Cerca nel blog

lunedì 27 aprile 2015

Alla Conferenza di Kassel protagonista il modello italiano per la raccolta dell'umido

KASSEL 2015: I SACCHI COMPOSTABILI IN MATER-BI® sono indispensabili per UNA RACCOLTA EFFICACE DEI RIFIUTI Di CUCINA

Alla conferenza internazionale di Kassel 2015 ancora protagonista il modello italiano per la raccolta della frazione organica, che permette di intercettare livelli record di scarti alimentari. Verranno presentati anche i risultati di una sperimentazione condotta in Germania e  l'esperienza maturata dall'azienda trevigiana di servizi ambientali Contarina



 
Novara, 27 aprile 2015 – Dopo il successo riscosso nella scorsa edizione, il modello italiano di raccolta del rifiuto umido, di cui i sacchi compostabili in bioplastica Mater-Bi® sono una componente chiave, verrà nuovamente presentato alle municipalità tedesche nel corso della Conferenza di Kassel (28-30 aprile 2015).

Dal 1990 il "KASSELER ABFALL- UND BIOENERGIEFORUM" è l'incontro dedicato al tema della gestione dei rifiuti che richiama i protagonisti e massimi esperti dell'industria, delle pubbliche amministrazioni e del mondo scientifico in Germania.

Dopo la presentazione del caso Milano nel 2014, quest'anno verranno illustrati i risultati di una ricerca commissionata da Novamont al Witzenhausen-Institut ed IGLux, che ha dimostrato il ruolo fondamentale svolto dai sacchi in Mater-Bi® - usati in abbinamento con i cestelli aerati -  nell'incrementare quantità e qualità dello scarto organico da cucina raccolto dalle utenze domestiche ed avviato a digestione anaerobica e compostaggio.

In particolare, la base di partenza della ricerca è stato il livello ancora insoddisfacente di raccolta degli scarti di cibo da utenze domestiche in Germania. Sono così stati distribuiti sacchetti biodegradabili in Mater-Bi® in varie aree di test nella città di Vellmar,  nel distretto di Kassel, con il coinvolgimento di circa 950 famiglie residenti in appartamenti condominiali e 700 in case monofamiliari.

L'utilizzo dei sacchi in Mater-Bi® ha consentito un aumento medio della raccolta dei rifiuti alimentari domestici pari al 23% e, parimenti, una sensibile diminuzione di materiali estranei non compostabili (la maggior parte costituiti da sacchetti in plastica tradizionale). 

Un sondaggio effettuato presso le famiglie coinvolte nella sperimentazione ha confermato un'altissima accettazione dei sacchi in Mater-Bi®, riconosciuti come strumenti fondamentali per migliorare la praticità della raccolta.  

Per verificare le procedure ottimali per il trattamento dei rifiuti domestici, inoltre, nell'impianto di digestione anaerobica di Lohfelden sono stati effettuati dei test di disintegrazione dei sacchi, sia nella fase anaerobica che in quella aerobica, che si sono completati dopo 6 settimane di compostaggio in pieno accordo con il protocollo RAL che in Germania regola la qualità del compost.

Il modello italiano di raccolta dell'umido rappresenta dunque un riferimento di assoluta eccellenza in Europa, come si evince anche dalle affermazioni del Direttore Generale della DG Ambiente Karl Falkenberg, in visita a Milano lo scorso marzo e così, dopo la presentazione nel 2014 del caso Milano da parte di AMSA SpA, quest'anno a Kassel toccherà a Contarina SpA illustrare i punti di forza del sistema.

Contarina, società di servizi ambientali interamente pubblica, ha esteso e sviluppato un sistema di raccolta dei rifiuti per 50 comuni della provincia di Treviso, con un bacino di utenza di 554.000 abitanti.

Nel 2014 il sistema ha raggiunto un tasso di raccolta differenziata dell'85% insieme ad una riduzione del rifiuto residuo a 55 kg/abitante*anno. Gli eccellenti risultati nella raccolta dell'umido da cucina (oltre 113kg/ab*anno) sono resi possibili anche grazie all'utilizzo dei cestelli areati in abbinamento con i sacchi compostabili in Mater-Bi®, distribuiti presso tutte le famiglie coinvolte.

Quello di Contarina è, attualmente, il miglior caso di gestione dei rifiuti in Italia, sia per i quantitativi di rifiuti avviati al recupero che per i costi complessivi di gestione e l'efficace raccolta dell'umido rappresenta uno degli elementi fondanti del sistema.

"Dopo la best practice di Milano, una metropoli con più di un milione di abitanti, quest'anno abbiamo voluto sostenere la presentazione di un'altra realtà italiana di eccellenza assoluta", ha dichiarato Christian Garaffa, Marketing Manager Raccolte Differenziate di Novamont.  
"Contarina gestisce un comprensorio di comuni medio piccoli simile a tanti altri in Europa. Alte percentuali di raccolta differenziata, elevata qualità dei materiali raccolti ed avviati al riciclo, riduzione estrema della produzione di rifiuto residuo e costi al di sotto della media nazionale contraddistinguono questa realtà e la pongono come riferimento assoluto in Europa. Contarina potrà sicuramente offrire molti interessanti spunti di riflessione al pubblico di Kassel e a municipalità e consorzi europei in genere", ha concluso Garaffa.
 

Novamont è leader nello sviluppo e nella produzione di materiali e biochemicals attraverso l'integrazione di chimica, ambiente e agricoltura. Con 370 addetti (circa il 20% dei quali impegnato in attività di R&S), ha chiuso il 2013 con un turnover di 136 milioni di euro ed investimenti costanti in attività ricerca e sviluppo (6,2% sul fatturato 2013); detiene un portafoglio di circa 1.000 brevetti. Ha sede a Novara, stabilimento produttivo a Terni e laboratori di ricerca a Novara, Terni e Piana di Monte Verna (CE). Opera tramite sue consociate a Porto Torres (SS), Bottrighe (RO), Terni e Patrica (FR). È presente attraverso sedi commerciali in Germania, Francia e Stati Uniti e attraverso propri distributori in Benelux, Scandinavia, Danimarca, Regno Unito, Cina, Giappone, Canada, Australia e Nuova Zelanda.

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI