Cerca nel blog

venerdì 26 febbraio 2016

NASCE COOPMED PER LO SVILUPPO DELL'IMPRENDITORIA SOCIALE E DELLA GREEN ECONOMY SULLE SPONDE SUD ED EST DEL MEDITERRANEO- Banca Etica è nel gruppo di istituzioni finanziarie che partecipano al progetto internazionale di social impact finance

Banca Etica è nel gruppo di istituzioni finanziarie che partecipano al progetto internazionale di social impact finance 


Padova, 26 febbraio 2016 -  Banca Etica è presente oggi  a Marsiglia per la presentazione di Coopmed, istituzione di microfinanza fondata da un gruppo di organizzazioni europee di finanza etica. La presentazione avviene in occasione del "Forum per l'imprenditoria nel Mediterraneo" promosso dall'ACIM (Agenzia per lo sviluppo dell'impresa nel Mediterraneo). 

All'evento partecipano rappresentanti di organizzazioni di microfinanza provenienti dall'Europa e dal Nord Africa, intervengono inoltre rappresentanti dell'Agenzia Italiana per la Cooperazione di Gerusalemme e del Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI).

Coopmed nasce per la cooperazione finanziaria finalizzata al sostegno dell'economia sociale e solidale nel Mediterraneo: la dotazione iniziale dell'organizzazione è di 10,5 milioni di euro, con la possibilità di arrivare a 20 milioni in poco tempo.

L'obiettivo di Coopmed è quello di sostenere lo sviluppo, tecnico e finanziario, di attività economiche espressione della Società Civile e finalizzate alla lotta ai cambiamenti climatici, alla crescita dell'imprenditoria femminile o all'integrazione delle fasce fragili della popolazione

Coopmed erogherà prestiti a medio-lungo termine e servizi di accompagnamento tecnico a istituzioni finanziarie di prossimità distribuite nei paesi della fascia Sud ed Est del Mediterraneo, attualmente i paesi coinvolti sono Algeria, Egitto, Israele, Palestina, Giordania, Libano, Marocco, Tunisia e Turchia. I beneficiari finali saranno piccoli imprenditori, artigiani e società cooperative.

Coopmed ha già erogato due finanziamenti ad altrettante istituzioni di microfinanza: Acad in Palestina e Inmaa in Marocco, entrambi gli interventi sono destinati ad agevolare l'accesso al credito per imprese femminili operanti in aree rurali.

Sono tra le organizzazioni finanziatrici di Coopmed: Banca Popolare Etica, Crédit Coopératif, Sefea, FEI - Fondo Europeo per gli Investimenti.

"Coopmed rappresenta l'opportunità per Banca Etica di essere tra le protagoniste di un innovativo progetto di cooperazione finanziaria nel Mediterraneo - spiega Ugo Biggeri, presidente di Banca popolare Etica. Per Banca Etica questo significa non rassegnarci a pensare al "mare nostrum" come crocevia di viaggi della speranza di chi fugge dalla barbarie della guerra, ma come un luogo in cui costruire relazioni virtuose finalizzate allo sviluppo economico e sociale delle popolazioni che vivono sulle sue sponde".

Banca Etica è la prima e tutt'ora unica banca italiana interamente dedita alla finanza etica, opera su tutto il territorio nazionale attraverso una rete di filiali, banchieri ambulanti e grazie ai servizi di home e mobile banking. 

Nata nel 1999, Banca Etica ha raggiunto risultati incoraggianti: in questi anni ha raccolto il risparmio di organizzazioni e cittadini responsabili e lo ha utilizzato interamente per finanziare progetti di particolare interesse collettivo. 

Dalla nascita a oggi  Banca Etica è cresciuta costantemente e ha erogato crediti per un totale oltre 2 miliardi a sostegno di quasi 25mila iniziative di organizzazioni, famiglie e imprese nei settori della cooperazione sociale, cooperazione internazionale, cultura e qualità della vita, tutela dell'ambiente, diritto alla casa. 

Nel  2014 Banca Etica ha aperto la sua prima filiale all'estero, a Bilbao in Spagna. 


--

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI