Cerca nel blog

venerdì 3 luglio 2015

La variante Vanali di Reggio Emilia: grazie ai bitumi modificati con gomma SBR riciclata, dopo sei anni nessun intervento e 70000 kwh risparmiati

Variante Canali di Reggio Emilia: grazie ai bitumi modificati con gomma SBR riciclata, dopo 6 anni nessun intervento di manutenzione e 70.000 kwh risparmiati




A 6 anni dalla realizzazione dell'importante snodo emiliano, gli studi hanno confermato quanto atteso: maggiore durata, riduzione del rumore e impatti ambientali ridotti rispetto pavimentazioni realizzate con bitumi tradizionali.

Le misurazioni realizzate sulla Variante Canali, strada realizzata nel 2009 con asfalti modificati con aggiunta di gomma SBR da riciclo dei Pneumatici Fuori Uso, hanno confermato le alte prestazioni attese: una strada durevole, dove non sono stati necessari interventi di manutenzione, più silenziosa e sicura.

Una soluzione che unisce prestazioni all'avanguardia e sostenibilità ambientale. L'impiego di una Materia Prima Seconda derivante dal trattamento dei pneumatici fuori uso ha, infatti, ha evitato l'emissione di 40 tonnellate di CO2, riducendo i consumi energetici e risparmiando fino a 70.000 kwh rispetto alla realizzazione di una strada tradizionale. Un risparmio energetico complessivo che sarebbe pari ad un mese di energia elettrica per 300 famiglie di Reggio Emilia.

Ecopneus, società senza scopo di lucro tra i principali responsabili della gestione dei Pneumatici Fuori Uso in Italia, è fortemente impegnata nella più ampia diffusione degli asfalti modificati con aggiunta di polverino di gomma. Un impegno che si concretizza con partnership con primari centri ed enti di ricerca nazionali, incontri tecnici e collaborazioni con la Pubblica Amministrazione.

Per la Variante Canali, ad esempio, Ecopneus ha supportato la campagna di misurazioni delle prestazioni acustiche e meccaniche del nuovo tratto stradale, i cui risultati sono stati presentati lo scorso giugno presso la Cantina Albinea Canali, in occasione di un workshop tecnico formativo realizzato con il patrocinio della Provincia e del Comune di Reggio Emilia.

La pavimentazione della Variante Canali è stata realizzata adottando pienamente la tecnologia statunitense "Asphalt Rubber". In fase di progettazione si è scelto un sistema di miscele "gap-graded" in asphalt rubber a spessore ridotto (3 cm usura + 4 cm binder) abbinato ad un SAMI (in Asphalt Rubber) e 7 cm di base realizzata con 100% di fresato riciclato a freddo con emulsione bituminosa e cemento. La differenza di dimensionamento della pavimentazione, rispetto ad una tradizionale, è notevole: 7 cm di conglomerati bituminosi "caldi" rispetto a 25 cm tradizionali ed ampio impiego di materiali da riciclo (base realizzata con fresato stradale riciclato a freddo).

I 3 km sui quali si sviluppa La Variante Canali di Reggio Emilia fanno parte dei circa 250 km/corsia realizzati ad oggi con bitume arricchito da polverino di gomma da riciclo in 27 province italiane. Una tecnologia che in Italia sta prendendo sempre più piede grazie anche all'impegno di Ecopneus ed in virtù dei concreti e dimostrati vantaggi rispetto gli asfalti tradizionali: una pavimentazione di ottimo livello che consente una riduzione del rumore da traffico veicolare fino a 7dB, una maggiore resistenza a crepe e fessurazioni e con una vita fino a 3 volte superiore.
 
Chi è Ecopneus
Ecopneus è la società senza scopo di lucro principale responsabile della gestione dei Pneumatici Fuori Uso (PFU) in Italia. Garantisce, infatti, ogni anno il corretto recupero di circa 250.000 tonnellate (oltre il 70% del totale nazionale): quasi 30 milioni di pneumatici vettura che ogni anno grazie ad Ecopneus sono trasformati in gomma riciclata per lo sport, gli asfalti, isolanti acustici, energia e molto altro ancora.


Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI