Cerca nel blog

martedì 3 marzo 2015

Consumi di frutta e verdura più sostenibili? Con il packaging si può

Risparmiare e ridurre gli sprechi in ortofrutta è possibile: con gli imballaggi in cartone ondulato, la confezione green per eccellenza

Il 1° aprile si conclude l'iter di aggiornamento del Contribuito Ambientale Conai (CAC): gli oneri per l'avvio a riciclo e recupero degli imballaggi in plastica nel 2015 sono saliti alle stelle (da 140 a 188 euro/ton)


Con soli 4 euro a tonnellata, il CAC per carta e cartone resta il più basso di tutta la filiera

 

 

Rilanciare i consumi, ridurre il food waste promuovendo comportamenti sostenibili, garantire igiene e sicurezza dei prodotti che mangiamo: sono dibattiti oggi di grande attualità nel settore agroalimentare. E se parliamo di ortofrutta, l'attenzione si fa ancora più viva, vista la necessità del comparto made in Italy di invertire quel trend negativo che da anni caratterizza i consumi.


In tutto ciò, che ruolo gioca l'imballaggio? Secondo Bestack, consorzio non profit di ricerca dei produttori italiani di cassette in cartone ondulato per ortofrutta, le confezioni hanno un'importanza fondamentale.

 

"Partiamo innanzi tutto dalla sostenibilità - esordisce il direttore di Bestack, Claudio Dall'Agata - Secondo un recente studio commissionato da Emballage, il salone del packaging di Parigi, il 94% degli italiani ritiene che l'imballaggio sia un elemento positivo, economico e amico dell'ambiente. Le nostre confezioni senza dubbio lo sono: sono naturali, riciclabili al 100% e contribuiscono a rinnovare l'ambiente, perché la materia prima utilizzata dalle aziende che le producono proviene da foreste gestite con piani di reimpianto superiori a quelli di taglio". Per ogni albero tagliato, infatti, ne vengono piantati tre.

 

E sono anche gli imballaggi più economici da gestire post consumo: secondo la normativa vigente, i produttori e gli utilizzatori di packaging oggi devono riconoscere a Conai (Consorzio Nazionale Imballaggi) un corrispettivo economico per garantire che, una volta giunti a fine vita, gli imballaggi stessi non si disperdano nell'ambiente, ma vengano correttamente avviati a riciclo e recupero.

Il 2015 ha portato sostanziali novità per la filiera: positive per alcune tipologie di materiali, che dal 1° aprile godranno di una riduzione del Contributo Ambientale (CAC), molto negative per la plastica, il cui contributo da gennaio è salito alle stelle, passando da 140 a 188 euro a tonnellata.

 

Il CAC per carta e cartone resta invariato, 4 euro a tonnellata, e si conferma come il contributo più basso di tutta la filiera dell'imballaggio.

 

"Scegliere il packaging in cartone ondulato - continua il direttore di Bestack – significa quindi risparmiare, per chi commercia e distribuisce frutta e verdura, perché gli oneri da versare per legge sono i più contenuti. E significa anche dare il proprio contributo alla lotta contro gli sprechi alimentari, con conseguenti ulteriori benefici economici per i retailer, che hanno perdite limitate in termini di inefficienze e di scarti lungo la filiera. Le nostre ricerche hanno infatti dimostrato che i prodotti ortofrutticoli confezionati negli imballaggi certificati Bestack hanno una shelf life fino a un giorno superiore rispetto a quelli conservati in altre tipologie di packaging".

 

Inoltre nel cartone ondulato frutta e verdura sono più attrattive: sono sicure dal punto di vista igienico e salubri, sono preservate da possibili danni da schiacciamento durante la movimentazione, e questo tipo di packaging consente anche al consumatore di fare scelte sostenibili.

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI