Cerca nel blog

sabato 10 maggio 2014

Macchine sostenibili, sempre più impellente un sistema premiante per gli acquirenti. Da Ascomac la richiesta di emendamenti per la defiscalizzazione ambientale.


10 maggio 2014 - Si è tenuto ieri mattina al Samoter 2014 nell'area ASCOMAC -  Federazione  Nazionale Commercio Macchine - un interessante confronto tra i rappresentanti delle imprese del settore – sul tema "Macchine e impianti per le costruzioni: quale futuro sostenibile?"

La sostenibilità conferma così di essere uno dei futuri driver di sviluppo del settore costruzioni, come emerso nello studio presentato già ieri dal Cresme, commissionato dalla stessa Ascomac, unitamente a Ucomesa e FederUnacoma.

Elisa Cesaretti di Scai Spa, in veste di Presidente di Ascomac, dopo una prima generale e condivisa opinione su come il contenimento e la razionalizzazione dei costi di impresa sia una delle necessarie azioni da intraprendere per governare  la situazione di crisi del settore costruzioni,  ha avviato la discussione partendo dall'obbligatorio adeguamento delle macchine al protocollo di Kyoto cui si sono attenute le case madri.

Cosa che ha comportato un rialzo dei prezzi dovuto alla ricerca, e di conseguenza, un problema per gli acquirenti non sempre disposti ad investire in macchine di nuova generazione a basso impatto ambientale, soprattutto in considerazione della totale assenza di un sistema premiante come potrebbero essere incentivi o sgravi fiscali per l'utente finale.

Purtroppo la ricerca in sostenibilità non è riconosciuta dal sistema Paese per cui serve una cultura della salubrità del prodotto cui dovrebbero contribuire Stato, Regioni e Comuni, soprattutto nell'ambito delle stesse gare di appalto dove il valore è richiesto ma non è considerato determinante, e a vincere è sempre il prezzo.

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI