Cerca nel blog

sabato 10 dicembre 2016

Smettere di fumare con le sigarette elettroniche. Si può fare, soprattutto se te lo chiede tuo figlio.

"Le sigarette elettroniche non sono tutte uguali". Lo chiarisce il Comitato Scientifico Internazionale per la Ricerca sulla Sigaretta Elettronica promosso dalla Lega Italiana Anti Fumo (LIAF), a seguito di recenti notizie apparse sulla Stampa in merito alle caratteristiche tecniche e agli impatti sulla salute dei cosiddetti prodotti a “tabacco riscaldato”.

E l'azienda italiana Vaporart ha promosso una campagna informativa volta alla riduzione del consumo di sigarette tradizionali mediante l'utilizzo di liquidi aromatizzati senza nicotina per vaporizzatori personali.
 
servizio tv Le Iene sulle sigarette elettroniche
 
"Sul mercato – chiarisce il LIAF - sono presenti due prodotti oggettivamente mollto differenti fra loro che offrono un’alternativa al fumo di tabacco: i dispositivi che riscaldano tabacco e le sigarette elettroniche".

I primi, denominati heatsticks, permettono di riscaldare una sigaretta appositamente modificata composta di tabacco miscelato principalmente con glicerolo.

Le sigarette elettroniche propriamente dette, o e-cig , invece, sono vaporizzatori composti da una batteria e un atomizzatore che riscalda una soluzione a base di glicole propilenico, glicerolo, acqua, aromi, ed eventualmente anche nicotina.

Dato che le sigarette elettroniche non contengono tabacco, è ovvio che i due prodotti debbano essere considerati in modo distinto e separato sia per quanto attiene alle loro caratteristiche oggettive (le e-cig vaporizzano liquidi, mentre gli altri prodotti riscaldano tabacco) che per l'impatto sulla salute.

Dal punto di vista dell'impatto sulla salute dei due prodotti, emerge una chiara differenza. 

Se per il tabacco riscaldato sono pubblicati solamente studi sponsorizzati dai produttori stessi, per le sigarette elettroniche è oramai acclarata la validità di questi strumenti nella lotta al tabagismo e nella riduzione dei danni causati dal fumo di sigaretta convenzionale con diverse centinaia di studi scientifici indipendenti al loro attivo.

Un rapporto dell'agosto 2015, condotto dal Public Health England (Autorità dipendente dal Ministero della Salute inglese), ha dimostrato che le e-cig sono per il 95% meno dannose rispetto alle sigarette convenzionali e possono contribuire a salvare migliaia di vite ogni anno.

Un altro studio pubblicato sulla rivista scientifica European Addiction Research ha dimostrato che, considerato 100 il rischio relativo all'utilizzo di sigarette convenzionali, quello delle elettroniche si attesta a 4.

E ancora, recenti studi hanno più volte dimostrato che le e-cig possono essere utilizzate come terapia per far smettere di fumare anche pazienti affetti da asma o da patologie cardiovascolari.

Pertanto, se per le e-cig, le prove scientifiche a supporto della riduzione del rischio sono numerose, per il tabacco riscaldato bisognerà attendere ricerche indipendenti che confermino la loro minore dannosità rispetto al tabacco tradizionale.

Risultati immagini per Vaporart
Tra i maggiori produttori italiani di liquidi aromatizzati senza nicotina per vaporizzatori personali – o, appunto, sigarette elettroniche- si è affermata Vaporart, azienda lombarda nata nel 2013.
 
I prodotti di Vaporart sono stati analizzati dal Laboratorio di Tossicologia Forense di Milano, nonché da altri laboratori di analisi certificati, che ne hanno attestato la purezza di grado farmaceutico e la Certificazione Europea FU e EP.

Soprattutto, l’utilizzo di liquidi Vaporart senza nicotina per mezzo del vaporizzatore elettronico (e-cig) può aiutare i fumatori di sigarette tradizionali a diminuire o addirittura a smettere del tutto.

A sostegno di questa campagna informativa, Vaporart si è distinta nella realizzazione, di un video in cui lo storico inviato del programma televisivo "Le Iene", Matteo Viviani, intervista dei bambini figli di fumatori. 

Mentre i genitori ascoltano nella stanza accanto, i bambini intervistati raccontano: c’è chi evita di baciare il papà perché puzza di tabacco, chi è cosciente che le sigarette siano dannose per i propri genitori e per questo si preoccupa. 

La stessa
"la iena" Matteo Viviani, dopo le analisi a campione ha verificato che tutti i liquidi vaporizzatori acquistati con e senza nicotina, non contenevano concentrazioni di metalli pesanti tali da poterli ritenere dannosi. 

I risultati, quindi, dimostrano come l’utilizzo di vaporizzatori personali abbinati a liquidi senza nicotina, sia da ritenere di gran lunga meno nocivo rispetto al consumo di sigarette tradizionali.

E come chiosa il LIAF: “qualsiasi tecnologia, strumento o azione volta alla riduzione del danno e del rischio tabagico – purché scientificamente provata - deve essere presa in seria considerazione”.

Qui di seguito il video della campagna informativa promossa da Vaporart.


Vaporart è un’azienda produttrice di liquidi aromatizzati per vaporizzatori personali (ex sigarette elettroniche). 
Il processo di studio di nuovi aromi, produzione e confezionamento avvengono completamente in Italia. 
L’azienda ha il proprio sito produttivo a Cremosano (CR) dove tutti i processi sono realizzati a norme ISO9001 rispettando i più rigorosi controlli di qualità.
Il nostro Magazzino e la logistica sono ad Albairate (MI), gli uffici amministrativi si trovano nel centro di Milano, mentre la divisione commerciale che comprende anche il call center si trova a Biella in Piemonte.

Fin dall’inizio della propria attività Vaporart ha prestato grande attenzione alla qualità delle materie prime, tutte di grado farmaceutico con certificazione FU e EP.

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI