Cerca nel blog

mercoledì 14 settembre 2016

Ford Smart Mobility studia soluzioni innovative per la mobilità delle grandi città globali


·      Ford sta collaborando con le più importanti città del mondo per sviluppare soluzioni innovative ai problemi legati alla congestione del traffico e aiutare le persone affinché possano spostarsi più agevolmente, oggi e nel prossimo futuro. La prima città coinvolta nel progetto sarà San Francisco
 
·      Ford Smart Mobility LLC è in via di acquisizione di Chariot, società con sede a San Francisco, che si occupa di fornire un servizio navetta su base collettiva, con l'obiettivo di far crescere il servizio di shuttle dinamico Ford a livello globale, fornendo una modalità di trasporto conveniente e funzionale in almeno 5 altri mercati nei prossimi 18 mesi·      Ford, in collaborazione con Motivate, ha aggiunto un'ulteriore soluzione per la mobilità di cittadini e turisti nelle aree della città e della baia di San Francisco grazie a Ford GoBike, il nuovo servizio di bike-sharing dell'Ovale Blu
·      Ford ha creato City Solutions, un team all'interno di Ford Smart Mobility LLC dedicato allo sviluppo di soluzioni innovative per la mobilità nelle città più importanti del mondo

 
San Francisco, 14 settembre 2016 – Ford sta collaborando con le più importanti città del mondo per sviluppare soluzioni innovative ai problemi legati alla congestione del traffico e aiutare le persone affinché possano spostarsi più agevolmente, oggi e nel prossimo futuro. La prima città coinvolta nel progetto sarà San Francisco.

L'Ovale Blu ha annunciato un accordo per acquisire Chariot, società con sede a San Francisco, che si occupa di fornire un servizio navetta su base collettiva, e collaborando con Motivate, leader mondiale nei servizi di bike-sharing, per studiare soluzioni alternative di trasporto nei centri urbani. Ford, inoltre, ha creato City Solutions, un team dedicato allo sviluppo di soluzioni innovative per la mobilità nelle città più importanti del mondo.

"Stiamo lavorando attivamente al processo di trasformazione di Ford per affiancare al ruolo di costruttore d'auto quello di provider di soluzioni di mobilità alternativa. Per espandere il nostro business ed essere sia un'azienda automotive che una mobility company, il prossimo passo importante è collaborare con le grandi realtà metropolitane per studiare i bisogni della mobilità attuale e futura", ha dichiarato Mark Fields, President e CEO di Ford Motor Company. "Per oltre 100 anni Ford è stata un punto di riferimento per la comunità e un attore di fiducia per il trasporto automobilistico. Adesso desideriamo lavorare con le comunità per offrire ancora più opzioni di trasporto e soluzioni innovative per le persone, per i decenni a venire".

Oggi la metà della popolazione globale vive nelle città. Entro il 2030 questa quota salirà al 60%. Le sfide legate alla mobilità sono direttamente proporzionali a tali percentuali, maggiore sarà il numero di abitanti delle città, maggiori saranno le difficoltà legate a questi temi. Ford si impegna per divenire parte della soluzione a questi problemi.


"Le grandi realtà metropolitane mondiali devono confrontarsi con la crescente congestione del traffico e le relative questioni ambientali, tutte tematiche che possono essere gestite attraverso lo sviluppo di soluzioni di mobilità ad hoc per le esigenze specifiche del luogo di appartenenza", ha dichiarato Jim Hackett, Chairman di Ford Smart Mobility LLC, la società di Ford interamente dedicata alla ricerca, allo sviluppo e alla definizione di modelli di business per i servizi di mobilità integrata. "Allo stesso tempo, espandendo il nostro modello di business attraverso nuove forme di trasporto – dalla e-bike all'uso di shuttle – saremo in grado di approcciare un nuovo tipo di clientela e   creare nuove opportunità per Ford e la sua crescita profittevole".

L'acquisizione di Chariot da parte dell'Ovale Blu sarà la pietra angolare su cui costruire una nuova area di attività relativa al servizio globale di shuttle. Il servizio di navetta dovrebbe essere esteso oltre San Francisco in almeno 5 altri mercati nei prossimi 18 mesi.

Lanciata nel 2014, Chariot gestisce all'incirca 100 Ford Transit, utilizzati come shuttle lungo 28 itinerari nelle aree della città e della baia di San Francisco. Oggi i percorsi di Chariot sono sviluppati su richiesta a livello collettivo. In futuro opereranno in modo dinamico, utilizzando algoritmi per analizzare i dati e mappare percorsi efficaci per servire al meglio e in tempo reale, le esigenze di mobilità delle comunità.

Le navette Chariot si inseriscono nelle opzioni per il trasporto di massa per colmare il divario tra taxi e autobus, fornendo un'opzione di trasporto su richiesta, da punto a punto, comoda, efficiente ed economica. Uno studio commissionato da Ford e condotto da KPMG ha mostrato che per ogni shuttle dinamico messo in servizio durante le ore di punta la congestione urbana potrebbe essere ridotta fino a 25 automobili.

"La missione di Chariot, sin dal primo giorno, è stata quella di risolvere il problema del pendolarismo, fornendo una soluzione di trasporto di massa veloce, affidabile e conveniente per coloro che vivono nelle città di oggi", ha dichiarato Ali Vahabzadeh, Co-Founder e CEO di Chariot. "Abbiamo iniziato il nostro servizio navetta utilizzando veicoli Ford da 15 posti e continuiamo ancora oggi a servirci di Ford Transit come shuttle. Non potremmo essere più entusiasti di essere la prima acquisizione di Ford Smart Mobility LLC e di poter sfruttare la sua leadership nel settore dei trasporti per soddisfare gli obiettivi che Chariot si prefigge, in tutto il mondo".

Le biciclette sono un'altra modalità di trasporto molto diffusa per i pendolari, nella baia di San Francisco. Ford e Motivate, leader mondiale nel bike-sharing, stanno sviluppando accordi con le amministrazioni cittadine per aggiungere nuove stazioni e aumentare il numero di biciclette a 7.000 entro la fine del 2018. Quando verrà lanciato, il prossimo anno, Ford GoBike sarà accessibile dagli utenti attraverso la piattaforma FordPass®.

"Nella baia di San Francisco è in arrivo una rivoluzione dei trasporti", ha annunciato Jay Walder, CEO di Motivate. "Questa partnership con Ford dimostra che il bike-sharing non è più solo un'alternativa di trasporto ma è una realtà fondamentale per la creazione di una mobilità smart e on-demand in linea con i nostri valori di equità e sostenibilità. Grazie alla collaborazione delle Metropolitan Transportation Commission di San Francisco, San Jose, Oakland, Berkeley e Emeryville, il bike-sharing sarà presto disponibile per tutti i cittadini della baia".
Ford prevede di sviluppare tecnologie per utilizzare i dati raccolti dalle bike e costruire una rete di mobilità interconnessa. Queste potrebbero includere dati in tempo reale, come le condizioni meteo, i modelli di utilizzo e la disponibilità di biciclette, al fine di ottimizzare gli spostamenti.

L'Ovale Blu ha inoltre creato City Solutions, un team all'interno di Ford Smart Mobility LLC dedicato allo sviluppo di soluzioni innovative per la mobilità nelle città più importanti del mondo. John Kwant è stato designato come Vice President di Ford City Solutions, a seguito dell'esperienza maturata lavorando con diverse metropoli globali nel corso della sua carriera all'interno del team Government Affairs e Global Strategy di Ford.

Il team affronterà lo specifico ecosistema del trasporto di ogni città nella sua evoluzione nel tempo, e svilupperà soluzioni per migliorare la mobilità adatte alle specificità locali. Ford City Solutions lavorerà a stretto contatto con le realtà amministrative locali, proponendo soluzioni innovative e su misura per la comunità. In diverse città globali le discussioni sono già in corso.

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI