coordinamento Free

Introduce e coordina

Marco Mari – VicePresidente GBC Italia

Sostenibilità Edilizia e Accesso al Credito

Il mercato alberghiero e residenziale italiano a confronto: trend, valore ed opportunità per attrarre finanza con una riqualificazione sostenibile degli asset immobiliari

CRIF RES

Sostenibilità Edilizia Riqualificazione e Resilienza

Ricostruzione del primo Hotel ad Amatrice (RI): un caso di applicazione ad edificio ad uso ricettivo del protocollo GBC HOME®

COAF Srl

Ricostruzione post sisma di Palazzo Gulinelli a Ferrara (FE): un caso di applicazione alla riqualificazione e restauro ad edificio storico ad uso ricettivo e misto del protocollo GBC HIstoric Building®

Binariolab Srl

Sostenibilità Edilizia e Nuove Costruzioni

Nuova costruzione sostenibile a Fiumicino: il caso dell'Hotel Parco Leonardo - Building 1 Certificato con il protocollo LEED V4

Planex


Coordinamento FREE (Coordinamento Fonti Rinnovabili ed Efficienza Energetica) è un'Associazione che raccoglie attualmente, in qualità di Soci, 27 Associazioni in toto o in parte attive in tali settori, oltre ad un ampio ventaglio di Enti e Associazioni che hanno chiesto di aderire come Aderenti (senza ruoli decisionali) ed è pertanto la più grande Associazione del settore presente in Italia. Il Coordinamento FREE ha lo scopo di promuovere lo sviluppo delle rinnovabili e dell'efficienza energetica nel quadro di un modello sociale ed economico ambientalmente sostenibile, della decarbonizzazione dell'economia e del taglio delle emissioni climalteranti, avviando un'azione più coesa delle Associazioni e degli Enti che ne fanno parte anche nei confronti di tutte le Istituzioni.



--
www.CorrieredelWeb.it

venerdì 14 febbraio 2020

Comunicazione ambientale: OBERALP Group affida a Green Media Lab le attività di comunicazione per i marchi Fischer, Speedo, X-Bionic, X-Socks e Barts

OBERALP Group affida a Green Media Lab le attività di comunicazione per i marchi Fischer, Speedo, X-Bionic, X-Socks e Barts
                               
Milano, febbraio 2020 – Il Gruppo Oberalp, che dal 1981 opera nello sviluppo, la produzione, la vendita al dettaglio e all'ingrosso e la distribuzione di prodotti legati al mondo dello sport, ha scelto Green Media Lab come partner per la comunicazione strategica.

La media relation company, attiva nella consulenza negli ambiti sostenibilità, sport, lifestyle, tech e outdoor, ha infatti siglato un accordo con Oberalp brand experts, ramo di Oberalp Group guidato da Stefano Bovolon (BU Director Italy Distribution) e focalizzato sulla distribuzione. Green Media Lab gestirà le attività di ufficio stampa e PR sul mercato Italia, relative a diversi marchi internazionali: Fischer, tra i più importanti produttori mondiali di articoli per lo sci, Speedo, vero riferimento per il mondo del nuoto, X-Bionic e X-Socks, brand di abbigliamento tecnico ad alta performance e Barts, celebre per i suoi accessori moda dal design unico.

Ad accomunare le due realtà, che iniziano oggi un percorso di collaborazione per raggiungere importanti obiettivi di comunicazione e awareness, la passione per lo sport e l'attenzione verso il tema della responsabilità ambientale. Oberalp, costola di Oberrauch Group, è nato nel 1981 come impresa familiare e si è evoluto nel corso degli anni fino a essere presente in tutto il mondo con 216 negozi monomarca e oltre 650 dipendenti, senza perdere il proprio heritage e i propri valori. Il Gruppo crede fortemente nei risultati improntati sul lungo termine e, da sempre, basa il proprio business su un uso responsabile di tutte le risorse, l'amore per l'outdoor e il rispetto per la natura e le persone.

Green Media Lab, che negli anni ha ottenuto la fiducia di aziende provenienti da diversi ambiti, ha dimostrato fin dai suoi esordi una forte vocazione verso le tematiche green, una filosofia e una scelta di business che le hanno permesso di essere nel 2018 una tra le prime società di comunicazione certificate come B-Corporation. Nel 2020, con una consistente modifica del proprio statuto, Green Media Lab è diventata Società Benefit, compiendo un vero e proprio passo in avanti nella determinazione di un business ancora più responsabile.
OBERALP GROUP
Oberalp Group fa parte del gruppo Oberrauch, di proprietà della famiglia Oberrauch, attiva nel settore dell'abbigliamento da cinque generazioni. Oberalp Group è stato fondato nel 1981 da Heiner Oberrauch con l'obiettivo di importare nel mercato italiano abbigliamento e attrezzature sportive di alta qualità ed è diventato uno dei più importanti player nel settore. Nel 1990 Oberalp ha acquisito il gruppo Salewa, con sede a Monaco, consolidando la propria leadership nell'ambito degli articoli per l'alpinismo in Europa. Oltre a essere proprietaria di 5 brand distribuiti in 65 paesi, la società rappresenta e distribuisce anche un'ampia gamma di altri marchi europei. In totale, conta 216 negozi monomarca e oltre 650 dipendenti in tutto il mondo. Strategie di marketing autonome e un chiaro posizionamento per ogni singolo brand, uniti a una comune filosofia basata su passione, innovazione e su una forte responsabilità sociale e ambientale, hanno portato il Gruppo a importanti successi e a una consistente crescita. 


GREEN MEDIA LAB Srl SB
Green Media Lab è una Public Relation & Communication Company che opera nei settori sostenibilità, sport, lifestyle, tech e outdoor. Attraverso la progettazione mirata di content engagement, l'azienda offre una visione costantemente aggiornata del mondo della comunicazione e delle media relation. Green Media Lab, presente dal 2012 a Milano e attiva in Europa, USA e Cina.
 


--
www.CorrieredelWeb.it

giovedì 13 febbraio 2020

Nexive è partner di Interporto Bologna e aderisce al servizio Mercitalia FAST: la consegna della corrispondenza è più rapida e sostenibile


                                                                                                                                                      

Nexive è partner di Interporto Bologna e aderisce al servizio Mercitalia FAST:

la consegna della corrispondenza è più rapida e sostenibile

 

L'operatore postale privato ha siglato una partnership per il trasporto di buste e pacchi sulla rete di treni ad alta velocità 

 

Grazie al trasporto ferroviario, è garantita una notevole riduzione delle emissioni e puntualità di consegna

 

Milano, 13 febbraio 2020Nexive, primo operatore privato del mercato postale nazionale, annuncia una partnership con Interporto Bologna e aderisce al servizio Mercitalia FAST, servizio di trasporto merci che fa leva sulla rete ferroviaria ad alta velocità per collegare Bologna e Marcianise (Caserta), snodi centrali per la distribuzione di prodotti e beni di consumo nel Nord e Sud del Paese. 

 

La partnership prevede l'assegnazione a Nexive di uno spazio all'interno delle carrozze del treno Mercitalia FAST sulla tratta Marcianise – Bologna che consentirà all'operatore postale di trasportare mediamente 2000 pacchi al giorno, quantità che può variare a seconda delle dimensioni dei pacchi, e di distribuirli in tutto il nord Italia in tempi più rapidi, riducendo sensibilmente l'impatto ambientale. Il servizio di Mercitalia FAST, che ha ottenuto la certificazione ISO 14064 sulle emissioni dei gas serra, nel suo complesso infatti consente una riduzione delle emissioni di CO2 pari all'80%.

 

"In uno scenario in cui l'e-commerce cresce a ritmi incalzanti, per sostenere le aziende sul territorio che vogliono vendere i propri prodotti online e al contempo offrire ai cittadini servizi evoluti, è fondamentale potenziare le consegne senza però gravare sull'ambiente. Trasportare buste e pacchi attraverso Mercitalia FAST ci consente di perseguire questo obiettivo: grazie al trasporto ferroviario ad alta velocità possiamo far viaggiare la corrispondenza Nexive in tutta Italia in tempi molto più rapidi senza gli imprevisti e i ritardi del trasporto su strada e in modo più sostenibile" ha dichiarato Carlo Angelini, Direttore Operativo Nexive. "Nexive è da sempre attenta a realizzare interventi e progetti per promuovere la sostenibilità ambientale e come Mercitalia FAST anche noi abbiamo ottenuto la certificazione ISO 14064.  Siamo convinti che un utilizzo più razionale delle risorse possa contribuire alla competitività del Paese e alla sua crescita".

 

"Interporto Bologna è una città della logistica proiettata nel futuro e la scommessa sul Mercitalia Fast non poteva che essere colta da noi" ha dichiarato Sergio Crespi, Direttore Generale di Interporto Bologna SpA. "Lo abbiamo lanciato, coltivato e difeso e ora che finalmente sta decollando siamo contentissimi in quanto riesce a far coincidere tre variabili importantissime nel mondo attuale, ecosostenibilità, time sensitive, prezzo concorrenziale. Il Mercitalia Fast è infatti uno strumento formidabile a vantaggio degli operatori più lungimiranti e aperti alle novità. E Nexive, primo operatore privato del mercato postale nazionale, ha proprio queste caratteristiche. Grazie al suo Management giovane e flessibile, ha colto la valenza rivoluzionaria del Fast e ha individuato in Interporto Bologna Spa l'azienda in grado di supportarla nell'organizzazione dei suoi trasporti. Come Interporto Bologna sono davvero orgoglioso di avere Nexive come cliente. Cresceremo insieme ancora di più".

 

NEXIVE

Nexive è il primo operatore privato del mercato postale nazionale. Con sede principale a Milano, nasce come TNT Post nel 1998 in seguito a successive acquisizioni di agenzie private di recapito e altre società di produzione e servizi del settore, tra cui lo storico marchio milanese Rinaldi L'Espresso. Nel 2014, TNT Post diventa Nexive: un cambio di nome che esprime la vision aziendale di essere la piattaforma per eccellenza nel recapito della posta e dell'e-commerce. Nexive raggiunge ogni giorno la quasi totalità delle famiglie italiane attraverso 350 milioni di buste movimentate all'anno e il 100% delle famiglie con la sua rete di distribuzione parcel che nel 2019 ha movimentato circa 8,5 milioni di pacchi. Nexive impiega oltre 8.000 addetti e presidia il territorio italiano con una rete capillare di quasi 2.000 punti tra filiali dirette, indirette e retail points.



--
www.CorrieredelWeb.it

Altroconsumo boccia le stoviglie in bambù: non sono green e possono essere rischiose per la salute

ALTROCONSUMO BOCCIA LE STOVIGLIE IN BAMBÙ: NON SONO GREEN E POSSONO ESSERE RISCHIOSE PER LA SALUTE

Altroconsumo ha testato 14 articoli in bambù e ha riscontrato che sono prodotti di plastica e che a contatto con alimenti caldi possono rilasciare formaldeide e melamina, sostanze potenzialmente cancerogene  

Informazioni carenti e ingannevoli: l'Organizzazione ha segnalato le pratiche scorrette

all'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.

 

Milano, 13 febbraio 2020 – Stoviglie in bambù: leggere, pratiche, colorate, ideali per essere utilizzate dai bambini. Prodotti accattivanti che sono solo apparentemente alternative ecologiche alla plastica: è infatti impossibile realizzare piatti, posate o bicchieri utilizzando esclusivamente farina o fibra di legno ma occorre sempre una resina sintetica per tenere insieme ingredienti di questo tipo.

A fronte del successo di questa tipologia di stoviglie, Altroconsumo ha analizzato 14 prodotti acquistati nei negozi e online, scoprendo gravi carenze nelle informazioni fornite o, in alcuni casi, informazioni ingannevoli.

 

I risultati dei test Altroconsumo

Dai risultati pubblicati sulla rivista Altroconsumo Inchieste di febbraio 2020 emerge innanzitutto che circa la metà dei campioni si è definita eco-friendly e biodegradabile. Questa dicitura però non può essere veritiera in quanto tutti i prodotti contengono una resina sintetica a base melaminica che non è biodegradabile né riciclabile e, visto che è impossibile separarla dalla parte in bambù, il prodotto finirà comunque in discarica o nell'inceneritore. Eppure solo 3 dei prodotti analizzati indicano in etichetta la presenza di materiali diversi dal bambù mentre gli altri prodotti non presentano informazioni specifiche lasciando credere agli acquirenti di essere realizzate interamente in bambù.

Informazioni carenti anche per quanto riguarda la sicurezza d'uso di queste stoviglie: solo 6 prodotti su 14 riportano indicazioni relative alle temperature di utilizzo dei prodotti con l'avvertenza di mantenersi entro certi limiti. Non tutti i prodotti specificano in etichetta che queste stoviglie non devono essere utilizzate nel microonde: un punto particolarmente importante visto che il caldo favorisce il rilascio di sostanze nocive.

L'Organizzazione ha anche verificato se le stoviglie rilasciassero sostanze indesiderate una volta a contatto con alimenti caldi. Formaldeide e melamina – le due sostanze ricercate potenzialmente cancerogene – sono state riscontrate in quantità inferiori ai limiti di legge tranne nel caso del kit pappa Biubu, che ha rilasciato sostanze in quantità pari ai limiti massimi previsti dal Regolamento europeo e per questo si trova all'ultimo posto della classifica.

Il massimo punteggio, ovvero 5 stelle, è stato assegnato solo a due tazze (Casa Collection e Heyholi) e a un kit pappa (Lesser & Pavey) che si sono dimostrati sicuri, non mostrando alcun rilascio di formaldeide e melamina.

 

A partire dai risultati dei test, Altroconsumo ha segnalato all'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato queste pratiche volte ad influenzare in maniera scorretta gli acquisti dei consumatori, chiedendo di aprire una istruttoria e procedere con eventuali sanzioni ed interventi.

 

Lo studio tedesco e le segnalazioni al sistema di allerta europeo

A confermare le conclusioni di Altroconsumo c'è anche un recente studio dell'istituto tedesco che si occupa di sicurezza alimentare (BfR), che analizzando i dati di migrazione di centinaia di stoviglie a base di resina melaminica − con e senza bambù – ha concluso che non sono adatte a ripetuti contatti con sostanze calde. Addirittura l'ente tedesco ha evidenziato che le stoviglie contenenti bambù possono rilasciare una quantità di formaldeide e melamina negli alimenti caldi maggiore rispetto alle classiche stoviglie in sola resina melaminica.

La criticità di questi prodotti è confermata anche dai dati del sistema di allerta rapido europeo (Rasff)  che solo nel 2019 ha ricevuto circa 40 segnalazioni relative a prodotti in bambù nei quali è stata riscontrata una migrazione di formaldeide e/o melamina che superava i limiti previsti dalla legge europea (Regolamento Ue n.10 del 2011). La formaldeide è classificata dall'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc) come «cancerogeno certo» mentre la melamina è presente nel novero dei cancerogeni possibili.

 

I consigli di Altroconsumo

·         Sconsigliamo l'utilizzo di stoviglie contenenti fibre di bambù e più in generale tutte quelle a base di melamina, che non sono adatte al contatto ripetuto con alimenti caldi.

·         Questo tipo di stoviglie, tradizionali o «di bambù», non devono essere assolutamente utilizzate nel forno a microonde, dato che l'esposizione al calore rischia di aumentare il rilascio di formaldeide e melamina.

·         In generale, Altroconsumo suggerisce sempre di controllare con attenzione tutte le informazioni d'uso impresse o allegate alle confezioni di stoviglie e contenitori per alimenti.



--
www.CorrieredelWeb.it

mercoledì 12 febbraio 2020

L’Esercito Italiano sceglie la gomma riciclata: inaugurata la nuova palestra della Caserma del Comando Logistico a Roma

L'Esercito Italiano sceglie la gomma riciclata: inaugurata la nuova palestra della Caserma del Comando Logistico a Roma 

Un'innovativa superficie sportiva di ultima generazione, realizzata con materiale tecnologicamente avanzato e "green" grazie al riciclo due tonnellate di gomma da Pneumatici Fuori Uso provenienti anche dai veicoli utilizzati dall'Esercito.

Roma, 12 febbraio 2020

 

Inaugurata dal Comandante Logistico dell'Esercito Generale di Corpo d'Armata Francesco Paolo Figliuolo, la nuova palestra della Caserma "M.O.V.M. Emilio Bianchi", sede del Comando Logistico dell'Esercito, che ospita un'innovativa pavimentazione realizzata con 2 tonnellate di gomma riciclata dai Pneumatici Fuori Uso (PFU).

 

Al taglio del nastro sono intervenuti i Comandanti intermedi, il Capo di Stato Maggiore del COMLOG e una nutrita rappresentanza di personale del Comando Logistico.

 

La superficie tech della palestra è stata realizzata grazie ad Ecopneus, la società senza scopo di lucro di riferimento nella gestione dei Pneumatici Fuori Uso in Italia. Una collaborazione, quella con l'Esercito, già avviata con la realizzazione delle pavimentazioni in gomma riciclata per box e scuderie di cavalli e cani del Centro Militare Veterinario di Grosseto.

 

Grazie alla collaborazione con Ecopneus, per la nuova palestra del Comando Logistico è stata realizzata un'innovativa superficie sportiva di ultima generazione, con materiale tecnologicamente avanzato e totalmente riciclato attraverso il recupero di due tonnellate di gomma da Pneumatici Fuori Uso, provenienti anche dai veicoli utilizzati dall'Esercito.

 

"Siamo orgogliosi di aver potuto mettere le nostre competenze a disposizione dell'Esercito per la realizzazione della superficie antitrauma nella palestra del Comando Logistico" ha dichiarato il Direttore Generale di Ecopneus Giovanni Corbetta, intervenuto all'inaugurazione. "Le superfici sportive Tyrefield indoor realizzate con la gomma riciclata dei Pneumatici Fuori Uso consentono, infatti, di poter praticare attività sportive in tutta sicurezza e con il massimo comfort".

 

Il Comandante Logistico Gen. C.A. Figliuolo, nel suo intervento, ha espresso grande soddisfazione per la realizzazione del nuovo impianto, evidenziando l'importanza della sinergia avviata con la società Ecopneus per la promozione dell'attività sportiva nella Forza Armata. Il Generale Figliuolo, inoltre, ha sottolineato come questo progetto possa considerarsi un esempio e una base di partenza per ulteriori collaborazioni future: soluzioni utili a tutto il personale, economiche ed ecologiche, e che facciano del riuso una virtù al fine di ridurre gli sprechi in ogni campo.



--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *