Cerca nel blog

sabato 23 novembre 2013

COP CLIMA - WWF: "ULTIMA OCCASIONE: CAMBIO RADICALE A LIMA 2014"

COP19 – SI  CHIUDE IL NEGOZIATO

WWF: "ULTIMA OCCASIONE PER IL CLIMA:
CAMBIO RADICALE AI NEGOZIATI DI LIMA 2014"


Alla chiusura dei negoziati sul clima ONU di Varsavia, Mariagrazia Midulla, responsabile Clima ed Energia del WWF Italia, che ha seguito i lavori in loco, commenta:

"La minaccia del cambiamento climatico ci impone una scelta chiara: un futuro in cui eventi naturali distruttivi come il tifone Haiyan saranno la norma, o un futuro alimentato a energie rinnovabili e basato su un paradigma di risparmio e uso efficiente delle risorse e dell'energia"

"La mancanza di un senso di urgenza mostrata dai governi in questo processo è stata nauseante. Ed è per questo che abbiamo lasciato i negoziati di Varsavia prima della loro chiusura. I negoziatori avrebbero dovuto usare il vertice di Varsavia per fare un grosso e fondamentale passo avanti verso un'azione globale e giusta contro il cambiamento climatico. Non è successo. E questo mette a serio rischio i negoziati verso il raggiungimento di un accordo globale nel 2015. Una performance simile anche l'anno prossimo sarebbe disastrosa, non solo per il progresso dei negoziati, ma soprattutto per tutte le comunità vulnerabili e per il mondo naturale da cui tutti noi dipendiamo."

"Le industrie più inquinanti hanno imposto una lunga ombra su questi negoziati e i governi hanno messo i propri interessi davanti a quelli della comunità globale di cittadini. Tutto questo deve cambiare: non c'è nessun modo per arrivare a un forte accordo globale nel 2015 finché i governi non rifletteranno le preoccupazioni delle persone e non gli interessi dell'industria dei fossili. Accordare agli interessi dei combustibili fossili così tanta influenza sui negoziati è del tutto inaccettabile. Questa dinamica deve cambiare se i governi vogliono convincere i loro cittadini che stanno facendo tutto il possibile per affrontare il cambiamento climatico."

"I negoziatori a Varsavia non avevano dai loro Governi il mandato di portarci verso un futuro migliore. Si sono mostrati impreparati a negoziare in buona fede, anche su questioni che colpisono le popolazioni più vulnerabili. Il governo giapponese ha ritrattato i suoi precedenti impegni per tagliare le emissioni, e il nuovo governo australiano si sta muovendo per annacquare la legislazione Nazionale sul clima, con l'apprezzamento del governo canadese."

"La questione delle emissioni di CO2 dalla perdita di foreste sarà cruciale per i negoziati di Lima l'anno prossimo e i negoziatori hanno una solida base di lavoro nella cornice e negli accordi positivi raggiunti a Varsavia almeno su questo tema. In particolare, i negoziati di Lima dovranno
affrontare la questione dei finanziamenti all'azione contro la perdita di foreste."

"Entro l'inizio del prossimo negoziato a Lima, abbiamo urgente bisogno di volontà politica, impegni reali, e un chiaro percorso verso un accordo complessivo e giusto a Parigi nel 2015, dove un nuovo accordo globale sul cambiamento climatico dovrà essere approvato. I Capi di Stato e di Governo dovranno arrivare al Summit dei leader ONU, convocato dal Segretario Generale per il prossimo settembre, con nuovi impegni che corrispondano alle evidenze scientifiche sul cambiamento climatico; dovranno anche impegnarsi direttamente nel percorso del processo negoziale, soprattutto a Lima e in Perù, se si rivelerà necessario, senza per questo duplicare il lavoro dei ministri e dei negoziatori".

"A Varsavia, il WWF si è unito a un ampio fronte di organizzazioni della società civile, movimenti sociali e sindacati per dire 'Quando è troppo è troppo'. Ci impegneremo a mobilitare i nostri membri e sostenitori per fare pressione sui governi perché intraprendano azioni più concrete contro il cambiamento climatico. E lavoreremo per costruire un legame diretto tra gli esiti della 'Social COP' in Venezuela e le COP in Perù e in Francia."

Alla chiusura della COP19, ci uniamo ai nostri colleghi della società civile facendo le seguenti richieste ai prossimi presidenti dei negoziati, Perù e Francia:
- Passi concreti per raggiungere la giusta ambizione prima del 2020 e un accordo equo nel 2015
- Rifiutare le industrie sporche come sponsor dei negoziati sul clima
- Garantire il diritto alla libertà di espressione e partecipazione attiva da parte delle organizzazioni della società civile ai negoziati sul clima.



Per incentivare le istituzioni finanziarie e i governi del mondo ad agire immediatamente investendo nell'energia rinnovabile e nell'efficienza energetica, tutti possono far sentire la propria voce, firmando sul sito www.wwf.it/riprenditilenergia la petizione globale WWF per chiedere di finanziare il futuro delle rinnovabili e non il passato delle energie fossili.


Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI