Cerca nel blog

martedì 28 giugno 2016

Raccolta di rifiuti di pile e accumulatori: tutti i dati 2015 del CDCNPA L’Italia continua a migliorare e resta al passo con l’Europa CS 28.06.16

Presentazione del Rapporto del CDCNPA

 

Tutti i dati 2015 sulla raccolta di rifiuti di pile e accumulatori, 

l'Italia continua a migliorare e resta al passo con l'Europa

 

 

Presentati oggi a Roma tutti i dati 2015 del CDCNPA (Centro di Coordinamento Nazionale Pile Accumulatori), l'organismo che coordina le attività di raccolta di questi rifiuti da parte dei Sistemi Collettivi e Individuali istituiti dai produttori di pile e accumulatori


Dal Report emerge un'Italia che nel campo delle pile e accumulatori portatili (ad esempio le stilo o le batterie dei telefonini) incrementa i quantitativi raccolti del 5% e supera la soglia dei 10 milioni di kg avviati al recupero in un solo anno. Questo risultato ci allinea alle medie europee con oltre il 41% delle pile esauste raccolte rispetto a quelle nuove immesse sul mercato. 


Un traguardo importante se si considera che dal prossimo settembre il target europeo da raggiungere sarà del 45% 

 

A discutere i dati del report erano presenti Giulio Rentocchini, Presidente del CDCNPA, che ha tracciato una fotografia del sistema di raccolta e avvio a trattamento, riciclo e smaltimento di questa speciale tipologia di rifiuti, Filippo BernocchiDelegato ANCI Rifiuti ed Energia, Paolo GiacomelliDirettore Area Ambiente Utilitalia e Paolo Medaglia, Presidente Gruppo Pile ANIE-CSI.

 

I dati nel dettaglio

• Pile e accumulatori portatili esausti

Nel 2015 i Sistemi di Raccolta aderenti al CDCNPA hanno gestito 10.105.173 kg di pile e accumulatori portatili esausti incrementando la raccolta di oltre il 5% rispetto al 2014. 


La raccolta complessiva ha avuto origine da due flussi: 4.860.732 kg provenienti dai Consorziati (Sistemi Collettivi e Sistemi Individuali)che svolgono il servizio presso i soggetti iscritti al CDCNPA e 5.244.440 kg derivanti dai servizi di raccolta professionali svolti sempre dai Consorziati presso altri soggetti che detengono i rifiuti (raccolta volontaria). 


Negli ultimi quattro anni, il rapporto tra il dato di raccolta dei rifiuti di pile e accumulatori portatili e quello dei nuovi immessi sul mercato dai Consorziati del CDCNPA ha registrato un costante aumento passando dal 27% del 2012 al 41% del 2015.


• La rete dei Luoghi di Raccolta

Al termine del 2015 i luoghi di raccolta iscritti al portale del CDCNPA erano 4.480 (+28%), diffusi su tutto il territorio nazionale. I più diffusi sono i punti vendita in cui sono commercializzate le pile portatili e i centri di raccolta gestiti dai Comuni e dalle aziende di gestione dei rifiuti urbani. La regioni che dispongono di più luoghi di raccolta si trovano nel Nord Italia: la prima è la Lombardia che conquista il podio con 1.096 luoghi di raccolta, seguita da Veneto e Piemonte. Nel Centro Italia i migliori risultati sono stati raggiunti da Lazio e Toscana, mentre per il Sud e Isole, le regioni con il maggiore numero di strutture sono Campania e Puglia.


• La raccolta per Regione

La raccolta di pile e accumulatori portatili mostra le regioni del Nord Italia, con oltre 3,3 milioni di kg, come quelle più virtuose. In particolare segnaliamo che la Regione che raccoglie di più è la Lombardia mentre il Trentino Alto Adige ha registrato un incremento del 28,78%. 


È doveroso, inoltre, segnalare, altre due Regioni che hanno registrato un incremento considerevole: l'Abruzzo con un +110,37% e la Sardegna con un +210,92%.


• Accumulatori industriali e per veicoli

I Sistemi di Raccolta aderenti al CDCNPA hanno, inoltre, raccolto 159.866.869 kg di accumulatori industriali e per veicoliregistrando un leggero calo rispetto al 2014

 

Uno sguardo all'Europa


• L'Italia si classifica al quarto posto tra gli Stati Membri per immesso sul mercato e per raccolta

Quest'anno per la prima volta nel report del CDCNPA compare un focus dedicato all'Europa i commenti di due importanti rappresentanti del mondo dei rifiuti di pile e accumulatori portatili in Europa: Julio Garcia-Burgues, Capo dell'Unità che si occupa di gestione dei rifiuti all'interno della Direzione Generale Ambiente della Commissione Europea e Hans Craen, Segretario Generale dell'EPBA, l'associazione europea dei produttori di batterie portatili. 


Dai dati forniti dall'EPBA risulta che in Europa ogni anno vengono immesse sul mercato oltre 210.000 tonnellate di pile e accumulatori portatili pari a oltre 10 miliardi di pezzi, una quantità che è rimasta abbastanza costante negli ultimi anni. 


Il totale di rifiuti gestiti invece è andato crescendo sensibilmente dal 2010 al 2014 passando da circa 55.000 a 85.000 tonnellate. In termini di tasso di raccolta si è passati da circa il 25% del 2010 al 40% del 2014. Il 2014 è l'ultimo anno per cui sono disponibili dati di tutti i paesi europei. 


In termini assoluti, 8 paesi (Germania, Gran Bretagna, Francia, Italia, Polonia, Spagna, Paesi Bassi e Svezia) generano e raccolgono da soli circa l'80% dei rifiuti da pile e accumulatori portatili europei. L'Italia è il quarto paese per immesso sul mercato (il 12% del totale europeo) e per raccolta (l'11% del totale europeo).

 

 

"L'edizione di quest'anno del Report Annuale delle attività del CDCNPA – ha detto Giulio RentocchiniPresidente del CDCNPA - assume un interesse particolare perché fotografa in modo puntuale il lavoro svolto finora e perché ci consente di prendere atto di come l'Italia stia raggiungendoin modo assolutamente efficiente gli appuntamenti che ci ha dato l'Unione Europea. Considerando i dati relativi al CDCNPA, nel 2015 sono stati raccolti oltre il 41% di pile e accumulatori portatili dei 24,4 milioni di kg immessi sul mercato nello stesso anno dai nostri consorziati, in linea con la richiesta europea. Leggermente diversa la tendenza per quanto riguarda gli accumulatori industriali e per veicoli, la cui raccolta presenta tassi lievemente decrescenti. Per spiegare questo trend bisogna chiamare in causa le caratteristiche di questo tipo di rifiuto che, contenendo un materiale prezioso come il piombo, è soggetto a dinamiche di raccolta legate all'andamento del mercato di tale materia, a cui partecipano anche soggetti che operano in maniera indipendente dai sistemi di raccolta dei produttori e daCDCNPA".

 

"L'economia circolare è la scelta strategica – ha commentato Gian Luca GallettiMinistro dell'Ambientenella prefazione al Report del CDCNPA - che l'Italia ha compiuto per avviarsi a uno sviluppo sostenibile. La corretta raccolta e il recupero dei rifiuti è ancora più importante quando parliamo di pile e accumulatori. Su questi, l'Italia ha già raggiunto un elevato target di raccolta. Sono convinto che l'impegno del Centro di Coordinamento Nazionale Pile e Accumulatori, unito all'azione del Governo, ci consentirà di essere pienamente in linea con i modelli europei, che ci chiamano a una sempre maggiore ambizione. Continueremo a lavorare fianco a fianco, nella consapevolezza che solo attraverso azioni coordinate come quelle che il Centro Nazionale ha dimostrato di saper metter in atto, potremo raggiungere risultati brillanti e consentire al nostro Paese di diventare un esempio virtuoso per l'Europa".

 

Roma28 giugno 2016



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Google
 


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI