Cerca nel blog

giovedì 29 maggio 2014

Siemens completa l’installazione della seconda piattaforma di convertitori HVDC per TenneT


- Importante passo avanti per l'espansione delle rete elettrica tedesca in ambito offshore
La piattaforma nel Mare del Nord è in grado di fornire energia generata dal vento a oltre 800.000 famiglie tedesche grazie all'efficienza dell'attuale tecnologia in corrente continua
Siemens ha installato la piattaforma offshore BorWin2 nel Mare del Nord a nord-ovest dell'isola di Borkum. In questo modo raggiungono quota due i progetti di collegamento della rete tedesca per l'operatore di rete tedesco-olandese TenneT ad opera di Siemens, che aveva già completato la sua prima piattaforma di convertitori per l'impianto HelWin1 a Heligoland nel Mare del Nord, nel mese di agosto 2013. La capacità di trasmissione di BorWin2, di 800 megawatt (MW), è sufficiente per soddisfare la domanda di energia di circa 800.000 famiglie tedesche. Sulle piattaforme, la corrente alternata generata dalle turbine eoliche si trasforma, attraverso la tecnologia Siemens, in corrente continua per la trasmissione a basse perdite alla terraferma. La stazione di conversione onshore BorWin2, fornita a TenneT da Siemens, si trova a Diele. Presso questa stazione l'energia elettrica prodotta dagli impianti eolici viene riconvertita in corrente alternata, necessaria per alimentare la rete elettrica.
"Ancora una volta abbiamo completato la difficile parte di progetto di installazione offshore. Come promesso, entro la prima metà del 2015, raggiungeremo la messa in servizio. Quando le due piattaforme, che abbiamo già installato, entreranno in funzione, saranno in grado di fornire energia a più di 1,3 milioni di famiglie", afferma Karlheinz Springer, CEO della Divisione Power Transmission del Settore Energy di Siemens. "Siamo orgogliosi di aver affrontato con successo questi compiti estremamente complessi", sostiene Lex Hartman, membro della direzione TenneT. "Lo scopo dei prossimi mesi è quello di ottenere risultati importanti nella nostra capacità offshore", continua Hartman, "in modo da raggiungere gli obiettivi di espansione in ambito offshore del governo tedesco".
A metà 2010 l'operatore di rete TenneT aveva commissionato a Siemens, in un consorzio con l'Italiana Prysmian, la connessione di rete offshore BorWin2. Dal 2010 a oggi, Siemens ha realizzato cinque connessioni di rete nel Mare del Nord per TenneT: HelWin1 (576 MW) e HelWin2 (690 MW) a Heligoland, BorWin2 (800 MW) e BorWin3 (900MW) a Borkum, e SylWin1 (864 MW) a Sylt. Le prime quattro a entrare in esercizio commerciale, una dopo l'altra, tra la seconda metà del 2014 e la prima metà del 2015 sono HelWin1 e HelWin2, BorWin2 e SylWin1, e avranno una capacità totale di trasmissione di oltre 2,9 gigawatt (GW). Il nuovo collegamento BorWin3, aggiudicato in consorzio con Petrofac a metà aprile, sarà attivo entro il 2019 quando la capacità totale di trasmissione delle reti installate da Siemens raggiungerà oltre 3,8 GW. 
Il sistema di connessione alla rete BorWin3 – con una capacità di trasmissione di 900 MW – è il quinto ordine per Siemens da parte dell'operatore di reti elettriche TenneT relativo alla connessione di centrali eoliche offshore situate nel Mare del Nord. L'ordine comprende la fornitura dell'intero sistema ad alta tensione necessario per la connessione alla rete di trasmissione e la stazione situata sulla terraferma. Entrambi i convertitori, che trasformano la corrente alternata in corrente continua in entrata e poi di nuovo in alternata in uscita, sono la parte più importante dell'installazione. Siemens fornirà anche due trasformatori di potenza per stazione da circa 670 MVA e tutte le apparecchiature ad alta tensione isolate in aria e in gas. Inoltre, Siemens sarà responsabile dei lavori di costruzione della stazione situata sulla terraferma. I trasformatori di potenza e i moduli di conversione in corrente continua ad alta tensione (HVDC) saranno progettati, realizzati e testati nello stabilimento Siemens situato nella città di Norimberga.
La tecnologia impiegata è la stessa già implementata con successo nei quattro precedenti progetti offshore, come la piattaforma BorWin2 che, dopo un giorno di transito in mare e due giorni di installazione sul sito, è ora ancorata nella sua posizione definitiva, a nord-ovest dell'isola di Borkum. Siemens nel 2013 installò la sottostruttura di supporto di questa piattaforma a 39 metri di profondità nel Mare del Nord. Sei pali in acciaio che misurano fino a 2,5 metri di diametro e con uno spessore di otto centimetri sono stati ancorati a circa 50 metri di profondità nei fondali marini. Con una lunghezza massima di 83.5 metri, questi pali sono solo dieci metri più corti rispetto alla Statua della Libertà di New York City, inclusa la base. Per proteggerla dalle onde più potenti, la piattaforma è stata installata a 20 metri sopra il livello del mare. BorWin2 è progettata per resistere alle condizioni avverse del Mare del Nord per decenni.
La piattaforma è dotata di un eliporto, costruito da Nordic Yards per Siemens presso il cantiere navale di Warnemünde. Siemens aveva già commissionato allo stesso cantiere la fabbricazione di tre piattaforme HVDC. Con le sue 12.000 tonnellate, la piattaforma BorWin2 pesa più di 20 aerei di linea Airbus A380 carichi e con il pieno di carburante. Con una lunghezza di 72 metri e una larghezza di 54 metri, la sua superficie raggiunge più della metà delle dimensioni di un campo di calcio. La piattaforma a sette ponti, con un'altezza complessiva di 25 metri, ospita non solo tutta la tecnologia e i moduli di conversione in corrente continua ad alta tensione (HVDC), ma anche una cabina per l'equipaggio.
La prossima fase del progetto nel Mare del Nord prevede l'occupazione di 100 dipendenti sulla piattaforma. Il personale provvederà innanzitutto a riaprire porte e pannelli che erano stati chiusi in precedenza per il trasporto; successivamente provvederanno a rimuovere altri dispositivi di sicurezza e zavorre necessari per il trasporto. Ordineranno poi i sistemi marittimi, come le luci di posizione e gli impianti radio, e avvieranno il climatizzatore e i sistemi di trattamento dell'acqua. Una piattaforma jack-up semovente - una sorta di isola logistica - fornirà il vitto e l'alloggio all'equipaggio.
Le piattaforme sono completamente automatizzate e, una volta in funzione, i sistemi possono essere monitorati e controllati da terra, con telecamere e sensori capaci di fornire un quadro completo dello stato operativo attuale. La cabina per l'equipaggio sulla piattaforma può essere utilizzata quando sono necessari lavori di manutenzione. TenneT ha ordinato a Siemens un contratto della durata iniziale di cinque anni per la manutenzione del collegamento di rete.
Le circostanze particolari e le sfide poste da tali progetti includono un'adeguata copertura dai rischi. Le tipologie di assicurazione per i progetti di connessione di rete nel Mare del Nord vengono elaborati individualmente, con l'unità Siemens Financial Services (SFS Assicurazioni), coinvolta attivamente. Queste soluzioni assicurative coprono i danni materiali alla piattaforma e agli impianti durante la costruzione e la spedizione, ed entro il periodo di garanzia.
Le soluzioni HVDC e le attività di service correlate fanno parte del portfolio ambientale di Siemens. Circa il 43% del fatturato Siemens proviene da prodotti e soluzioni green che fanno dell'azienda uno dei maggiori fornitori al mondo di tecnologia eco-friendly.

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI