CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news sull'Eco-Sostenibilità

Le ultime notizie di AlternativaSostenibile.iy

Cerca nel blog

martedì 19 novembre 2019

Giornata Nazionale degli Alberi - Wiko chiede al blogger di viaggi Mente Nomade i consigli su come fotografarli

In occasione della Giornata Nazionale degli Alberi (21 novembre) Wiko ha interpellato Edoardo Massimo Del Mastro (Mente Nomade), blogger di viaggi esperto per fotografare al meglio gli alberi con lo smartphone e dove si citano anche gli alberi 'monumento' italiani – tra i cipressi di Bolgheri e le querce di Pinocchio a San Martino in Colle (Toscana); il S'Ozzastru, l'olivastro millenario di Santo Baltolu di Carana (Sardegna); i "giganti della Sila", esemplari di pino nero calabro; e il maestoso castagno de "li Centu Cavaddi" (Sicilia). Comunicato di seguito ed in allegato.

Il 21 novembre è la Giornata Nazionale degli alberi

 

Wiko, con il contributo di Mente Nomade, uno dei più avventurieri travel blogger italiani, svela i consigli su come fotografare gli alberi e i piccoli trucchi da seguire, muniti di smartphone

 

 

Milano, 18 novembre 2019 – In un momento storico in cui i temi ambientali e la cultura della sostenibilità interessano finalmente la vita quotidiana di tutti, è bene ricordare che il 21 novembre si celebra in Italia la Giornata Nazionale degli alberi.

 

Wiko, il brand franco-cinese di telefonia, ha voluto interpretare e rendere omaggio a questa giornata attraverso i contributi e i consigli di uno dei più apprezzati travel blogger italiani. Un vero amante della natura, un viaggiatore con la V maiuscola, un puro avventuriero: Mente Nomade sui social, al secolo Edoardo Massimo Del Mastro.

 

Travel blogger, autore del recente libro "Sono una mente nomade", papà, coordinatore di gruppi di viaggiatori, nonché appassionato di fotografia, Edoardo ha redatto con Wiko una serie di pratici consigli e alla portata di tutti su come immortalare, muniti di smartphone, gli alberi che ci circondano.   

 

Scorriamo quindi le dritte fotografiche di Wiko e Mente Nomade:

La luce giusta. Può sembrare un'ovvietà, ma è uno dei primi fattori da considerare. La luce è una preziosa alleata, se fruttata nel modo corretto. "Se il sole è alto e riflette la luce sulle foglie degli alberi" – dichiara Edoardo – "verranno fuori dei colori molto più accesi e intensi per foto di grande impatto". Alba e tramonto, come risaputo, sono due dei momenti migliori per immortalare la luce che si poggia sugli alberi. 

  1. Sfruttare le altezze. Nel bel mezzo di un bosco di montagna, ai piedi di alberi che superano facilmente i 20 metri, la cosa più semplice ed efficace è alzare lo sguardo e cogliere questi giganti dal basso. Si accentuerà lo sviluppo verticale dei tronchi nella foto e, riprendendo i raggi del sole che filtrano tra le foglie, si creeranno degli effetti davvero stupendi che non hanno bisogno di alcuna modifica. 
  2. Utilizzare gli alberi come sfondo. Edoardo è un vero appassionato di viaggi nel mezzo della natura, che si tratti di Alaska, Finlandia, Hawaii, come di interminabili camminate sulle Dolomiti. Sfruttare una distesa di alberi come sfondo per una foto, mettendo in risalto un elemento, come un animale di passaggio o anche la propria figura, è il miglior background naturale che si possa immaginare. Uno sfondo che non necessita di ritocchi da professionisti e neppure di strumenti fotografici ingombranti: uno smartphone è il migliore alleato.
  3. Imparare ad amare tutte le stagioni. Ogni stagione ha i suoi colori e le sue unicità. Dai primi germogli primaverili, ai verdi più brillanti e vivaci dell'estate, alle mille sfumature del foliage autunnale, fino al bianco dell'inverno e al fascino degli alberi spogli. 
  4. Saper valorizzare la varietà di colori che un albero o un bosco possono donarci, cogliere la natura nel suo mutamento continuo è un modo per renderle omaggio e per riempire il feed dei profili social di foto in grado di comporre una sorta di time lapse continuo. 
  5. Cogliere i dettagli delle foglie. Che siano aghi di pino, lunghe foglie appuntite di una palma, foglie dalle dentellature arrotondate di una quercia, foglie imbrunite di un acero o quelle di un secolare ulivo, ognuna ha indiscutibilmente il suo fascino. "Una buona fotocamera di uno smartphone è assolutamente in grado di fare dei close-up che colgano le sfumature, le venature e le naturali imperfezioni delle foglie per il vostro feed di Instagram" suggerisce Edoardo.
  1. Ora non resta che mettersi alla prova, sfruttando tutto il verde e la natura che l'Italia custodisce. Non c'è che l'imbarazzo della scelta. Ci sono i famosi cipressi di Bolgheri, ma anche le querce monumentali toscane di San Martino in Colle, citate perfino nel Pinocchio di Collodi. Ci sono le distese di ulivi salentini e il patriarca di tutti gli ulivi, il S'Ozzastru, l'olivastro millenario di Santo Baltolu di Carana, a Luras in Sardegna. E ancora, i "giganti della Sila", esemplari di pino nero calabro, il maestoso castagno de li Centu Cavaddi, ubicato nel Parco dell'Etna in territorio del comune di Sant'Alfio, così come le tamerici salmastre delle coste adriatiche, descritte nelle opere dannunziane e molto altro ancora. 

Scoprire e immortalare questi alberi è un modo sì per assicurarsi like ma anche per imparare a rispettarli.



--
www.CorrieredelWeb.it

Sostenibilità: menzione speciale a EniServizi premio Spreco Zero 2019

Sostenibilità: menzione speciale a EniServizi premio Spreco Zero 2019

 

Menzione speciale per EniServizi (societa' del gruppo Eni) nell'ambito del premio Spreco Zero 2019 giunto alla 7^ edizione e promossa dalla campagna Spreco Zero di Last Minute Market, in sinergia con il Ministero dell'Ambiente e il progetto 60 Sei ZERO dell'Universita' di Bologna - Distal, con la collaborazione dell'ANCI e della rete Sprecozero.net. Il riconoscimento a Eni Servizi e' andato per il progetto sui servizi di ristorazione basato sulla sicurezza alimentare, sulla cultura della sana alimentazione e che valorizza l'impegno  nel recupero e nella redistribuzione degli sprechi da parte di tutti i soggetti coinvolti nella filiera, dagli operatori ai consumatori finali, in un'ottica di economia circolare.

Le premiazioni si svolgeranno martedi' 26 novembre a Roma, nell'Auditorium del Ministero dell'Ambiente dalle 15.30: all'evento portera' il suo saluto il Ministro dell'Ambiente Sergio Costa e protagonista dell'appuntamento sara' l'artista Neri Marcore', Ambassador 2019 del Premio Vivere a Spreco Zero per l'attenzione, la sensibilita' e l'efficacia d'impegno.  



--
www.CorrieredelWeb.it

lunedì 18 novembre 2019

Nidec ASI presenta ad ADIPEC la prima serie di Drive a Frequenza Variabile a bassissimo impatto ambientale che possono essere monitorati tramite app

Nidec ASI presenta ad ADIPEC la prima serie di Drive a Frequenza Variabile a bassissimo impatto ambientale che possono essere monitorati tramite app

 

Abu Dhabi, 12 novembre 2019 – Nidec ASI - capo azienda della piattaforma Nidec Industrial Solutions del gruppo Nidec – presenta oggi alla fiera ADIPEC di Abu Dhabi, tra i principali eventi al mondo per l'industria oil&gas, il suo nuovo drive di media tensione a frequenza variabile. Grazie alla costante innovazione sull'elettronica di potenza, l'azienda continua a perseguire una strategia volta a minimizzare l'impatto ambientale delle sue soluzioni garantendo allo stesso tempo altissima efficienza, bassi consumi di energia elettrica, una maggiore compattezza e una perfetta integrazione all'interno dell'installato rispetto alle altre soluzioni presenti sul mercato. Inoltre, per rendere l'utilizzo di questi drive ancora più user-friendly, Nidec ASI ha sviluppato un'app dall'interfaccia semplice e immediata.

 

I nuovi drive media tensione VFD AFE transformerless della serie SVFH sono caratterizzati da un'altissima efficienza e permettono un collegamento semplice e diretto alla rete elettrica. Grazie all'eliminazione del trasformatore, Nidec è stata in grado di rendere i drive il 30% più compatti e circa il 60% più leggeri rispetto alle soluzioni con trasformatore, riducendo non solo il fabbisogno di energia, ma anche l'utilizzo di metalli come rame e ferro, difficili da smaltire.

 

La nuova soluzione presentata ad ADIPEC ha come obiettivo finale quello di garantire la massima efficienza, massimizzando il trasferimento di energia elettrica dalla rete al carico e viceversa. VDF AFE è infatti in grado di effettuare la frenatura rigenerativa del carico del motore, la rigenerazione e la correzione del fattore di potenza. In questo modo, il drive è in grado di immettere nuovamente in rete l'energia elettrica senza il bisogno di dissiparla, eliminando quindi ogni spreco.

 

Altra importante innovazione dei VFD AFE è la connettività. Questi drive sono infatti dotati di un'app dedicata e dall'interfaccia semplice e intuitiva, che può essere installata su tutti gli smartphone, e che permette di monitorare il funzionamento del sistema, di programmare la manutenzione e di garantire interventi immediati anche da remoto, semplificandone l'utilizzo per tutti gli operatori, anche i meno esperti.

 

"Siamo noi, con le nostre azioni e intuizioni quotidiane, a definire come sarà il nostro futuro e quello delle prossime generazioni. È per questo che ogni giorno, in Nidec ASI, ci interroghiamo su quale può e deve essere il nostro apporto per la transizione energetica verso il mondo di domani, che per poter essere davvero sostenibile, dovrà essere caratterizzato da minori consumi di materie prime e di energia. Per questo, sono davvero felice di poter presentare i VFD AFE, la nuova soluzione sviluppata dai nostri ingegneri, ad ADIPEC perché sono sicuro che rappresenterà un tassello imprescindibile verso il futuro green e sostenibile di tutte le industrie del mondo." Ha dichiarato Dominique Llonch, CEO di Nidec ASI e Presidente di Nidec Industrial Solutions.

 

I nuovi VFD AFE di Nidec ASI si inseriscono perfettamente nell'offerta di soluzioni personalizzate dell'azienda ideali per tutti i settori industriali, e rappresentano un ulteriore e importante passo avanti nella strategia aziendale nel processo di transizione energetica verso un futuro sempre più green e sostenibile. 

 

Nidec ASI sarà presente ad ADIPEC nel padiglione 1 - stand n. 1358.



--
www.CorrieredelWeb.it

domenica 17 novembre 2019

Myplant: 21 novembre, Giornata nazionale dell'albero e 'progetto riuso #legnourbano'

Myplant: da Torino a Milano,
un esempio pratico di riuso del legno urbano

 

Il 21 novembre a Torino, nell'ambito degli Stati Generali del Verde pubblico, la presenza di Myplant & Garden non sarà solo una (doverosa) celebrazione di piante e foreste, né tantomeno un atto di presenza. Sarà una testimonianza diretta di come l'economia circolare applicata al riuso del legno urbano possa dare risultati di rilievo.

 

L'assessorato all'Ambiente e al Verde della Città di Torino promuove in occasione degli Stati Generali del Verde – arricchiti dalla ricorrenza della Giornata nazionale dell'albero del 21 novembre - una settimana di eventi dedicati al tema del rapporto tra salute e alberi in città e all'importanza del verde per il benessere della cittadinanza.

 

Si tratta di una grande occasione per sensibilizzare le persone, ricordare quanto gli alberi siano elementi fondamentali dell'ecosistema, delle città, nella lotta all'inquinamento e a migliorare la qualità della vita di tutti.

Gli alberi sono molto più potenti di quanto si possa immaginare: sono vita pura e proteggono le nostre vite. Una pianta di 30 centimetri di diametro può assorbire fino a 30 kg di CO2 all'anno, in pratica 20 alberi possono compensare le emissioni di un'auto, fornendo in cambio l'ossigeno necessario a 200 persone. Assorbono molte sostanze inquinanti, dalle famigerate polveri sottili (PM10) a ossidi di azoto (N2O) e anidride solforosa (SO2), depurano le acque, riducono l'inquinamento acustico, mitigano il clima.

E creano economie. La sola filiera legno genera l'1,6% del prodotto interno lordo e offre 300 mila posti di lavoro.

Il recupero del legno urbano è un'attività che s'innesta perfettamente in questa visione, andando anzi ad alimentarne la continuità e il valore economico e sociale. Gli scarti delle potature o gli abbattimenti delle piante cittadine (per ragioni di instabilità, età, malattia, pianificazione territoriale, rinnovo periodico di alberature…) costituiscono un costo economico, dalla logistica ai regolamenti, e un problema ambientale: perché gli alberi, quando cippati e bruciati, sprigionano una grande quantità di CO2 vanificando l'opera di ripulitura e raffrescamento dell'aria compiuta durante la propria vita.

Valorizzare questi 'scarti', dando loro una seconda vita, è lo scopo del progetto #LegnoUrbano. Si tratta di un progetto ambientale, imprenditoriale e culturale, che mira a creare una filiera organizzata territorialmente (es.: le segherie mobili) pronta a intervenire nel recupero del legno degli alberi urbani (pubblici e privati), per destinarli a nuovi utilizzi non distruttivi.

 

È un progetto di economia circolare a favore della conservazione del capitale naturale in grado di offrire una 'second life' a una materia tanto preziosa. Garantendo a tutti la permanenza del carbonio all'interno della biomassa legnosa, evitandone ossidazione e liberazione.

 

Alla fase di recupero del legno, anche in situ, la rete interviene con lavorazioni in grado di produrre artefatti unici – in tal caso artistici - e di grande qualità. Si tratta di un nuovo approccio al legno urbano: da risorsa trattata come rifiuto, a rifiuto valorizzato come risorsa.

 

È facendo appello a questa filiera che Myplant, il 21 novembre prossimo, grazie alla collaborazione con Assofloro e Rete Clima, a Torino si farà carico del recupero e del trasporto di alcune alberature abbattute per dar loro nuova vita e riproporle poi all'interno dei padiglioni in occasione della VI edizione (26-28 febbraio 2020).

I legni ricavati da queste lavorazioni costituiranno gli elementi espositivi centrali dell'evento-cult Garden Center New Trend, all'interno della kermesse: un esempio pratico di utilizzo di questi materiali a favore delle migliaia di garden center, centri giardinaggio, rivendite agrarie, spazi vendita di fiori e piante in Italia e all'estero.

 

Myplant & Garden – International Green Expo

Myplant & Garden è la più importante manifestazione professionale dell'orto-florovivaismo, del paesaggio e del garden in Italia. Punto di riferimento assoluto del mercato italiano e protagonista di primo piano di quelli internazionali, la fiera è promotrice della cultura del verde, dell'economia circolare, della tutela ambientale e della progettazione green.



--
www.CorrieredelWeb.it

Riciclare i rifiuti, snellire il traffico: le idee vincentidegli studenti vincitoridel Premio R Young Claudio De Albertis

Riciclare i rifiuti, snellire il traffico: le idee vincenti degli studenti vincitori del Premio R Young Claudio De Albertis

Premiati al Teatro Alla Scala di Milano nell'ambito della Giornata della Ricerca 2019

  

Milano, novembre 2019 - Premiati al Teatro alla Scala di Milano gli studenti vincitori del Premio R Young promosso e finanziato dal Comitato Claudio De Albertis all'interno del prestigioso Premio Lombardia E' Ricerca, conferito dalla Regione in collaborazione con l'Ufficio Scolastico Regionale alle proposte più innovative degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado (statali e paritarie) e dei percorsi di istruzione e formazione professionale (Iefp).

In occasione della Giornata della Ricerca 2019, il Comitato Claudio De Albertis ha messo a disposizione 30mila euro per formazione e ricerca, sollecitando le scuole lombarde su progetti aventi come tema smart cities, città intelligenti, con particolare attenzione all'ambiente e alla qualità della vita.

Le idee premiate sono state due, ex aequo: Green City Bus, innovativo sistema per una mobilità sostenibile (vedi sotto scheda progetto) realizzato da un gruppo di ragazzi della classe Quinta EA dell''I.T.I.S. P. Paleocapa di Bergamo e "Trash is better with TYPH- (Typh=throw your packaging here)" (vedi sotto scheda progetto), un cestino intelligente in grado di smistare e compattare i rifiuti dei distributori automatici realizzato da un gruppo di ragazzi della classe Quarta AM dell'Istituto Opere Sociali Don Bosco Istituto "E. Breda" di Sesto San Giovanni (Milano). Ai gruppi vincitori sono andati 10mila euro con l'impegno di destinarli ad attività di ricerca e didattica, cui si aggiungono 3mila 750 alla scuola di appartenenza. Tra i finalisti c'è anche una seconda scuola di Bergamo, I.I.S Mario Rigoni Stern e l'Istituto Einaudi di Chiari (Brescia), che hanno vinto un contributo di 1250 euro sempre per attività di didattica e ricerca.

"Abbiamo istituito un Premio per progetti concreti mirati alla salvaguardia dell'ambiente e al miglioramento della qualità della vita - commenta Carla De Albertis – Smaltimento sostenibile dei rifiuti e gestione intelligente della mobilità sono i temi dei due progetti vincitori ex aequo scelti dalla Giuria con questa stessa motivazione: "Per l'attinenza al tema della smart city e per le ricadute positive in termini di qualità dell'ambiente e della vita dei cittadini. Supportato da approfondite motivazioni, analisi e da una valida organizzazione del lavoro di gruppo".

I progetti sono stati valutati da una giuria composta da Carla De Albertis - Presidente Comitato, Andrea Cancellato - Direttore MEET, Centro cultura digitale Milano e Presidente Federculture Roma, Giovanni Contini - Ingegnere, Consigliere Ordine Ingegneri Milano, Componente commissioni industria 4.0, Bruno Dapei – Direttore Comitato e A.D WikiMilano, Luca Levati, Direttore Radio Lombardia e Bruna Sinnone - Preside, ex presidente Dirpresidi, ex direttore CISEM.

 

PRIMO CLASSIFICATO EX AEQUO

Istituto:  Opere Sociali Don Bosco Istituto "E.BREDA  Sesto San Giovanni (Classe 4AM)

Titolo del progetto: Trash is better with TYPH (throw your packaging here)      

Col cestino intelligente, il break diventa sostenibile

Typh: sistema efficace automatizzato in grado di compattare i rifiuti derivati dai distributori automatici di snack e bibite, dividerli in base al tipo di materiale per un riciclo intelligente.

 

L'idea nasce da un'indagine sulle abitudini di utilizzo di snack e bevande erogate dai distributori automatici. Il team ha ideato un sistema munito di sensori, motori e servo motori comandati da una piattaforma hardware composta da una serie di schede elettroniche dotate di un microcontrollore, producendo il primo prototipo di cestino intelligente per le aree break dotate di distributori automatici: TYPH (Throw Your Packaging Here). L'utente dopo aver consumato il suo prodotto può gettare il rifiuto nel cestino aprendo lo sportello superiore tramite un pulsante. Introducendo la bottiglia, la lattina oppure il bicchiere nella botola, la macchina riconosce la presenza del rifiuto e lo comprime. Una volta compresso, i sensori capacitivo e induttivo, riconoscono il tipo di materiale e con l'ausilio di un pulsante, azionato dal rifiuto durante la sua compressione, il sistema riceve le informazioni necessarie per direzionare il rifiuto nel contenitore adeguato. Grazie alla compressione di ciascun rifiuto, il prodotto in pochi passaggi permette di ridurre del 70% l'ingombro dei prodotti di scarto. I ragazzi hanno ideato anche un sistema premiante per chi compatta il rifiuto col cestino intelligente: l'utente riceve una sorta di "premio" in buoni d'acquisto di ulteriori snack e bevande pari a 0,02€ (2 cent) per ogni rifiuto inserito nel cestino.

 

PRIMO CLASSIFICATO EX AEQUO

Istituto: Itis Pietro Paleocapa (Bergamo) CLASSE 5EA

Titolo del progetto: Green City Bus

Per una gestione intelligente e sostenibile del traffico

 

È stato creato un plastico di una città, con al centro un incrocio semaforico con doppia corsia per ogni careggiata. Una corsia è per il transito delle automobili e mezzi privati, la seconda viene utilizzata solamente per i mezzi pubblici, come il pullman di linea. Il semaforo compie il ciclo facendo passare sempre le auto, ma appena il sensore riconosce l'autobus, il ciclo viene interrotto e fa attraversare in sicurezza il mezzo pubblico dandogli la precedenza. Questo porta ad avere dei mezzi più veloci all'interno del traffico cittadino. Nella modalità notturna il semaforo entra in una fase di stand-by, dove vi è il lampeggio della luce arancione, questo perche il traffico notturno diminuisce. In tale modalità i sensori che riconoscono il pullman e la chiamata dell'attraversamento restano attivi in modo da far attraversare il pedone o l'autobus in sicurezza anche nelle ore notturne. E' stato inoltre inserito un sistema che manda il semaforo in allarme in modo tale da facilitare il passaggio dei mezzi di emergenza (ambulanza, vigili del fuoco, ecc…). Il sistema viene azionato da un telecomando che potrebbe essere fornito ad ogni mezzo di emergenza. Alla pressione del pulsante, il semaforo entra in modalità di emergenza facendo lampeggiare la lampada rossa. Tale lampeggio avvisa tutti gli autisti di una situazione di emergenza, i quali liberano l'incrocio facilitando il passaggio e mettendolo in sicurezza.



--
www.CorrieredelWeb.it

Energica, in partnership con Dell’Orto, si aggiudica il “BANDO Call HUB Ricerca e Innovazione” per la realizzazione di “Power Unit” dedicate a EV small e medium size

Energica, in partnership con Dell'Orto, si aggiudica il "BANDO Call HUB Ricerca e Innovazione" per la realizzazione di "Power Unit" dedicate a EV small e medium size  

Il mercato di riferimento europeo stimato conta oltre 1.000.000 di veicoli/anno

 

Modena, 15 novembre 2019

 

Energica Motor Company S.p.A., società operante nel settore delle moto elettriche ad elevate prestazioni, quotata sul mercato AIM Italia, organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A., comunica di essersi aggiudicata, insieme a Dell'Orto S.p.A., storica azienda produttrice di sistemi di iniezione elettronica, il bando promosso dalla regione Lombardia dedicato a "progetti strategici di ricerca, sviluppo e innovazione volti al potenziamento degli ecosistemi lombardi della ricerca e dell'innovazione quali hub a valenza internazionale".

 

Il progetto è arricchito dal contributo di Unimore (Università di Modena e Reggio) che realizzerà una specifica declinazione di logiche ADAS per veicoli 2-3 ruote e Octo Telematics che svilupperà una innovativa piattaforma di connettività per i veicoli.

 

Attraverso il presente bando, il partenariato di progetto si è aggiudicato un finanziamento a fondo perduto pari a Euro 2.730.182 euro, ovvero pari a circa il 40% degli investimenti che verranno effettuati per il progetto nel periodo di 30 mesi, di cui 762.353 euro per Energica.

 

Livia Cevolini, CEO di Energica Motor Company, ha così commentato: "Grazie al know-how acquisito e riconosciuto a livello internazionale Energica punta ad avviare lo sviluppo di questa motorizzazione ampliando la sua capacità di offerta sul mercato delle due ruote verso un segmento di grandi volumi ed elevata crescita nel mondo. Il nostro team insieme al team Dell'Orto sta lavorando su nuove soluzioni per rispondere alle nuove esigenze del mercato".

 

Davide Dell'Orto, CTO di Dell'Orto Spa, commenta: "Il progetto CEMP (Connected Electric Modular Powertrain) si allinea pienamente alle linee strategiche aziendali e permette a Dell'Orto e ai suoi partner di sviluppare competenze ed innovazione in tre settori fondamentali per il futuro dell'industria della mobilità urbana: l'elettrificazione, la connettività e i sistemi avanzati di assistenza alla guida".

 

Il progetto "CEMP" di Energica e Dell'Orto e potenzialità di mercato

 

Dando seguito all'accordo strategico tra Energica e Dell'Orto, comunicato in data 16 luglio 2019, il progetto presentato ha l'obiettivo di realizzare e commercializzare una nuova tipologia di Power Unit destinata a moto elettriche (EV) small size (range di potenza fino a 8/11kW) e medium size (range di potenza fino a 30 kW), che si inseriscono in un mercato che conta oltre 1.000.000 di veicoli all'anno con una crescita registrata, solo in Europa, nel Q1 2019 (vs Q1 2018), pari al 79% (dati ACEM).

Il progetto si pone l'obiettivo di offrire soluzioni tecnologicamente avanzate ai grandi produttori operanti nel settore delle due ruote e combina il know-how unico di Energica nella motorizzazione elettrica con le competenze progettuali di Dell'Orto nei sistemi di iniezione, nonché la capacità produttiva e commerciale in Europa, Cina e India.

 

"BANDO Call HUB Ricerca e Innovazione": caratteristiche

 

Il bando promosso dalla regione Lombardia ha lo scopo di promuovere progetti strategici di ricerca industriale e/o di sviluppo sperimentale di particolare valore aggiunto e rilevanza in termini di potenziamento della capacità competitiva e attrattiva del territorio, potenziamento delle infrastrutture di ricerca e innovazione per la maturazione tecnologica e trasferimento tecnologico e delle conoscenze, al fine di avviare interventi di sviluppo efficaci e sinergici, stanziando fondi per un totale di € 114 milioni.

 

I principali obiettivi strategici dell'iniziativa sono:

  • facilitare le relazioni tra Università, imprese, centri di ricerca e cittadini e la messa a sistema delle competenze strategiche e delle eccellenze presenti sul territorio, al fine di favorire il trasferimento tecnologico e l'utilizzo di nuove tecnologie a sostegno del processo di innovazione;
  • promuovere hub territoriali della conoscenza, della ricerca e dell'innovazione con proiezione internazionale - intesi come forme evolute di partenariato che da un lato integrino i tre elementi del triangolo della conoscenza (ricerca, innovazione, istruzione) e dall'altra prevedano forme di coinvolgimento degli utilizzatori finali (es. living lab)- favorendo il loro rafforzamento e la loro partecipazione alle iniziative internazionali anche nell'ottica di reciproche collaborazioni progettuali;
  • promuovere lo sviluppo duraturo e sostenibile e la crescita competitiva attraverso il potenziamento delle dotazioni materiali, immateriali ed infrastrutturali della ricerca e innovazione per la maturazione tecnologica e il trasferimento tecnologico e delle conoscenze.

 

 

Energica Motor Company S.p.A., quotata sul mercato AIM Italia e PMI innovativa, è la prima casa costruttrice al mondo di moto elettriche ad elevate prestazioni e il costruttore unico della FIM Enel MotoE™ World Cup. Energica nasce dall'esperienza del Gruppo CRP che da oltre 45 anni fornisce soluzioni e tecnologie all'avanguardia per il settore Motorsport, Formula1 e Aerospace. Le moto Energica sono attualmente in vendita worldwide presso la rete ufficiale di concessionari ed importatori.

 

Dell'Orto S.p.A., azienda totalmente integrata a livello produttivo, si è affermata a livello nazionale ed internazionale nel settore dei sistemi di alimentazione dedicati al mondo delle due e quattro ruote grazie al know-how ed expertise maturati in  oltre 85 anni di ininterrotta attività di ricerca, produzione e distribuzione di sistemi di alimentazione automotive.

Dell'Orto SpA, con oltre 85 anni di storia e un fatturato in costante crescita, pari nel 2018 a circa 100 milioni di Euro, opera nella produzione di sistemi di alimentazione, per grandi produttori delle "due ruote", tra cui Piaggio, BMW, KTM, Peugeot, Kymco, Sym, e grandi gruppi automotive come FCA, General Motors, PSA, BMW, Renault, Volvo, Mahindra. In ambito Motorsport l'azienda è presente in MotoGP, Moto3, sui Kart e dal 2019 con il sistema di acquisizione dati per la MotoE. Il Gruppo Dell'Orto ha il quartier generale europeo a Cabiate (CO) e siti produttivi in India e Cina.



--
www.CorrieredelWeb.it

venerdì 15 novembre 2019

Sharing: eCooltra: anche con il brutto tempo, non rinunciare a muoverti in libertà e nel pieno rispetto dell'ambiente


 

Anche con il brutto tempo, non rinunciare a muoverti 100% green a Milano e Roma in totale libertà e sicurezza

 

Con l'inverno arrivano le piogge e le strade delle città sono invase d'acqua, saltano i tombini e i mezzi di trasporto pubblico circolano a singhiozzo.

Brutto tempo e freddo sono elementi che possono scoraggiare chi ama muoversi sulle due ruote in città ma, a Milano e Roma, con eCooltra non ti fermi mai e percorri le strade cittadine in totale comfort e sicurezza.

 

 

Gli scooter eCooltra, sono adatti ad un utilizzo in tutte le stagioni anche in inverno e in caso di brutto tempo, in quanto equipaggiati di copertine per le gambe idrorepellenti che proteggono sia dal freddo sia dalla pioggia; inoltre sono dotati di ruote grandi a doppia mescola, morbide ai lati e più rigide al centro che assicurano grande stabilità di guida anche in caso di asfalto bagnato; infine, oltre alla presenza del doppio casco per poter viaggiare in due (nel bauletto sono alloggiati anche le cuffiette sotto casco igieniche monouso e salviette umidificate), la sella è ampia e allungata per il massimo comfort e sicurezza.

 

Il servizio di sharing di scooter elettrici offerto da eCooltra è semplice, economico e immediato e...sicuro anche in caso di maltempo!

Grazie al servizio di libera circolazione di eCooltra, ovvero la possibilità di prendere e lasciare il veicolo ovunque si desidera l'utente circola liberamente con il proprio scooter elettrico per tutte le strade di Roma e Milano incluse le aree ZTL.



--
www.CorrieredelWeb.it

Bonaveri riceve il Premio Sviluppo Sostenibile 2019 per il progetto BNatural


 
Image
 

Premio Sviluppo Sostenibile 2019: Bonaveri tra i vincitori
L'azienda emiliana ha ricevuto il premio nella categoria Economia Circolare con il progetto "BNatural": il primo manichino biodegradabile al mondo.

Ecomondo, Rimini, 7 novembre | Tre categorie in gara per premiare le realtà italiane che si sono distinte per risultato ambientale, contenuti innovativi, possibilità di diffusione e di buone performance economiche. Con il progetto BNatural, Bonaveri si aggiudica il Premio Sviluppo Sostenibile 2019 nella categoria Economia Circolare. 

 

Bonaveri - leader mondiale nella produzione di manichini di alta gamma, con sede a Renazzo di Cento (FE) - è una delle dieci aziende selezionate per progetti concreti e virtuosi, in grado di rappresentare case history significative nell'ambito della Circular Economy.

Il progetto BNatural ha offerto per la prima volta sul mercato dei manichini un'alternativa sostenibile, grazie a un prodotto ottenuto da materia prima naturale e fonte rinnovabile. L'obiettivo di Bonaveri è stato quello di unire alla più alta qualità e attenzione al dettaglio - che da sempre la contraddistinguono - il rispetto per l'ambiente, le risorse e il pianeta, coniugando etica ed estetica. Con i manichini BNatural, i brand di moda hanno la possibilità di ridurre del 25,72% la propria impronta ambientale, promuovendo al tempo stesso un'economia sempre più circolare e sostenibile.

 

Il Premio Sviluppo Sostenibile, promosso dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile e dall'Italian Exhibition Group, con il Patrocinio del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, ha presentato i vincitori dell'undicesima edizione a Rimini, in occasione di Ecomondo. L'iniziativa ha ricevuto la Medaglia del Presidente della Repubblica Italiana, importante riconoscimento a fronte dell'interesse culturale e istituzionale del progetto.

Guido e Andrea Bonaveri 

"Le mode passano, ma la natura resta ed è il bene più prezioso che abbiamo" Dichiara Andrea Bonaveri, CEO dell'azienda "Il progetto BNatural rappresenta l'inizio di un percorso che ci siamo impegnati ad intraprendere, che non coinvolge solo il prodotto, ma che si allarga a tutte le fasi della vita d'impresa. Siamo consapevoli del fatto che non ci può essere qualità senza responsabilità: etica ed estetica devono percorrere un sentiero comune".

 

Bonaveri è la prima azienda al mondo ad aver prodotto un manichino biodegradabile, realizzato in B Plast®, bio-plastica che deriva al 72% dalla canna da zucchero, e verniciato con B Paint®, la prima vernice naturale composta esclusivamente da sostanze organiche rinnovabili. 

BNatural è non solo un prodotto certificato - Bplast e Bpaint sono garantiti OK-BIOBASED dall'ente TUV AUSTRIA - ma anche corredato di un'analisi Cradle to Cradle ("dalla culla alla culla") che ne dimostra l'efficienza in un'ottica di economia circolare.

Nel 2016, con l'obiettivo di migliorare la propria performance ambientale, Bonaveri ha avviato una collaborazione con l'Università di Bologna per definire un packaging più eco-friendly. A seguito di una approfondita analisi LCA di tutto il ciclo produttivo, gli imballaggi erano infatti risultati come uno dei fattori più critici e impattati dal punto di vista della sostenibilità. I nuovi packaging hanno permesso una riduzione del 40 % delle emissioni di CO2, del 37% del consumo di energia e del 56% di quello di acqua e il progetto è stato premiato nel 2017 dal CONAI con il "Premio speciale per il caso più meritevole dal punto di vista tecnico-progettuale".

 

La cerimonia di premiazione del Premio Sviluppo Sostenibile si è svolta il 7 novembre a Rimini, in occasione di Ecomondo: le aziende e città premiate hanno ricevuto la Targa del Premio Sviluppo Sostenibile 2019, alla presenza del Presidente della Commissione Premio, Edo Ronchi, e di tutta la Giuria.


 
Image
 
Image
 
Image



--
www.CorrieredelWeb.it

Università di Pavia: Assegnati i premi ai Report di Sostenibilità delle migliori realtà aziendali italiane


              


Assegnati i premi ai Report di Sostenibilità
Riconoscimenti agli standard d'eccellenza legati alla comunicazione
non finanziaria delle migliori realtà aziendali italiane



PAVIA 13/11/2019. Il Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell'Università di Pavia, insieme a Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, Associazione Italiana Revisori Contabili, Associazione Italiana per la Direzione del Personale e Refinitiv ha ospitato, martedì 12 novembre 2019, il Premio al Report di Sostenibilità.

Alla cerimonia di premiazione, svoltasi presso l'Aula Magna dell'Ateneo pavese, sono intervenuti come keynote speaker il professor Ken Merchant della University of Southern California e Sara Lovisolo Group Sustainability Manager di  BorsaItaliana.

L'evento Premio al Report di Sostenibilità è nato dall'idea di riconoscere l'impegno e premiare le aziende italiane sulla base delle loro dichiarazioni non finanziarie o, più in generale, della reportistica di sostenibilità.

L'importanza delle dichiarazioni non finanziarie nasce dall'esigenza di trasmettere a diversi gruppi di stakeholders informazioni relative a temi di carattere non finanziario, come, per esempio, temi ambientali, sociali e di governance aziendale.
L'evento ha avuto come obiettivo la diffusione la cultura della rendicontazione di performance non finanziarie per la promozione di azioni sostenibili, allargando la platea delle imprese che danno accesso a informazioni di natura non finanziaria.  Ha voluto anche contribuire alla divulgazione di principi, elementi e concetti fondamentali che possano rappresentare gli standard di riferimento legati alla comunicazione non finanziaria per consolidare una cultura d'impresa sostenibile.

Il Premio è stato diviso in tre differenti categorie per ognuna delle quali sono state selezionate cinque aziende d'eccellenza.

Per la categoria di Aziende di piccole e medie dimensioni le finaliste sono state: CNS, DECO, Humana, Novamont e Social Techno.
La vincitrice è stata Humana, con la seguente motivazione "il report di Humana si è distinto per un elevato orientamento ai temi rilevanti e un forte approccio quantitativo".

Per la categoria di Aziende di medio-grandi dimensioni le finaliste sono state: Banco Desio, CAP, ENAV, Ferragamo, e GSE.
Il premio è andato a ENAV, con la seguente motivazione "il report di ENAV presenta un ottimo bilanciamento dei criteri analizzati e, in particolare, dimostra un forte orientamento strategico e un solido approccio quantitativo".

Per la categoria di Aziende di grandi dimensioni le finaliste sono state: ASTM, Benetton, ENI, Saipem, e TIM.
ENI si è aggiudicata la vittoria con la seguente motivazione della giuria "il report di ENI presenta uno spiccato orientamento strategico e un elevato focus sui temi rilevanti".


--
www.CorrieredelWeb.it

giovedì 14 novembre 2019

ECOSOSTENIBILITÀ E COMUNICAZIONE: TORNA IL PREMIO SAN BERNARDINO A ROMA IL 3 DICEMBRE

ECOSOSTENIBILITÀ E COMUNICAZIONE: TORNA IL PREMIO SAN BERNARDINO A ROMA IL 3 DICEMBRE

 

(Roma, 14 novembre 2019). La comunicazione ecosostenibile è il tema della diciassettesima edizione del Premio San Bernardino, l'evento organizzato a Roma il prossimo 3 dicembre da MAY Communication in collaborazione con l'Università LUMSA di Roma. In primo piano, alla LUMSA di Borgo Sant'Angelo, il Premio per la pubblicità socialmente responsabile nelle categorie Profit e Non Profit. A giudicare le campagne pubblicitarie, il direttore di Avvenire, Marco Tarquinio; il past president di Pubblicità Progresso, Alberto Contri; il giornalista-vaticanista, Lucio Brunelli; la giornalista del Corriere della Sera, Sara Gandolfi; il Prorettore dell'Università Lumsa Gennaro Iasevoli; il docente dell'Università Urbaniana, Luca Pandolfi e Nataša Govekar, della direzione Teologico Pastorale del Dicastero Vaticano per la Comunicazione.

Durante la mattinata anche la consegna del Premio giovane pubblicitario 2019, assegnato alla campagna pubblicitaria migliore tra quelle elaborate dagli studenti delle scuole superiori di Roma e provincia (Aula Magna, ore 9.15).

Nel pomeriggio (ore 14), - dopo i saluti del Rettore dell'Ateneo, Francesco Bonini - aprirà il Convegno l'intervento sull'ecologia della parola del Sottosegretario del Pontificio Consiglio della Cultura, monsignor Melchor Sanchez de Toca con il poeta e scrittore Davide Rondoni.

Sono previsti 8 interventi che affronteranno altrettanti temi legati all'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, il programma sottoscritto dai governi di 193 Paesi membri dell'Onu nel 2015. L'insostenibilità dell'attuale modello di sviluppo, il green marketing, la campagna Ci riesco della Fondazione Pubblicità Progresso, #FridaysForFuture, il progetto #IoSonoAmbiente del ministero dell'Ambiente, il cibo biologico, i social e la cultura green, gli influencer marketing sono i temi chiave delle sessioni, ognuna animata dalle testimonianze di esperti, tra professionisti della comunicazione, dell'ambiente, blogger e giovani attivisti.

Le conclusioni saranno affidate al Prorettore alla Ricerca e all'Internazionalizzazione dell'Università LUMSA, Gennaro Iasevoli.

 

Patrocini Premio e Convegno: Pontificio Consiglio della Cultura, Regione Lazio, Rai Responsabilità Sociale.

Sponsor Premio: UnipolSai Assicurazioni, con il contributo di Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo. Partner: Agenzia italiana per lo sviluppo sostenibile (Asvis). Media partner: Avvenire.

Sponsor Convegno: Veronafiere, Corepla (Consorzio nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica), Bentus Laboraories. Partner: Agenzia italiana per lo sviluppo sostenibile (Asvis). Media partner: Avvenire.



--
www.CorrieredelWeb.it

Economie Circolari di COmunità. Domani a Campi Bisenzio (Fi)

Conferenza stampa di presentazione
domani h.11.30

 



ECCO, ECONOMIE CIRCOLARI DI COMUNITA'

Parte il progetto ECCO (Economie Circolari di COmunità),

coordinato da Legambiente e finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, sarà presentato nell'ambito della quarta edizione del Festival dell'Economia civile

Promuovere e sviluppare l'economia circolare con il doppio obiettivo di migliorare l'ambiente e le economie delle nostre città e di favorire l'inclusione sociale. È questa la meta prefissata del progetto coordinato da Legambiente e finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. Il lancio di ECCO si terrà domani, 15 novembre alle 11 e 30 presso il Teatrodante Carlo Monni (Campi Bisenzio (Fi), piazza Dante 23).

Il progetto ECCO coinvolgerà il mondo di istituzioni, associazioni e scuole per innescare un processo di informazione e sensibilizzazione diretto alla promozione dei principi dell'economia circolare. Non solo attività divulgatorie ma anche azioni sul campo, infatti tra gli obiettivi di ECCO c'è la valorizzazione delle professioni green e l'attivazione di filiere sostenibili. ECCO-URBUM sarà la "vetrina" per il primo incontro ufficiale tra il team di progetto e i veri motori delle azioni: rappresentanti di università e scuole, associazioni, cooperative sociali e divulgatori.        

Il Festival dell'Economia civile sarà accompagnato da ECCO-URBUM, la "residenza breve per innovatori sociali e civici", dal 12 al 15 novembre. Saranno i giorni in cui lo staff nazionale di Legambiente si dedicherà alla formazione dei Ri-hubber, coloro che coordineranno le attività dei 13 Ri-hub dislocati in tutta Italia, i poli di "cambiamento territoriale" fulcro delle azioni di progetto.  

Partecipano:

Enrico Fontana (responsabile Economia Civile Legambiente), Marco Gisotti (giornalista e divulgatore), prof.ssa Eleonora Di Maria (Economia e gestione delle imprese Università di Padova), prof. Riccardo Morri (Istituto di Geografia Università Sapienza di Roma), Sebastiano Marinaccio (Mercatino srl), Simone Budini (Luiss ERShub) e Andrea Zampetti (Percorsi di Cittadinanza Coop. Sociale).

Segue nel pomeriggio il primo Forum nazionale dei Distretti dell'Economia Civile.

I programmi di Citytech 2019: app e mobilità elettrica

Si avvicina l'appuntamento con Citytech, l’evento conference + exhibition leader in Italia per le tecnologie legate alla mobilità, promosso dal Comune di Milano e patrocinato dai Ministeri dell’Ambiente e dello Sviluppo Economico, da Regione Lombardia e dall’Agenzia per l’Italia Digitale. E' online il progamma completo dei numerosi convegni che si terranno il 20 e 21 novembre presso il Milano LUISS Hub, spazio polifunzionale situato nel cuore dell’Innovation District del capoluogo lombardo.


Le tecnologie digitali hanno radicalmente trasformato il nostro modo di muoversi in città e di fruire dei servizi di mobilità. Ne parleremo insieme alle principali aziende che hanno rivoluzionato il settore tra sistemi di mobilità condivisa, piattaforme intelligenti in grado di migliorare le abitudini di viaggio e l’efficienza della rete dei trasporti e servizi in grado di ridurre i costi per l’utente.



La conversione verso l'elettrico è in atto: sarà la sfida principale dei prossimi anni e sarà possibile solo grazie ad una forte collaborazione tra pubblico e privato e tra tutti gli attori coinvolti. Ne parleremo in tre panel dedicati a: infrastrutture e servizi; prodotti e tecnologie; logistica a zero emissioni.


Il programma completo di Citytech all’insegna della Digital Transformation è disponibile online!




Continua a seguirci per rimanere aggiornato su tutte le novità e arrivederci a Citytech.
Segreteria Organizzativa
Tel: 051-2960894
Email: info@citytech.eu  

Ulteriori informazioni su: www.citytech.eu

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *