Cerca nel blog

venerdì 17 luglio 2015

In Toscana 1,8 milioni di Pneumatici Fuori Uso recuperati nel 2014 da Ecopneus


AMBIENTE: in Toscana 1,8 milioni di Pneumatici Fuori Uso recuperati nel 2014 da Ecopneus

Sono 16.357 le tonnellate di PFU raccolte e avviate a recupero da Ecopneus in Toscana nel 2014: messi in fila coprirebbero la distanza Firenze-Parigi.
I dati presentati durante la PFU Academy, incontro formativo per Forze dell'Ordine, Enti locali e Organismi di controllo e vigilanza.
  
Firenze, 17 luglio 2015 

Nel 2014 in Toscana 16.357 tonnellate di Pneumatici Fuori Uso-PFU, pari in peso a oltre 1,8 milioni di pneumatici da autovettura,hanno acquisito una nuova vita grazie all'attività di recupero di Ecopneus, divenendo gomma riciclata per campi da calcio, isolanti acustici, asfalti silenziosi e energia.

I dati sono stati presentati a Firenze in occasione del workshop PFU Academy Ecopneus, secondo appuntamento del 2015 del progetto formativopromosso da Ecopneus rivolto alle Forze dell'Ordine e alle figure tecniche della Pubblica Amministrazione, degli Enti Locali e degli Organismi di Vigilanza.

Tra i relatori dell'evento, patrocinato da ISPRA e organizzato con la collaborazione di Legambiente, di particolare rilievo l'intervento del Vice Questore Aggiunto Marta Ciampelli, Comandante del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Firenze del Corpo Forestale dello Stato che ha illustrato l'esperienza della Forestale regionale nelle attività d'indagine e contrasto dei reati in tema di gestione illegale dei rifiuti e in particolare dei Pneumatici Fuori Uso.

Ecopneus è la società senza scopo di lucro che, con circa 250.000 tonnellate raccolte e recuperate ogni anno (circa il 70% del totale nazionale), è tra i principali responsabili della gestione dei Pneumatici Fuori Uso in Italia: grazie ad una rete di aziende partner su tutto il territorio nazionale ne gestisce raccolta, trasporto e trattamento finale.
 Se mettessimo in fila tutte le oltre 16mila tonnellate di PFU raccolte da Ecopneus in Toscana nel solo 2014, potremmo coprire la distanza tra Firenze e Parigi.

Capofila della raccolta di PFU in Toscana èFirenze dove sono state prelevate 4.208 tonnellate di PFU, seguita da Grosseto con 1.648 tonnellate e Siena con 1.524 tonnellate.
Rispettivamente 1.472 tonnellate a Pistoia, 1.446 a Lucca e 1.370 a Livorno. In chiusura Arezzo con 1.362 tonnellate, Pisa 1.265, Massa Carrara con 1.041 ed in fine Prato con 1.021tonnellate.

All'attività ordinaria di raccolta dei PFU presso gommisti, stazioni di servizio e autofficine in tutta la Regione, si aggiungono gli interventi "straordinari" di Ecopneus in due "stock storici", siti dove da decenni giacevano abbandonate migliaia di tonnellate di Pneumatici Fuori Uso, completamente prelevate da Ecopneus senza nessun costo né per l'Amministrazione né per i cittadini. Nei due interventi, ad Aulla (MS) nel 2013 e a Rapolano (SI) nella primavera del 2015, Ecopneus ha prelevato e recuperato rispettivamente 1.204 e 1.907 tonnellate di PFU.


"La PFU Academy è un importante momento formativo e di confronto per Forze dell'Ordine, Enti locali e di controllo che sono impegnati quotidianamente, in prima persona, sul territorio. Siamo quindi convinti dell'importanza della formazione per favorire una efficace collaborazione tra pubblico e privato e assicurare una corretta gestione dei Pneumatici Fuori Uso in Italia" ha dichiarato Giovanni Corbetta, Direttore Generale Ecopneus. "Collaborazione che qui in Toscana si è mostrata molto vantaggiosa per l'intera collettività, come è il caso di Rapolano, dove l'intervento di Ecopneus ha permesso di risolvere una grave emergenza ambientale che da oltre dieci anni pesava sulla comunità locale".





--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI