Cerca nel blog

venerdì 24 ottobre 2014

Concluso il convegno Ama - Ati Iswa Italia

CONCLUSO IL MEETING ATIA-ISWA ITALIA-AMA.

FORTINI:"A ROMA AVVIATO PERCORSO VIRTUOSO"

 

Si è concluso oggi il meeting sulla gestione dei rifiuti urbani organizzato da Atia-Iswa Italia (Associazione Tecnici Italiani Ambientali – membro nazionale dell'International Solid Waste Association) e Ama SpA al Grand Hotel Gianicolo. Al convegno, che ha rappresentato un'importante occasione per analizzare i vari aspetti inerenti la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti (oltre ai relativi costi) nelle città di Madrid, Parigi, Londra, Berlino e Vienna e Roma, sono intervenuti rappresentanti istituzionali e di importanti esperti del settore. Le due giornate di convegno sono state introdotte dall'Assessore all'Ambiente di Roma Capitale Estella Marino, dal Presidente di Atia-Iswa-Italia Paola Muraro, dal Presidente di Federambiente Filippo Brandolini e dal Presidente di Ama S.p.A. Daniele Fortini. Sono intervenuti Myriam Sanchez (Direttore generale del Parco Tecnologico Valdemingomez, Madrid), Michael Resch (Manager della Berliner Stadtreinigung), David Bearle (Presidente di Ciwm, Londra), Aurore Médieu (Project Manager dell'Ordif, Parigi) e Hans Mayr  (ARGE Österreichischer Abfallwirtschaftsverbände Vienna). Oggi gli interventi dei relatori sono stati moderati dal Presidente della Commissione Ambiente di Roma Capitale, Athos De Luca, e si sono conclusi con uno studio comparato sulle varie esperienze europee, illustrato da Jean Jacques Dohogne e con i saluti finali del Presidente di Ama Fortini.

 

Roma si propone come una delle città leader in Europa nella raccolta differenziata, grazie al 38% materiali avviati a recupero. Si tratta di uno dei dati più significativi emersi dal meeting. La percentuale di raccolta differenziata raggiunta da Roma, seconda solo al 42% di Berlino tra le città prese in esame, rappresenta un importante risultato anche a fronte di una produzione pro-capite di rifiuti di circa 610 kg annui per abitante, dato inferiore solamente ai 970 kg di Londra, e di molto superiore ai 442 kg pro-capite di Berlino. L'impegno di Ama e amministrazione capitolina sta proseguendo, in queste settimane, con una nuova estensione della raccolta differenziata di prossimità ("porta a porta" e stradale potenziata) in altri 3 municipi che consentirà di servire, globalmente, 1 milione 840mila cittadini e di avvicinarsi al 50% a fine anno.  

 

Il Presidente di Ama Daniele Fortini, nell'auspicare un nuovo appuntamento per il prossimo anno, ha parlato di "due giorni di impegno che hanno consentito di illuminare sia le criticità che le opportunità.  Grazie, infatti, alle preziose informazioni che questi autorevoli relatori hanno messo a disposizione è stato possibile analizzare e comparare tutte le specificità delle città europee partecipanti. Con la chiusura della discarica di Malagrotta- prosegue Fortini- Roma ha avviato un percorso virtuoso, assicurando un contributo estremamente considerevole all'abbassamento della soglia complessiva di rifiuti avviati in discarica in tutto il Paese. I risultati che stiamo ottenendo sono ulteriormente avvalorati dal fatto che a Roma il servizio complessivamente fornito da Ama ha un costo di circa 30 centesimi al giorno per abitante, a fronte degli 80-90 centesimi di altre realtà europee. Roma ha deciso di non avvalersi di nuovi impianti di trattamento termico e di discariche, avviandosi con decisione sulla strada del recupero di materia. E' infatti necessario investire in azioni e tecnologie che permettano di uscire dalle vecchie logiche, ed è proprio in questo ambito che rientra il progetto degli ecodistretti, intesi come vere e proprie "cittadelle" del recupero."

 

Questi, nello specifico, i dati relativi a tutte le città analizzate:

 

Madrid

Il sistema applicato nella capitale spagnola è quello maggiormente sbilanciato sul conferimento in discarica (39% circa). La percentuale di differenziata è al 17%, mentre il 26,2% è la quota di materiali destinati all'incenerimento. La raccolta differenziata è attiva per i rifiuti domestici (vetro, carta, imballaggi, indifferenziato) mentre i rifiuti ingombranti, RAEE e speciali vengono raccolti attraverso 17 strutture fisse e 5 veicoli.

La città si estende su una superficie di 604 km quadrati per un bacino di utenza costituito da 4.717.424 tra cittadini, turisti e pendolari. La produzione annua ammonta a circa 1.000.000 tonnellate (377 kg pro-capite). Il sistema di raccolta e trattamento viene finanziato attraverso una tassa applicata ad ogni cittadino proprietario di un immobile, oltre che con la vendita dei materiali recuperati con la raccolta differenziata, dell'energia prodotta attraverso la termovalorizzazione e del biometano derivante dal processo di digestione anaerobica dei rifiuti.

 

Parigi

Nella capitale francese lo smaltimento dei rifiuti è basato, in buona parte, sul trattamento termico con circa il 67% degli scarti gestiti attraverso l'incenerimento. La raccolta differenziata è pari al 13% e il 12,7% dei materiali viene conferito in discarica. Il bacino di utenza è di 6.695.233 abitanti (compresa la periferia), distribuiti su una superficie di 762 km quadrati. A Parigi in un anno si raccolgono complessivamente 2.548.107 tonnellate di rifiuti, con una media pro-capite di 440 kg. Il "porta a porta" è previsto per indifferenziati, vetro, carta, residui vegetali e materiali ingombranti, mentre i cassonetti stradali sono riservati a vetro, imballaggi e carta. In città sono poi presenti 45 centri di smistamento. Il servizio costa in media 94 euro ad abitante per la raccolta e il trattamento della differenziata e 180/200 euro a tonnellata per la raccolta e il trattamento dei materiali indifferenziati. La tassa rifiuti, che finanzia il servizio, è pari, in media, a 121 euro l'anno per abitante.

 

Londra

Nel caso di Londra i dati disponibili riguardano 12 aree amministrative ("boroughs") su 33, pari a 3.280.000 sugli 8.200.000 totali per una superficie di 1.583 km quadrati. In questo segmento la produzione annua di rifiuti urbani è di 2.954.000 tonnellate, con una media pro-capite di 970 kg. La raccolta differenziata è al 34%, il 41% viene avviato in impianti di termovalorizzazione e il restante 25% in discarica. La raccolta viene gestita con un sistema misto che prevede sia la raccolta domiciliare sia quella con cassonetti stradali nelle zone maggiormente popolate. Il costo per il servizio in città è di 25 euro a tonnellata e nell'hinterland di 72 euro a tonnellata. Gli oneri per lo smaltimento variano dagli 11 euro/tonnellata per il recupero di materia ai 118 euro/tonnellata per il conferimento in discarica.

 

Berlino

Tra le realtà prese in esame la città di Berlino, con una percentuale del 42%, è al primo posto per rifiuti raccolti in modo differenziato e avviati a recupero. Dal 2005 la legge tedesca proibisce lo smaltimento in discarica di rifiuti indifferenziati e ne consente l'utilizzo solo per una quota residuale di scarti. Circa il 33% dei rifiuti viene poi trattato in impianti di termovalorizzazione. Il bacino di utenza è di 3.375.222 abitanti, distribuiti su un'area di 891 km quadrati. La produzione annua di rifiuti ammonta a 1.492.000 tonnellate, con un'incidenza pro-capite di 442 kg. I costi del servizio sono completamente coperti dalla tassa rifiuti, che viene calcolata sul volume/formato del cassonetto e sulle frequenze di raccolta.

 

Vienna

La città austriaca è nota per l'impianto di trattamento termico dei rifiuti, che tratta il 75% dei rifiuti indifferenziati prodotti (pari al 67% del totale) mentre il 5% di essi va a recupero di materia, il 14,5% diventa compost e il resto è formato da scorie dell'incenerimento che finisce in discarica. La raccolta differenziata, invece, si attesta al 33%. L'estensione cittadina è di 415 km quadrati per una popolazione servita di 1.731.236 abitanti. La città produce annualmente 1.037.000 tonnellate di rifiuti (599 kg pro-capite). Anche in questo caso viene attuato un sistema misto con raccolta domiciliare e cassonetti stradali, a cui si affiancano strutture fisse dedicate ai rifiuti ingombranti e speciali. Il costo di raccolta e trasporto è in media di 100 euro a tonnellata. Per quanto riguarda i costi di smaltimento, l'incenerimento ammonta a 120 euro/tonnellata, mentre il recupero di materia da raccolta differenziata ha un costo di 60 euro/tonnellata.

 

Roma

Ama S.p.A. serve quotidianamente un bacino di utenza di 2.880.000 abitanti, su di un'area di 1.285 km quadrati, a fronte di una produzione annua di rifiuti di 1.775.000 tonnellate (610 kg pro capite). La raccolta differenziata è pari al 38%, di cui l'11% è rifiuto organico trasformato in compost e il 27% è recupero di materia (vetro, carta, cartone e imballaggi in plastica e metalli). Il sistema in via di estensione prevede due modelli: il "porta a porta" e la raccolta stradale. In entrambi i casi, comunque, la raccolta differenziata viene effettuata separando le 5 frazioni di rifiuto: organico; contenitori in vetro; carta e cartone; multi-materiale "leggero" (contenitori in plastica e metallo); materiali non riciclabili. Entro fine anno saranno serviti in tal modo 1.840.000 abitanti, nel 2015 il servizio raggiungerà tutta la città. Il costo per la raccolta e il trattamento della raccolta differenziata è pari a 130 milioni.

I rifiuti indifferenziati, pari al 62% del totale, invece, vengono trattati e successivamente avviati a recupero energetico o smaltiti in discariche che accolgono rifiuti trattati fuori regione.

 

 

 

Roma, 24 ottobre 2014

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI