Cerca nel blog

mercoledì 22 marzo 2017

Ipsos. World Water Day, 22 marzo 2017

#WORLDWATERDAY CI RICORDA IL VALORE DELL'ACQUA E LO STUDIO INTERNAZIONALE IPSOS DIMOSTRA CHE NE SIAMO BEN CONSAPEVOLI

Solamente il 34% dei nostri intervistati in 24 paesi è convinto che la gestione delle acque reflue avvenga in maniera efficace e che non rappresenti una minaccia per le risorse idriche del Pianeta. 

Pensando al futuro, un cittadino su due è preoccupato che la crescita industriale nel proprio Paese metterà a rischio l'approvvigionamento di acqua potabile nei prossimi 5-10 anni. 

Milano, 22 marzo. Con l'hashtag #WORLDWATERDAY anche quest'anno si celebra la Giornata Mondiale dell'Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla questione dell'acqua, per evidenziare la sua l'importanza e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti.

Il tema proposto di questo anno è Waste Water: un'edizione che guarda al problema della gestione delle acque reflue da ridurre, depurare e riutilizzare secondo quanto prescrive l'obiettivo sostenibile 6.3 dell'Onu: "migliorare entro il 2030 la qualità dell'acqua eliminando le discariche, riducendo l'inquinamento e il rilascio di prodotti chimici e scorie pericolose, dimezzando la quantità di acque reflue non trattate e aumentando considerevolmente il riciclo e il reimpiego sicuro a livello mondiale".

Per l'occasione Ipsos ha condotto una ricerca a livello globale per capire quanto i cittadini di 24 paesi siano informati e consci del problema. A livello globale, la stragrande maggioranza di tutte le acque reflue provenienti dalle nostre case, città, industrie e lavorazioni agricole viene riversata nell'ambiente senza essere in alcun modo trattata o ripulita. E in molti sembrano essere consapevoli del problema. 

Infatti, solo il 34% del totale dei rispondenti afferma di essere convinto che le acque reflue nel proprio paese non rappresentino un pericolo per la fornitura di acqua pulita.

I paesi che maggiormente confidano nella buona gestione delle acque reflue (con più del 50% della popolazione che si dichiara fiduciosa) sono:

•             Ungheria 67%
•             Germania 60%
•             Gran Bretagna 52%
•             Svezia 51%

Al contrario, i paesi meno fiduciosi sono:

•             Italia 24%
•             Russia 22%
•             Turchia 22%
•             Corea del Sud 21%
•             Argentina 20%
•             Messico 19%
•             Brasile 17%
•             Colombia 17%

Guardando al futuro, la metà del totale dei nostri intervistati (48%) si dice preoccupata che l'attuale crescita industriale e demografica possa mettere a rischio nei prossimi 5-10 anni l'approvvigionamento di acqua potabile. I paesi che esprimono più preoccupazione (con più del 50% della popolazione che si dichiara preoccupata) sono:

•             Colombia 69%
•             Argentina 64%
•             Cile 64%
•             Peru 63%
•             Messico 63%
•             India 59%
•             Sud Africa 58%
•             Ungheria 56%
•             Corea del Sud 53%
•             Spagna 51%

Al contrario, quelli che esprimono meno preoccupazione (con meno del 30% della popolazione che si dichiara preoccupata) sono:

•             Germania 29%
•             Svezia 29%
•             Gran Bretagna 29%
•             Giappone 16%

"Sempre più, governi e organizzazioni del settore privato stanno mettendo in atto cambiamenti per permettere il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile tracciati dalle Nazioni Unite fin dal 1993. Garantire il corretto trattamento delle acque reflue aiuterà i paesi a raggiungere l'obiettivo sostenibile 6.3 dell'Onu: ovvero migliorare entro il 2030 la qualità dell'acqua". Commenta Nando Pagnoncelli, Presidente Ipsos, che continua: Questo studio internazionale Ipsos suggerisce che la maggior parte dei cittadini globali è cosciente del problema: infatti la maggioranza dichiara di non avere fiducia nei sistemi di trattamento delle acque reflue e solamente 2 intervistati su 10 si dicono fiduciosi che l'attuale crescita industriale e demografica nel proprio paese non metterà a rischio la fornitura d'acqua potabile nei prossimi 5 - 10 anni. Anche gli italiani sono abbastanza coscienti delle problematiche legate a questo tipo di inquinamento. A tal proposito è interessante notare che nonostante il Bloomberg Global Health Index indica l'Italia come il paese più sano su 163 analizzati anche grazie alla disponibilità di acqua pulita, gli italiani sono comunque sensibili alla necessità di preservare la quantità e qualità le risorse idriche. Infatti solamente il 24% dei nostri connazionali è convinto che l'attuale trattamento delle acque di scarico sia gestita in maniera efficace e non costituisca una minaccia alla tutela di quelle pulite".


A PROPOSITO DI IPSOS:
Ipsos è una società di ricerca di mercato indipendente, controllata e gestita da professionisti della ricerca. Fondata in Francia nel 1975, Ipsos è cresciuta come gruppo di ricerca internazionale, con una forte presenza in tutti i mercati chiave. Nell'ottobre 2011 Ipsos ha completato l'acquisizione di Synovate. La combinazione ha costituito la terza più grande società di ricerche di mercato del mondo. Con uffici in 88 paesi, Ipsos offre expertise in sei specializzazioni di ricerca: pubblicità e media, fidelizzazione del cliente, marketing mix, opinione pubblica e survey management. 


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI