Cerca nel blog

giovedì 10 marzo 2016

GREEN BUILDING: i nuovi edifici del futuro sono già una realtà, il Gruppo Focchi di Rimini fa scuola a Londra per sostenibilità

Bird & Bird, il più grande studio legale al mondo, l'ha scelta come nuova sede londinese. 

Efficientemente sostenibile, particolarmente bella, innovativa: sono le caratteristiche del nuovo edificio completato dal Gruppo Focchi Spa a Londra, al numero 12 di New Fetter Lane, zona Midtown.

Quindici piani rivestiti in vetro smaltato e terrazze che ruotano intorno a una cerniera verticale espressa da una scala vetrata traslucida che filtra la luce naturale durante il giorno e diventa luminosa come un faro durante la notte. 

Un nuovo ed elegante edificio, realizzato con pannelli vetrati giganti supportati da montanti in vetro invisibili, che ha saputo far diventare virtù la difficile particolarità a forma di triangolo del lotto sul quale è stato costruito, diventando un'icona di riferimento nella capitale inglese.

Green Building. 

«Abbiamo lavorato con un team talentuoso che ha contribuito a realizzare un edificio complesso, particolarmente sofisticato e innovativo». Sottolinea Neil Thompson, Portfolio Director della Great Portland Estates, il property developer britannico. «La sostenibilità è uno dei temi principali su cui il progetto riflette. L'edificio racchiude un ampio raggio di risposte sostenibili che contribuiscono al raggiungimento degli obiettivi di rendimento ambientale con un 19% di riduzione di CO2  e un obiettivo di rating BREEAM "eccellente"».

Il futuro degli involucri architettonici è il presente tecnologico del Gruppo Focchi di Rimini, fondato nel 1914 e specializzato nella progettazione e realizzazione di facciate esterne di edifici. 

Opere uniche e su misura, nate dall'incontro fra la creatività architettonica e la capacità tecnologica di plasmare e di assemblare materiali diversi, in un'accezione del tailor-made di qualità che diventano esempi non solo di un nuovo modo di fare architettura "su misura" ma anche nel rinnovare e riqualificare gli spazi urbani nel solco della sostenibilità sociale.

Orgoglio Made in Italy. «Siamo particolarmente orgogliosi perché abbiamo ricevuto i complimenti da parte di tutti i soggetti che sono intervenuti: i due studi di architettura, Doone Silver Architects and Flanagan Lawrence, il nostro cliente diretto, ovvero l'impresa di costruzioni Mace, e soprattutto la proprietà, la TH Real Estate, che è una società immobiliare di primaria importanza a Londra e a livello internazionale.»  

Afferma Maurizio Focchi, amministratore delegato del Gruppo Focchi «Senza la passione e l'eccellenza di tutte le persone che lavorano con noi non saremmo mai arrivati a tanto. La nostra ricchezza è il capitale umano. Ma bisogna anche riconoscere il grande coraggio di Londra di puntare sulla riqualificazione dei quartieri della città. La bellezza vince sempre.»

«Si tratta di un edificio elegante.» Ribadisce David Lawrence, Managing Director dello storico studio di architettura Flanagan Lawrence «L'intero design è permeato da una cura raffinata per i dettagli. Tutte le persone coinvolte in questo progetto possono essere giustamente orgogliose».

«Dal 2010 abbiamo iniziato un percorso di ricerca e innovazione nel settore del Green Building mirato all'ottimizzazione energetica degli edifici, dedicando particolare cura allo sviluppo e alle prove di laboratorio, in modo da ottenere massime prestazioni di qualità ed efficientamento energetico». 

Conclude Maurizio Focchi. «Stiamo transitando verso un mondo più sicuro e più sano a basso carbonio, nel quale tutti siamo chiamati a portare un contributo».

La prima verifica sarà il 22 aprile all'Onu di New York, quando i capi di Stato e di governo saranno chiamati a firmare l'accordo sul clima di Parigi per l'entrata in vigore nel 2020. Ad maiora!

www.focchi.it


--

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI