Cerca nel blog

lunedì 11 maggio 2015

Greenpeace accusa l’esercito spagnolo per l’incidente avvenuto durante l’azione pacifica contro le trivelle alle Canarie

ROMA, 11.05.15 - Greenpeace Spagna ha presentato dinanzi al Juzgado de Instrucción de la Audiencia Nacional una denuncia contro il responsabile al comando della nave militare Relámpago, appartenente alla Marina iberica, e contro l'equipaggio dei suoi gommoni per danni e lesioni causate da grave imprudenza.

L'organizzazione ambientalista spiega che la denuncia è stata la conseguenza del comportamento sconsiderato adottato dalla Marina spagnola durante la protesta pacifica svoltasi il 15 novembre dell’anno scorso a sostegno dei cittadini delle Isole Canarie, contro le trivellazioni petrolifere esplorative.

Greenpeace stava protestando pacificamente davanti alla nave di perforazione Rowan Renaissance, incaricata dalla compagnia petrolifera Repsol di dare inizio alle attività di perforazione vicino alla coste di Lanzarote e Fuerteventura, quando le imbarcazioni dell’esercito spagnolo giunte dalla motovedetta Relámpago hanno più volte investito i gommoni di Greenpeace.

L’operazione causò la caduta in acqua di un’attivista italiana, che subì una frattura scomposta della tibia alla gamba sinistra. Altri due attivisti rimasero feriti e le imbarcazioni dell’associazione furono seriamente danneggiate. Greenpeace sottolinea come l’accaduto trovi riscontro nelle immagini della protesta pacifica

https://www.youtube.com/watch?v=D5DE6UmzSOA

Greenpeace ha presentato denuncia a nome del capitano in servizio sulla nave Arctic Sunrise, da cui erano partiti i gommoni speronati, e in nome dei tre attivisti feriti.

«La reazione delle autorità spagnole alla protesta pacifica contro le trivellazioni petrolifere nelle acque delle isole Canarie è stata sproporzionata e imprudente, in difesa degli interessi di una multinazionale», ha dichiarato Mario Rodriguez, direttore di Greenpeace Spagna. «Il ministero del Commercio spagnolo deve revocare una volta per tutte l’autorizzazione concessa a Repsol per cercare petrolio e gas in queste acque, e dare ascolto alla popolazione delle Canarie, che non desidera un modello energetico basato su fonti pericolose e inquinanti, bensì su un modello sostenibile basato sulle fonti rinnovabili».

L'attivista italiana ferita gravemente durante la protesta pacifica di Greenpeace ha subito due interventi chirurgici ed è ancora in fase riabilitativa per recuperare la piena mobilità della gamba.

Greenpeace continua con il suo impegno in difesa di un futuro sostenibile per i cittadini delle Canarie, senza fermarsi di fronte ad aggressioni o minacce. Per questo, l'organizzazione ecologista chiede ai candidati alle prossime elezioni delle Canarie di impegnarsi per adottare misure concrete per garantire un futuro di energia pulita, senza perforazioni esplorative o il ricorso ad altre altre fonti di energia pericolose, per rendere possibile un vero progresso sostenibile nell'arcipelago.

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI